Politica 25 Marzo 2021 12:56

Vaccino ReiThera, tra i volontari per sperimentazione anche il leghista Tiramani: «Giusto promuovere la ricerca made in Italy»

Il deputato del Carroccio, selezionato dalla sua Asl di appartenenza, è tra i 900 volontari per la sperimentazione di fase due e tre del vaccino ‘italiano’. Obiettivo: arrivare per l’estate al via libera e produrre 100 milioni di dosi

Sono in tanti a credere nella scienza e nella ricerca made in Italy. Sono però in pochi a mettersi in gioco in prima persona per aiutare le sperimentazioni italiane ad avere successo. Uno di questi è il deputato della Lega e sindaco di Borgosesia Paolo Tiramani che ha messo da parte ogni remora e, dopo essere stato contattato dall’Asl di appartenenza, è tra i volontari della sperimentazione di seconda e terza fase per il vaccino italiano ReiThera: in tutto sono 900 i volontari arruolati in 26 centri in Italia e uno in Germania da parte dell’azienda che opera a Castel Romano, a sud della Capitale. Nella fase due i 900 volontari sono divisi in tre coorti: uno riceverà un placebo, uno un’unica dose, uno due dosi. Nonostante qualche piccolo effetto collaterale, a pochi giorni dalla somministrazione troviamo Tiramani nel pieno della sua attività alla Camera.

Onorevole, ci racconti com’è andata…

«Sono stato selezionato dalla mia Asl locale per sottopormi alla fase sperimentale 2 e 3 di ReiThera. Ho accettato subito di buon grado. Mi è sembrato un buon segnale verso la nazione e i miei concittadini e mi sono sottoposto venerdì scorso all’inoculazione del vaccino. Poteva essere vaccino, mezza dose o placebo ma per gli effetti collaterali che ho avuto direi che sicuramente era vaccino».

Quando glielo hanno proposto che considerazioni ha fatto?

«Credo sia giusto promuovere ciò che la nostra ricerca porta avanti. A livello nazionale l’Italia si è sempre contraddistinta nella ricerca scientifica, ritengo giusto dare fiducia al vaccino made in Italy che risolverebbe, se approvato, con 100 milioni di dosi previste, tutto il problema fabbisogno della nostra nazione».

La sua è una scelta che arriva in un momento in cui molti stanno rinunciando ad AstraZeneca

«I dubbi sono infondati, i casi evidenziati dalla stampa si sono dimostrati non correlati alle vaccinazioni. È importante potersi vaccinare il prima possibile. Credo, e lo vedo da sindaco, che da un punto di vista di piano vaccinale la macchina sia ben organizzata, parlo soprattutto del Piemonte. Mancano purtroppo le dosi vaccinali. Motivo per cui prima il ministro Giorgetti ha riunito tutti i player per poter avere più dosi, poi lo stesso Draghi si è fatto sentire in Europa».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Vaccini, Regimenti (Lega): «Velocizzare campagna e puntare su produzione in Ue»
«L'Italia e l'Europa hanno tutto il potenziale per produrre i vaccini sul proprio territorio» sottolinea l'eurodeputata della Lega Luisa Regimenti
Tumori, Lega presenta mozione alla Camera: «Sostenere Piano oncologico europeo e Piano Samira. Usare fondi del Next Generation»
Il testo è a prima firma della deputata Vanessa Cattoi: «Su temi come questi, ci aspettiamo tempi rapidi e massima condivisione in Parlamento. Non dimentichiamoci che, accanto alla pandemia, oggi in Italia convivono con il cancro 3,6 milioni di persone»
Eventi avversi vaccini anti-Covid, il terzo rapporto Aifa: «Il 92,7% non gravi»
Sono 46.237 le segnalazioni registrate su un totale di 9 milioni di dosi somministrate, con un tasso di 36 eventi gravi ogni 100 mila somministrazioni. La distribuzione per sesso ed età
Vaccini, Ippolito (Cts): «Rischi Covid maggiori di ipotetici eventi avversi. Tanto basta per decisioni razionali»
Dalle rare reazioni avverse di AstraZeneca e Johnson&Johnson ai dubbi sulla seconda dose, le risposte del direttore scientifico dello Spallanzani e membro del Cts Giuseppe Ippolito
di Peter D'Angelo
Covid, MSF: «Vaccinare persone ad alto rischio nei Paesi in via di sviluppo prima di quelle a basso rischio nei Paesi ricchi»
La presidente di Medici Senza Frontiere Claudia Lodesani: «Il 75% dei vaccini somministrato in 10 Paesi del mondo. Ci sono Stati che non hanno ricevuto ancora una singola dose. I brevetti vanno sospesi per tutta la durata della pandemia»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 aprile, sono 142.112.632 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.030.299 i decessi. Ad oggi, oltre 904,92 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...
Politica

Cosa prevede il nuovo decreto legge, tra scudo penale e obbligo vaccinale per i sanitari

Licenziato il nuovo decreto legge a firma del Consiglio dei Ministri. Tutta Italia rossa e arancione fino al 30 aprile, ma scuole aperte fino al primo anno di secondaria. Arrivano obbligo vaccini per ...