Salute 3 Maggio 2021 15:28

Figliuolo annuncia: «Presto vaccinazioni nelle scuole». Si pensa ad estendere l’età per AstraZeneca

Figliuolo annuncia l’approssimarsi della vaccinazione di massa, pensa ad hub anche nelle scuole. Per correre incontro alla necessità, il Commissario straordinario è in colloquio con Aifa e Iss per ridurre l’età di somministrazione per AstraZeneca

Figliuolo annuncia: «Presto vaccinazioni nelle scuole». Si pensa ad estendere l’età per AstraZeneca

L’Italia segna 20,7 milioni di somministrazioni su 24,7 milioni di vaccini arrivati. Il prossimo carico è in arrivo il 6 maggio e per allora i restanti 4 milioni saranno inoculati. Ne parla fiducioso il Commissario all’Emergenza Francesco Paolo Figliuolo, che da qualche giorno ha potuto finalmente toccare con mano le 500mila vaccinazioni giornaliere come da programma.

Vaccinazione nelle scuole

«La campagna – ha detto – sta procedendo secondo quello che avevo prefigurato all’inizio». Aggiungendo che nei prossimi mesi si potrebbe pensare alle «vaccinazioni anche nelle scuole, come si faceva una volta negli anni Settanta», quando il problema era il vaiolo. A maggio arriveranno 15-17 milioni di nuove dosi. «Con la somministrazione del vaccino anti-Covid agli over 80 ci siamo – ha continuato Figliuolo – con una copertura già dell’85% e sugli over 70 siamo lì. Su over 60 invece è opportuno insistere. Dobbiamo completare queste classi, poi apriremo in maniera multipla e parallela su tutte le altre classi di età».

Inizierà quindi la vera e propria vaccinazione di massa. Con possibilità di somministrare «anche ai 730 punti aziendali in modo da vaccinare in fretta le classi produttive, penso al settore turistico, alberghiero». Con l’estate quindi il comandamento sarà coinvolgere sempre di più medici di base, farmacie e chiunque possa vaccinare in larga scala. Per ora il lavoro migliore lo ha fatto la Liguria, somministrando l’88,6% delle dosi ricevute. A seguire Umbria, Emilia Romagna e Veneto. Mentre l’ultimo posto è della Calabria con il 76,2% di dosi somministrate.

AstraZeneca, si pensa ad abbassare l’età

Ma Figliuolo non si accontenta, per velocizzare le somministrazioni pensa a un abbassamento dell’età di somministrazione per AstraZeneca, ora sconsigliata agli under 60. «AstraZeneca è un vaccino consigliato per determinate classi – ha spiegato -. L’Ema dice che va bene per tutti. E probabile che in quella che si chiama rolling review, cioè la revisione dovuta all’esperienza durante le vaccinazioni di massa, si possa raccomandare AstraZeneca su una classe inferiore ai 60. Si sta pensando a questo, ho avuto interlocuzioni con Aifa, Cts, Consiglio superiore di Sanità e Istituto Superiore di Sanità, anche sulla base degli studi più avanzati che ci sono in Gran Bretagna dove hanno finora utilizzato 21 milioni di vaccini».

Sulla nuova età da considerare però non ci sono anticipazioni. Intanto dal mondo della sanità arrivano molti inviti a non dimenticare giovani e giovanissimi nelle vaccinazioni. Non per scongiurare forme gravi, dato che in questo caso non sarebbe necessario, ma per favorire la sospirata immunità di gregge. Contenere le infezioni asintomatiche significherebbe rallentare il virus ma bisognerebbe farlo prima di settembre e del ritorno sui banchi di scuola.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Generale Figliuolo: «Ora si punta al 90% di prime dosi»
Figliuolo punta dritto alla meta: superare l'86% di prime dosi e arrivare al tetto di 90. L'Italia ha fatto meglio di Francia, Germania e Regno Unito e ora punta a un nuovo risultato con le terze dosi
Vaccinare tutto il mondo si può? Il maggiore ostacolo sono le terze dosi
Finora solo il 2% dei paesi più poveri ha ricevuto un dose di vaccino contro Covid-19, nella riunione delle Nazioni Unite i leader hanno stabilito il 70% come obbiettivo entro settembre 2022. Ad oggi sembra impossibile
Report Iss: dopo 7 mesi vaccini mRna ancora efficaci all’89%
Nei primi mesi di vaccinazione rimane elevata la protezione del rischio di infezione nella popolazione generale mentre è stata osservata una riduzione di efficacia nel tempo per immunocompromessi e fragili
Speranza: «Italia in ripartenza, ben oltre 80% vaccinati con prima dose»
Il numero delle vaccinazioni e la ripresa economica del Paese legati a filo doppio secondo il Ministro Speranza, che ora invita all'ultimo sforzo nel superare l'80% anche per le seconde dosi: «Una delle scoperte più straordinarie della storia dell'umanità»
Figliuolo conferma: «Terze dosi a immunodepressi da settembre»
I vaccini per le terze dosi ci sono e si comincia subito con gli immunodepressi: lo ha detto il Generale Figliuolo, celebrando l'80% di prime dosi raggiunto. Intanto dall'EMA la conferma che la decisione è del singolo stato
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 2 dicembre, sono 263.601.780 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.226.923 i decessi. Ad oggi, oltre 8 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano