Politica 29 Marzo 2021 12:20

Scuola, la chiusura fa male alla salute mentale dei più giovani. Siani (Pd): «Servono più posti letto in neuropsichiatria infantile»

Aumentano casi di insonnia, autolesionismo, bulimia e anoressia. Il pediatra e deputato dem ha presentato una risoluzione in Commissione Affari Sociali in cui chiede di implementare la attività di telepsichiatria e di dare vita ad un osservatorio sulla condizione della salute mentale dell’adolescente e del minore

Scuola, la chiusura fa male alla salute mentale dei più giovani. Siani (Pd): «Servono più posti letto in neuropsichiatria infantile»

In questi mesi di pandemia tra le categorie che più hanno subito i contraccolpi delle chiusure ci sono bambini e ragazzi. Colpa, naturalmente, della chiusura delle scuole che, in quanto luogo di inevitabile assembramento, possono diventare potente veicolo di diffusione dell’infezione da Covid-19.

Ad un anno dall’inizio della pandemia, però, si inizia a scoprire l’altro lato della medaglia, cioè le gravi ripercussioni sulla salute mentale dei giovani provocate dall’assenza della scuola, posto che la DAD non può colmare il vuoto di socialità che si è venuto a creare.

Aumentano i disturbi neuropsichiatrici

Tanti i segnali preoccupanti in questi ultimi mesi: prima l’allarme lanciato da Stefano Vicari, responsabile di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza del Bambino Gesù, sull’aumento degli atti di autolesionismo e dei tentativi di suicidio tra i più giovani. Poi la conferma arrivata dall’ospedale pediatrico Meyer di Firenze che ha segnalato dieci tentativi di suicidio tra giovanissimi in due mesi. Ma notizie di questo tipo arrivano con sempre maggiore frequenza da tutta Italia.

«I miei colleghi mi dicono che sono notevolmente aumentati tutti i disturbi neuropsichiatrici: da quelli dell’alimentazione, come anoressia e bulimia, ai disturbi del sonno dei bambini fino ad arrivare a casi di tentato suicidio che sono una cosa assolutamente molto rara nell’infanzia», spiega a Sanità Informazione Paolo Siani, pediatra e deputato del Pd. «A questo si aggiunge il fatto che i posti letto di Neuropsichiatria infantile in Italia sono un numero che già prima della pandemia era del tutto insufficiente, e quindi ora quasi inesistente. Per cui questi bambini vengono ricoverati nei reparti di pediatria senza tutta l’assistenza di cui hanno effettivamente bisogno».

Una risoluzione per la salute mentale di bambini e adolescenti

Una situazione esplosiva che ha spinto Siani a presentare una risoluzione in Commissione Affari Sociali alla Camera (ancora da calendarizzare) per sollevare il tema e chiedere che il governo intervenga. Nella mozione si chiede di salvaguardare la salute fisica e mentale dell’infanzia e dell’adolescenza; rafforzare la medicina territoriale; sviluppare reti di connessioni e di servizi di sostegno con le scuole; incrementare il numero di posti letto dedicati alla Neuropsichiatria infantile; creare un Gruppo multidisciplinare di coordinamento centrale, nazionale o regionale; istituire la figura dello psicologo all’interno dei reparti di Pediatria e Neonatologia degli ospedali del SSN; implementare la attività di tele-psichiatria e di tele-supporto psicologico; dare vita ad un osservatorio sulla condizione della salute mentale dell’adolescente e del minore a seguito delle misure prese per contrastare l’emergenza sanitaria.

«La prima cosa da fare – continua Siani – è aumentare il numero di posti letto negli ospedali pediatrici, aumentare sul territorio i servizi di Neuropsichiatria e quindi gli ambulatori territoriali e creare una rete tra la pediatria di famiglia, gli ospedali pediatrici e la neuropsichiatria per intercettare questi bambini ai primi segni di disagio e quindi evitare che arrivino a manifestare patologie più complesse» sottolinea Siani, che poi si rivolge ai genitori: «Ai primi segni bisogna rivolgersi al proprio pediatra che conosce il bambino e si accorge subito se c’è un disagio. Tuttavia, al momento, se il pediatra ritiene che c’è bisogno della consulenza di uno psichiatra è in difficoltà perché i posti sono pochi e c’è un imbuto».

Riaperture scuole, perché no e perché sì

La mozione arriva proprio nel momento in cui a causa della terza ondata Covid le scuole sono chiuse in gran parte d’Italia e le forze politiche (ma anche gli scienziati) si interrogano sulla possibilità di riaprirle. «Si sta dando poca attenzione in generale all’infanzia – commenta Siani -. Chiudere la scuola sicuramente vuol dire proteggere la popolazione e i bambini ma vuol dire anche esporre i bambini e gli adolescenti a una carenza non solo di cultura ma anche di socialità, di amicizia. Tuttavia, la questione non può essere risolta come fosse un derby. I dati che noi abbiamo adesso, riferiti a dicembre 2020, dicono che i bambini si ammalano poco e si ammalano con una complessità della malattia molto modesta rispetto agli adulti, ed è emerso che si ammalano più in famiglia che a scuola. Ma è anche vero che scuola vuol dire tutto un mondo che ruota attorno: mezzi di trasporto, mamme e papà che accompagnano i bambini, ecc. D’altro canto, non fare scuola comporta dei problemi di socializzazione, di cultura, di povertà educativa. È una chiusura che porta dei danni, quindi bisognerà troverà il giusto equilibrio. È un tema molto complicato su cui nessuno nel mondo ha trovato una soluzione equilibrata. Potrebbe andare a nostro vantaggio l’arrivo dei mesi caldi dove si può provare a fare scuola all’aperto».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid-19, svelato il motivo per cui i bambini si ammalano molto meno
Una molecola “chiave” che apre le porte al virus è meno attiva. Lo hanno scoperto i ricercatori del CEINGE-Biotecnologie Avanzate di Napoli, studiando i meccanismi di attacco del virus all’interno delle prime vie respiratorie in soggetti di età inferiore o superiore ai 20 anni
Estate, annegamento tra 10 cause di morte per i bambini. I consigli dell’ISS per prevenire rischi
Secondo l’Istituto Superiore di Sanità sono sufficienti dai 3 ai 6 minuti per annegare, anche perché «un bambino che si trova in difficoltà in acqua non riesce a gridare o a chiedere aiuto»
Nel 2020 23 milioni di bambini non hanno ricevuto i vaccini di routine. L’allarme Oms-Unicef
23 milioni di bambini hanno saltato almeno una dose di un vaccino di base nel 2020, 17 milioni probabilmente non ne hanno ricevuta nemmeno una. Oms e Unicef chiedono ai paesi di tornare a impegnarsi per evitare focolai multipli
Formazione medici, Carnevali (Pd): «Ottimo risultato l’aumento delle borse, ora tocca alle altre professioni»
«Un ottimo risultato quello dell’aumento a 17.400 borse di specializzazione per il 2021 frutto della determinazione del ministro Speranza e del grande lavoro parlamentare che nei vari provvedimenti ha sempre messo a tema la questione dell’’imbuto formativo. Sono i professionisti della sanità architrave del sistema pubblico e l’investimento più prezioso anche di fronte alle innovazioni […]
Conferenza sulla Salute Mentale, Speranza: «Pronti ad investire. Stop alla contenzione meccanica dei pazienti psichiatrici»
Presentato il Documento del tavolo tecnico che analizza lo stato di attuazione del “Piano di Azioni Nazionale per la Salute Mentale” ad otto anni dalla sua approvazione
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 luglio, sono 196.654.595 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.199.164 i decessi. Ad oggi, oltre 4 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva