Salute 13 Aprile 2021 11:12

Andreoni: «Covid molto più pericoloso del vaccino. Rischioso ritardare somministrazione seconda dose»

L’infettivologo: «Tante persone rinunciano alla vaccinazione in maniera insensata. Centinaia di decessi giornalieri dovrebbero spaventare molto di più di fenomeni gravissimi ma eccezionali»

Andreoni: «Covid molto più pericoloso del vaccino. Rischioso ritardare somministrazione seconda dose»

Imparare dagli errori per far sì che non si ripetano. Con questo obiettivo il docufilm Covid-19, Il Virus della Paura realizzato da Consulcesi e patrocinato dal Ministero della Salute debutta sulla piattaforma Infinity.

Il film ha un duplice intento: formare i professionisti e offrire ai cittadini una rielaborazione accurata della pandemia smontando fake news e teorie antiscientifiche e del complotto che circolano ancora oggi. Per creare un percorso formativo specifico ed esaustivo sul Covid-19, alla pellicola si sono aggiunti anche un e-book e una collana di corsi Ecm offerti dal provider di Consulcesi Club Sanità in-Formazione.

Andreoni: «Noi del tutto impreparati»

Nel gruppo di esperti che ha partecipato al progetto Massimo Andreoni, direttore del reparto Malattie Infettive a Tor Vergata, Roma, che ha espresso al nostro giornale alcune considerazioni. L’infettivologo ha posto l’accento sull’impreparazione generale del Paese di fronte all’emergenza sanitaria, riferendosi non solo alle carenze organizzative e strutturali ma anche alla mancanza di una comunicazione pubblica univoca e chiara, individuando gli errori fatti e che continuano a ripetersi.

Andreoni: «Ecco gli errori da non ripetere»

«Il primo errore è stato farci trovare del tutto impreparati ad una pandemia, ci ha colto in assoluto di sorpresa – ha spiegato Andreoni -. Non c’era una preparazione a livello di sanità pubblica, né diagnostica né assistenziale, non avevamo strutture pronte a confrontarsi con un evento epidemico-pandemico». Altri limiti e mancanze sono arrivati dal territorio «non in grado di sopperire alle difficoltà degli ospedali – ha ricordato l’infettivologo -. Oltre alle terapie intensive, è mancata la risposta a tanti malati ambulatoriali, c’è stata improvvisazione».

L’importante della comunicazione forte ed efficiente

Il professore ha ravvisato in Italia «una mancanza culturale» che ha ostacolato l’immediata comprensione delle misure di contenimento, dei comportamenti suggeriti, come indossare mascherine di protezione e procedere al lavaggio delle mani e al distanziamento «a differenza di altre parti del mondo».

Secondo Andreoni, nel nostro Paese è mancata anche una strategia di comunicazione univoca ed efficace da parte dei media e dei comunicatori scientifici: «Altrove sono stati pochi e ben selezionati. Noi siamo stati tutti coinvolti in maniera improvvisata e anche le istituzioni, Ministero della Salute e Istituo Superiore di Sanità, sono stati travolti dall’evento».

Tutto questo ha generato paure e incertezze e il proliferare di bufale, approssimazione e falsi miti. Ma la comunicazione, dopo un anno, è migliorata? «Si continuano a fare errori. Manca ancora una strategia istituzionale a livello comunicativo – ha sottolineato Andreoni -. Le manchevolezze che ho descritto hanno facilitato la vita alle fake news che trovano terreno fertile. Di fronte ad una comunicazione incerta o non ben chiarita, chi vuole seminare dubbi ha grande facilità a farlo».

«AstraZeneca ha funzionato correttamente in termini di riduzione di ricoveri e mortalità»

Riguardo al vaccino AstraZeneca, ad esempio, prima riservato agli under 65 e ora consigliato agli over 60, Andreoni ha specificato: «È un chiaro esempio di quanto sarebbe stato opportuno spiegare le motivazioni per cui si stava procedendo in quella direzione, con le nuove conoscenze e studi sul vaccino. Non è semplice adesso recuperare la fiducia delle persone. Il messaggio che doveva emergere è uno solo: AstraZeneca ha funzionato correttamente in termini di riduzione di ricoveri e mortalità».

L’infettivologo pensa che il fatto «di dover spiegare “la scienza” ai cittadini, che non hanno le conoscenze utili a comprendere tecnicismi scientifici e complicati, ha creato e sta creando non pochi problemi. Oggi tante persone – ha aggiunto – rinunciano alla vaccinazione in maniera insensata, visto che nei nostri ospedali continuiamo a ricoverare e ad assistere a centinaia di decessi giornalieri. Questo dovrebbe spaventare molto di più che casi rari di fenomeni, gravissimi, ma che rimangono nell’eccezionalità».

«La malattia molto più pericolosa della vaccinazione. Per questo dovete vaccinarvi»

C’è una reale confusione, a parer suo, perché manca una credibilità istituzionale. Il messaggio da inviare è semplice e deve essere recepito in modo netto: «La malattia molto più pericolosa della vaccinazione. Per questo dovete vaccinarvi».

Anche l’ipotesi di ritardare la seconda dose dei vaccini a mRNA non trova favorevole Andreoni: «La sperimentazione è stata fatta con 21 e 28 giorni. Dire che si può aspettare di più senza averlo dimostrato è una presunzione che può portare due rischi. Innanzitutto, che tra la prima e la seconda dose ci sia una fase di non sufficiente copertura – ha concluso – e che la seconda dose non riesca a stimolare l’immunità in modo sufficiente. Queste sono ipotesi, ma andrebbero dimostrate. Cambiare le cose per “comodità” non è, nuovamente, un messaggio di grande chiarezza. Queste variazioni, che possono avere anche delle giuste motivazioni, creano insicurezza e confusione nei cittadini».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Giornata contro AIDS. Andreoni (Simit): «Il 95% dei pazienti oggi ha una vita normale, negli anni ‘80 moriva»
Il direttore scientifico della Simit: «La maggior parte dei soggetti con HIV in cura è over 60: l’età che avanza è la dimostrazione che le terapie funzionano. Necessario incrementare gli screening: con test eseguiti solo alla comparsa dei sintomi le diagnosi sono tardive»
di Isabella Faggiano
Al via il Forum Risk Management. Al centro la riforma del Ssn e la formazione dei professionisti sanitari
Giannotti: «Da Arezzo idee e proposte per la sanità del futuro». Brusaferro: «Imparare dalla pandemia»
Al via “Serendipity”, progetto multidisciplinare sulla salute mentale post Covid
Lo tsunami emotivo subito a livello mondiale fa temere una ‘coda lunga’ di disagi a causa dello stress cronico, l’incertezza, ricadute di disturbi preesistenti, ansia e fattori scatenanti di tipo ambientale. Il progetto vuole verificare quanto l’impatto della pandemia in Italia abbia avuto le stesse ricadute del resto del mondo
Perché l’Europa sta tornando ai giorni più bui della pandemia da Covid-19?
Il vecchio continente è l’epicentro della nuova ondata. Come si stanno attrezzando i Paesi europei per contrastare il nuovo aumento dei contagi? Se lo chiede il The Guardian
Pandemia da SARS-CoV-2, l’esperienza di ASST Rhodense
Il libro a cura dei medici Martino Trapani e Ginevra Squassabia è stato presentato mercoledì 10 novembre 2021 presso i Dazi dell’Arco della Pace di Milano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al primo dicembre, sono 262.857.019 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.216.780 i decessi. Ad oggi, oltre 7,99 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano