Lavoro 12 Aprile 2021 17:14

La saga di AstraZeneca: come una comunicazione sbagliata può ostacolare un ottimo vaccino

Il vaccino Vaxzevria, meglio noto come AstraZeneca, presenta un ottimo profilo di efficacia e sicurezza nonostante una percezione negativa che gran parte del pubblico ha sviluppato, principalmente causata da errori di comunicazione e di comportamento da parte del produttore

di Guido Rasi, ex Direttore Esecutivo dell'EMA e Direttore Scientifico Consulcesi
La saga di AstraZeneca: come una comunicazione sbagliata può ostacolare un ottimo vaccino

Cominciamo con il distinguere il reale valore del vaccino Vaxzevria, meglio noto come AstraZeneca, in termini di salute pubblica. Questo infatti presenta un ottimo profilo di efficacia e sicurezza nonostante una percezione negativa che gran parte del pubblico ha sviluppato, principalmente causata da errori di comunicazione e di comportamento da parte del produttore.

I toni trionfalistici di AstraZeneca

L’approccio di AstraZeneca è stato fin dall’inizio quello di anticipare i risultati con toni sempre trionfalistici in conferenze stampa ancor prima della pubblicazione su riviste scientifiche. Il momento più critico è stato nella comunicazione degli spettacolari risultati ottenuti con una dose più bassa, risultata poi essere frutto del caso e di un errore di dosaggio da parte dei tecnici dell’università di Oxford e non di una strategia voluta come si voleva far credere.

Inoltre la comunicazione è stata fatta in maniera confusa dal CEO, invece che dagli organi tecnici che avrebbero potuto spiegare più facilmente la situazione senza minare la fiducia del pubblico e creare grande preoccupazione per le agenzie regolatorie che prima o poi sarebbero state chiamate a valutarne i risultati.

Le evidenze e i limiti d’età

Inoltre AstraZeneca ha prodotto inizialmente evidenze molto eterogenee riguardo al numero delle osservazioni nelle differenti fasce di età, a cui si sono associate notevoli differenze di efficacia, e mostrando la massima efficacia al di sotto dei 55 anni. Successivamente sono arrivati i risultati della vaccinazione in corso in Gran Bretagna su milioni di casi mostrando chiaramente che questo vaccino sia stato in grado di prevenire completamente la malattia grave e la morte, soprattutto nella popolazione anziana.

In molti Paesi europei invece si è deciso di utilizzarlo in differenti fasce di età riferendosi alla maggiore efficacia emersa dai dati iniziali. Ad esempio, l’Italia ha posto il limite a 55 anni, altri a 60 ed altri ancora a 65.

AstraZeneca ed il rischio di trombosi rare

Con l’ampio utilizzo in Europa sono emersi anche i primi segnali di un possibile effetto avverso legato all’utilizzo di questo vaccino: si tratta di un raro tipo di trombosi associata a piastrinopenia con leggera prevalenza per il sesso femminile e la popolazione al di sotto dei 60 anni.

Anche qui ogni autorità sanitaria nazionale ha assunto differenti decisioni, ciascuna giustificabile ma che ha contribuito a generare dubbi ed esitazione nelle popolazioni. La comunicazione è stata oggettivamente difficile sia per la rapidità di evoluzione degli scenari sia per il contesto altamente emotivo. Inoltre, alla difficoltà di comunicazione delle istituzioni si è aggiunto il sensazionalismo con cui alcuni media hanno scelto di commentare la campagna vaccinale, utilizzando titoli terrorizzanti, ponendo maggiore enfasi su singoli casi di potenziali reazioni avverse senza contemporaneamente contestualizzare e mettere in parallelo i tragici esiti quotidiani dell’infezione da Covid-19.

L’EMA aveva approvato l’utilizzo di Vaxzevria per tutta la popolazione dai 18 anni in poi ed ha confermato il positivo rapporto di beneficio-rischio indipendentemente dalla fascia di popolazione considerata in due successive revisioni. Suggerendo anche di continuare ad utilizzare il vaccino nel proprio Paese in base a quattro precise indicazioni: la disponibilità dei vaccini, l’andamento della diffusione dell’infezione, la capienza ospedaliera e il numero di soggetti già vaccinati, rispondendo cioè semplicemente alle differenti esigenze strategiche ed organizzative di ciascun Paese.

Le autorità sanitarie italiane, dopo l’ultima risoluzione dell’EMA, hanno rapidamente deciso di continuare la campagna vaccinale in atto utilizzando Vaxzevria prioritariamente nella popolazione compresa dagli 80 ai 60 anni. Questa nuova impostazione strategica, comunicata ed implementata con una chiara ordinanza del Commissario Straordinario, mira a perseguire due importanti obiettivi: il primo quello di proteggere la popolazione che sta pagando il tributo più alto in termini di eventi fatali per la malattia da Covid-19, ed il secondo quello di massimizzare il rapporto benefico-rischio in popolazioni (over 60) che non sembrano presentare gli stessi potenziali effetti avversi.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Liberiamo i medici di famiglia dalle scartoffie e includiamoli nell’innovazione
La decisione dell'Aifa di consentire ai medici di famiglia di prescrivere gli antivirali contro Covid-19 rappresenta un'occasione d'oro per far uscire gli mmg dall'isolamento burocratico a cui sono stati relegati
di Guido Rasi, ex Direttore Esecutivo dell'EMA e Direttore Scientifico Consulcesi
Tumore al seno metastatico, i risultati dello studio DESTINY-Breast04
I primi risultati di fase 3 di trastuzumab deruxtecan sul carcinoma mammario metastatico con bassi livelli di HER2 (HER2 Low) indicano che la molecola di Daiichi Sankyo e AstraZeneca ha il potenziale di ridefinire il modo in cui la malattia è trattata
In Italia in arrivo il primo farmaco con due monoclonali per prevenire il Covid-19
Destinato ai pazienti fragili, il cocktail di anticorpi è stato messo a punto da AstraZeneca ed è in grado con una sola dose di ridurre il rischio di sviluppare la malattia in forma sintomatica ed ha una copertura di sei mesi. Da affiancare al vaccino, risulta essere efficace anche contro Omicron
Da dove viene Omicron? Le tre teorie più probabili spiegate bene dal prof. Rasi
Una "fuga invisibile" perché sviluppatasi in un Paese poco monitorato, una serie di mutazioni incubate da un soggetto con patologia cronica oppure un retropassaggio verso una specie animale tra le più pericolose per le malattie: quella di topi e ratti. Come si è sviluppata Omicron con le sue 55 mutazioni, lontanissima da Alpha e Delta che da sola ha contagiato più in due mesi di quanto le prime due abbiano fatto in anni? Lo abbiamo chiesto al prof. Rasi, consigliere di Figliuolo e direttore scientifico di Consulcesi
«La Omicron è veloce, vale la pena limitare i danni. Potrebbe essere anche l’ultima»
«Le recenti misure sulla quarantena ed isolamento sembrano logiche rispetto ad un “ambiente Omicron”, ma scontano l’incertezza della coesistenza della Delta e la debolezza diagnostica. Si richiede di evitare inutili quarantene, ma si rischiano milioni di persone immobilizzate, questa volta dalla malattia»
di Guido Rasi, ex Direttore Esecutivo dell'EMA e Direttore Scientifico Consulcesi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 ottobre 2022, sono 620.487.013 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.554.599 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (6 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi in caso di reinfezioni?

I sintomi delle reinfezioni tendono a essere più lievi, anche se non si possono escludere forme gravi della malattia. I più comuni sono: affaticamento, febbre, tosse e mal di gola