Mondo 7 Aprile 2021 18:01

AstraZeneca, il verdetto dell’Ema: «Trombosi raro effetto collaterale ma benefici superano i rischi»

«Le evidenze scientifiche al momento disponibili non consentono di individuare specifici fattori di rischio né di raccomandare strategie per limitare la possibilità di trombosi». Ora gli Stati decideranno se modificare le loro strategie vaccinali

AstraZeneca, il verdetto dell’Ema: «Trombosi raro effetto collaterale ma benefici superano i rischi»

Trombosi rare tra gli effetti collaterali del vaccino AstraZeneca. Questa l’attesa decisione dell’Agenzia europea del farmaco che ha analizzato 86 casi di trombosi verificatesi dopo la somministrazione del vaccino inglese in Europa, 18 dei quali fatali. In totale, al 4 aprile, sono stati riportati 222 casi di trombosi su 44 milioni di persone vaccinate. Numeri e percentuali estremamente piccoli, quindi, che non giustificano uno stop al vaccino: «I benefici superano i rischi», ripetono come un mantra dall’ormai noto tavolo bianco della sede dell’Ema, ad Amsterdam. «Il rischio di morire per Covid-19 è molto più alto».

Né, al momento e sulla base delle evidenze scientifiche disponibili, è possibile individuare specifici fattori di rischio che possano permettere di raccomandare gli interventi da adottare per azzerare il rischio: i casi riportati, infatti, riguardano sia donne che uomini di tutte le età, anche se la maggior parte riguarda donne under 60. Una spiegazione plausibile, dicono i rappresentanti dell’Agenzia, potrebbe essere il fatto che il 60% delle persone vaccinate in Europa è donna. Ma, come viene più volte sottolineato, non è ancora possibile stabilire un nesso tra sesso, età, quadro clinico e comparsa di effetti collaterali.

I sintomi della trombosi

Ciò che si osserva è una risposta immunitaria al vaccino simile a quella che compare in alcuni pazienti trattati con l’eparina. Fondamentale, allora, riconoscere precocemente i sintomi, che includono fiato corto, dolore al petto, gonfiore alla gamba, dolore addominale, sintomi neurologici come vista offuscata e mal di testa persistente. Questi i segnali da tenere presente nelle due settimane successive alla somministrazione del vaccino AstraZeneca e da comunicare al proprio medico.

L’impatto sulla campagna vaccinale

La palla ora passa quindi agli Stati, che sulla base delle indicazioni arrivate dall’Agenzia europea dovranno stabilire se modificare o meno la strategia vaccinale, tenendo anche in considerazione la situazione pandemica in ogni singolo Paese, la disponibilità di vaccini e la tenuta del Sistema sanitario. Prevista alle ore 18.00 una riunione dei ministri della Salute dei Paesi Ue per coordinarsi.

«Ogni giorno in Europa muoiono ancora centinaia di persone a causa del Covid-19 – ha puntualizzato il direttore esecutivo dell’Ema Emer Cooke – e questo vaccino, così come gli altri disponibili in Europa, ha confermato di essere efficace nel ridurre mortalità e ospedalizzazioni. Adesso quindi è importante riconoscere i sintomi che possono indicare una possibile trombosi e riportare ogni segnale al sistema di farmacovigilanza che, come dimostra questo caso, in Europa funziona».

Risposte certe e chiare, quindi, ancora non ci sono: per questo sia l’azienda farmaceutica che alcune università europee, supportate dall’Ema stessa, continueranno a portare avanti studi ed analisi sul vaccino ed il rischio di effetti collaterali, comunicando prontamente i risultati ottenuti.

Vaccini e trombosi

E a proposito di informazioni non ancora definite, non si sa nemmeno quale sia l’incidenza delle trombosi sui vaccinati. Quello che si conosce è il tasso di segnalazione: circa un caso ogni 100 mila vaccinati. Tanto per fare un paragone, su 10 mila donne che assumono la pillola anticoncezionale, in 4 si verificano trombosi.

Lo stesso fenomeno, tra l’altro, è stato osservato anche dopo la somministrazione degli altri vaccini autorizzati dall’Ema: nel caso di Johnson&Johnson, sono stati riportati 3 casi di trombosi con caratteristiche simili su 4,5 milioni di dosi somministrate; 35 i casi osservati in Europa su 54 milioni di dosi Pfizer utilizzate e 5 i casi di Moderna su 4 milioni.

Trombosi che ancora non si sa come trattare: l’Ema sconsiglia l’utilizzo di eparina ma ancora non c’è una linea che convince tutti gli esperti. Tra le possibilità analizzate ci sono altri anticoagulanti, immunoglobuline e steroidi, ma il consiglio fornito agli operatori sanitari è quello di seguire quanto previsto dalle linee guida in casi simili.

Continua anche il confronto sulla possibilità di utilizzare vaccini diversi per la prima e la seconda dose: «In teoria potrebbe funzionare – risponde Peter Arlett, Head of Data Analytics dell’Ema – ma ancora non sono disponibili dati. Non appena ci verranno inviati, li valuteremo e trarremo le nostre conclusioni».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Nuovo report Cabina di Regia: «Scende incidenza ma terapie intensive ancora sopra soglia critica»
Brusaferro: «Rt in decrescita. L’occupazione delle terapie intensive è ancora sopra il 41% e quella delle aree mediche è superiore al 44%». Rezza: «Variante inglese non può essere più definita variante: è il nuovo ceppo»
Studio Tsunami, il plasma non riduce rischio di peggioramento o morte dei malati Covid
Intervista al coordinatore dello studio Francesco Menichetti: «Debole segnale di vantaggio solo in pazienti senza grave insufficienza respiratoria»
di Federica Bosco
Covid-19, Draghi: «I vaccini ci sono. Priorità ai più fragili per riaprire tutto»
Locatelli: «Fiducia su AstraZeneca. Eventi avversi estremamente rari»
Terapie domiciliari Covid, Senato approva Odg che impegna governo ad aggiornare protocolli e linee guida
Una mozione della Lega è stata trasformata in Ordine del giorno sottoscritto da tutti i partiti. Previsto anche un tavolo di monitoraggio ministeriale. Soddisfazione da parte di Erich Grimaldi, Presidente del Comitato Terapie Domiciliari
Anticorpi monoclonali, dagli infettivologi appello ai medici di medicina generale per trovare i candidati
Al San Paolo di Milano, uno dei 17 centri della Lombardia autorizzati da Aifa per il trattamento, la professoressa D’Arminio Monforte chiede aiuto ai colleghi di medicina generale per velocizzare i tempi, non affollare il pronto soccorso e attuare la procedura che sta dando ottimi risultati
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 aprile, sono 136.063.656 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.937.096 i decessi. Ad oggi, oltre 773,55 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...