Salute 7 Aprile 2021 22:29

Vaccino AstraZeneca raccomandato agli over 60: la circolare del Ministero della Salute

Locatelli (CSS): «Trombosi superiori all’aspettato fino ai 60 anni ma inferiori all’atteso negli over 60. Obiettivo è mettere in sicurezza le popolazioni con la letalità più alta»

Vaccino AstraZeneca raccomandato agli over 60: la circolare del Ministero della Salute

A poche ore dalla conferenza stampa dell’Ema che ha confermato il plausibile nesso di causalità tra trombosi rare e vaccino AstraZeneca e quando la riunione dei ministri della Salute dei Paesi Ue è ancora in corso, il presidente del Consiglio Superiore di Sanità Franco Locatelli ha annunciato in conferenza stampa che le istituzioni sanitarie italiane raccomandano l’uso preferenziale del vaccino inglese agli over 60. È una circolare del Ministero della Salute a prevedere le indicazioni precise per le Regioni.

Sono i numeri ad aver portato le istituzioni ad adottare questa decisione: «Gli eventi trombotici osservati sono superiori all’aspettato fino all’età di 60 anni ma inferiori all’atteso nei soggetti sopra i 60 anni di età», spiega Locatelli. Che aggiunge: «Il tasso di letalità del Covid-19 è superiore al 20% oltre gli 80 anni, al 10% per i settantenni, al 3% per i sessantenni, per poi scendere in maniera rilevante per i più giovani». Da qui la decisione di alcuni Paesi europei (Germania, Francia e Spagna) di raccomandare un uso preferenziale del vaccino AstraZeneca in determinate fasce di età, «con l’obiettivo di mettere in sicurezza le popolazioni con la letalità più alta», precisando che «il vaccino è approvato oltre i 18 anni e non è proibito somministrarlo dai 18 anni in su».

AstraZeneca, ok alle secondi dosi

E chi ha meno di 60 anni e ha già ricevuto la prima dose? «Al momento non ci sono elementi che suggeriscano l’opportunità di cambiare vaccino, quindi possono ricevere tranquillamente la seconda dose – risponde Locatelli -. Ma quando il numero di persone che avranno ricevuto entrambe le dosi aumenterà(ad oggi, in Europa, 600 mila persone e al momento nessuno ha riportato eventi gravi), sarà importante fare ulteriori riflessioni».

Strategie vaccinali da adattare

«Questo è un vaccino efficace, che protegge dalla malattia. Ed il calo della mortalità per Covid nel Regno Unito ne è la dimostrazione concreta – aggiunge Gianni Rezza, direttore generale della Prevenzione del Ministero della Salute -. E nella situazione che stiamo vivendo è normale che all’aumento delle conoscenze che abbiamo possano seguire modifiche delle indicazioni. È previsto nel piano strategico stesso. Adatteremo quindi le strategie vaccinali, utilizzando se possibile i vaccini anche in maniera migliore».

Benefici superiori ai rischi

Intanto però la confusione, l’incertezza e la paura scatenate dall’odissea AstraZeneca rischiano di far aumentare il numero di persone che rifiuteranno il vaccino inglese. «Il prodotto funziona, gli effetti collaterali sono rarissimi, alcuni farmaci comunemente utilizzati ne hanno di peggiori con incidenze ben più alte, il Covid è molto più pericoloso», ripetono gli esperti da giorni.

È lo stesso Locatelli ad anticipare una delle tante possibili repliche: come mai AstraZeneca era considerato il vaccino per i più giovani e adesso anche questo è raccomandato per i più anziani? «La prima indicazione era relativa ai dati di efficacia del vaccino – spiega il Presidente del CSS -. Dagli studi clinici era evidente che aveva connotazioni più robuste sotto i 55 anni, ma non c’era mai stato un profilo di tossicità. Con l’incremento delle informazioni provenienti dal mondo reale, su milioni di soggetti, si è avuta evidenza della validità importante del vaccino anche negli over 55 e adesso abbiamo il fenomeno di trombosi molto rare ma più frequenti dell’atteso fino ai 60 anni. I vantaggi in termini di copertura dai rischi di sviluppare una malattia grave, comunque, superano di gran lunga i potenziali rischi che sono, lo ripetiamo, molto rari». Alla prossima puntata?

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Draghi: «Assurdo vaccinare uno psicologo di 35 anni». La risposta degli psicologi: «È stato il Governo a sancire l’obbligo per tutti i sanitari»
Lazzari (CNOP): «Siamo increduli. Quando il vaccino era volontario circa la metà degli psicologi vi aveva rinunciato, mostrando un grande senso di responsabilità. Si tratta di professionisti che onestamente avevano ritenuto che le proprie condizioni di lavoro (a distanza) non potessero mettere a rischio lo stato di salute dei propri pazienti»
di Isabella Faggiano
AstraZeneca, il verdetto dell’Ema: «Trombosi raro effetto collaterale ma benefici superano i rischi»
«Le evidenze scientifiche al momento disponibili non consentono di individuare specifici fattori di rischio né di raccomandare strategie per limitare la possibilità di trombosi». Ora gli Stati decideranno se modificare le loro strategie vaccinali
“No profit on pandemic”, al via la raccolta firme europea contro i brevetti dei vaccini anti-Covid
Cimino (Medicina democratica): «Solo la diffusione su scala globale dei vaccini può fermare l’emergenza Covid. La pandemia non è il momento per il segreto industriale. L’Italia punta alla raccolta di 180 mila firme»
di Isabella Faggiano
Ostetriche, oltre 20mila professioniste pronte a sostenere la campagna vaccini anti-Covid
La presidente Vicario: «Già nel Regio Decreto, nei primi decenni del ‘900, promuovevamo la diffusione delle vaccinazioni disponibili in qualità di ostetriche condotte. Oggi, sosteniamo la prevenzione di malattie come l’Hpv o le patologie che si possono contrarre in gravidanza»
di Isabella Faggiano
Vaccini, GIMBE: «Solo il 28,3% degli over 80 ha ricevuto entrambe le dosi»
Il monitoraggio della Fondazione GIMBE rileva, nella settimana 24-30 marzo, una lieve riduzione dei nuovi casi, un aumento dei decessi e un peggioramento degli indicatori ospedalieri
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 aprile, sono 136.063.656 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.937.096 i decessi. Ad oggi, oltre 773,55 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...