Salute 28 Aprile 2022 12:16

Liberiamo i medici di famiglia dalle scartoffie e includiamoli nell’innovazione

La decisione dell’Aifa di consentire ai medici di famiglia di prescrivere gli antivirali contro Covid-19 rappresenta un’occasione d’oro per far uscire gli mmg dall’isolamento burocratico a cui sono stati relegati

di Guido Rasi, ex Direttore Esecutivo dell'EMA e Direttore Scientifico Consulcesi
Liberiamo i medici di famiglia dalle scartoffie e includiamoli nell’innovazione

Quando l’Agenzia italiana del farmaco ha autorizzato i medici di medicina generale alla prescrizione degli antivirali contro Covid-19, molti colleghi hanno espresso i loro dubbi e le loro perplessità. Il timore, per certi versi giustificato, è aver dato ai medici di famiglia l’ulteriore responsabilità di gestire un tipo di terapia effettivamente molto delicata. In parte condivido queste preoccupazioni, ma dall’altra parte ritengo che la decisione dell’Aifa sia stata necessaria e certamente appropriata.

L’apertura delle prescrizioni degli antivirali agli mmg è un’occasione d’oro

I medici di medicina generale sono laureati in medicina e previo specifico aggiornamento professionale possono e devono avere la possibilità di prescrivere qualsiasi farmaco. Anzi aver incluso i medici di medicina generale nella gestione degli antivirali può essere considerata un’occasione d’oro per correggere un errore di sistema che ha portato alla progressiva esclusione dei medici di famiglia dall’innovazione. Oggi i medici di famiglia vengono sommersi dalle scartoffie. Il loro lavoro viene troppo spesso mortificato dalle incombenze burocratiche.

Includere i medici di famiglia nell’innovazione potenzia la medicina del territorio

Questa involuzione del ruolo del medico di medicina generale è stato un processo lento che va avanti da molti decenni. Per molto tempo in Italia, infatti, è prevalsa un tipo di politica più farmaco-economica che famaco-clinica. Per decenni la prescrizione dei farmaci è stata limitata al solo ambito specialistico. Ma in quella che dovrebbe essere l’evoluzione naturale della gestione di un nuovo farmaco, si dovrebbe iniziare autorizzando alla prescrizione prima gli specialisti e poi allargare progressivamente ai medici di medicina generale. È solo così che possiamo potenziare davvero la medicina del territorio di cui abbiamo avuto più volte prova di averne assoluto bisogno.

Serve un aggiornamento professionale diverso, più semplice e veloce

Questo però non significa riportare improvvisamente i medici di medicina generale al loro vecchio ruolo. Includerli nell’innovazione significa innanzitutto fornire gli strumenti che consentano loro di governarla. E l’unico strumento che abbiamo a disposizione è la formazione Ecm, seguita poi da un’attenta verifica dell’acquisizione delle conoscenze disponibili. La formazione a cui mi riferisco non quella a cui moltissimi di loro sono stati abituati in tutti questi anni. Ma un aggiornamento professionale nuovo, specifico, veloce e di semplice accesso. Di cui purtroppo oggi in Italia abbiamo solo pochissimi esempi.

La formazione Ecm non deve rubare tempo al convulso lavoro ordinario dei medici di famiglia

Non serve più una formazione Ecm fatta da lunghissimi papiri da studiare e valutare o pesanti e noiosi corsi da seguire, che rubano tempo al già convulso lavoro ordinario. Bisogna invece concepire e soprattutto applicare un sistema formativo moderno ed efficace, che sfrutti le possibilità offerte dalla tecnologia. Penso ad esempio ai corsi multimediali con possibilità di accedere a immagini, video e materiali interattivi. Penso a verifiche veloci e mirate, a cui può seguire un’abilitazione automatica.

È necessario aggiornare i medici di famiglia sulle conoscenze accumulate su Covid-19

Se tutto questo fosse stato messo a sistema già dall’inizio della pandemia avremmo potuto contare sull’aiuto di un più numeroso esercito di professionisti, ben radicati nel loro territorio. Se avessimo condiviso progressivamente tutto il sapere accumulato sul virus Sars-CoV-2 e su Covid-19 di settimana in settimana con i medici di medicina generale, sono convinto che la gestione dell’emergenza ne avrebbe giovato molto e, con essa, anche i pazienti. Ma con i “se” e con i “ma” non possiamo cambiare il passato. Tuttavia, possiamo fare meglio per il futuro.

Facciamo uscire i medici di medicina generale dall’isolamento burocratico

Aver autorizzato i medici di medicina generale a prescrivere gli antivirali può essere quindi un’opportunità per tutti. A cominciare dai pazienti che possono avere un più semplice e veloce accesso a un trattamento contro Covid-19 che si è rivelato molto promettente nel prevenire l’ospedalizzazione e la mortalità. Ma anche per i medici di medicina generale che – o almeno così mi auguro – possono iniziare ad uscire da quell’isolamento burocratico in cui sono stati relegati ormai da molto tempo. E per il sistema sanitario in generale, così bisognoso di una medicina territoriale più solida e forte. Stiamo parlando di un cambiamento importante, per certi versi vitale. considerato che ancora oggi non sappiamo quando l’emergenza Covid-19 finirà. Ma è un cambiamento che va gestito e governato con coscienza, conoscenza e formazione continua.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Terzo inverno di pandemia, ma con armi spuntate. I limiti della quarta dose e dei monoclonali
Due nuovi studi pubblicati sul New England Journal of Medicine mettono in dubbio l'efficacia della quarta dose e degli anticorpi monoclonali contro le varianti del virus attualmente predominanti
Sanità, Parente (Iv): «Proposta Fdi su medicina territoriale non convince, peso non può ricadere solo su medici base»
«I medici di medicina generale sono già in difficoltà nella loro attività quotidiana e non mi sembra il caso di addossargli la responsabilità di fare anche gli specialisti» spiega la presidente della commissione Sanità Annamaria Parente
Gb: meno visite faccia a faccia fanno bene all’ambiente e al portafogli
Nel Regno Unito c'è un acceso dibattito sull'opportunità di aumentare le visite a distanza dei pazienti per i suo effetti benefici contro l'inquinamento e per il risparmio economico
Anticorpi monoclonali e antivirali efficaci anche contro nuove sottovarianti di Omicron
Zazzi, co-presidente ICAR: «Si inizia a capire meglio quali parti della proteina spike tendono a rimanere stabili nel tempo e questo aiuta molto nei criteri di selezione dei monoclonali. Le funzioni virali colpite dagli antivirali invece non sono soggette a forte evoluzione»
Lombardia indietreggia, infermieri come supporto e non supplenti dei mmg
La Direzione Generale del Welfare in Lombardia risponde alle critiche dei medici, precisando in una nota che gli infermieri possono aiutare e non sostituire i medici di famiglia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 2 dicembre 2022, sono 644.116.374 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.637.943 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa