Formazione 14 Luglio 2021 12:31

Pnrr e nuovo Ssn, Castellone (M5S): «Formazione giovani al centro per potenziare medicina del territorio»

Secondo la senatrice, membro della Commissione Igiene e Sanità, è «necessario estendere l’esercizio della Medicina Generale anche agli specialisti in Medicina di Comunità e Cure Primarie»

Pnrr e nuovo Ssn, Castellone (M5S): «Formazione giovani al centro per potenziare medicina del territorio»

«La Commissione Igiene e Sanità del Senato ha davvero contribuito a scrivere il Piano nazionale di ripresa e resilienza. Adesso è importante declinare tutte le previsioni fatte in norme e riforme che siano davvero attuate. Lo diciamo da tre anni che serve ripartire dal territorio per la sanità del futuro. All’inizio sembravano idee quasi strampalate. Ma lo abbiamo visto anche con questa pandemia: nelle Regioni dove era presente una rete territoriale la risposta al Covid-19 è stata più efficiente». Così la senatrice del Movimento 5 Stelle Mariolina Castellone che nei giorni scorsi ha presenziato al convegno “Quale formazione per il medico delle cure primarie alla luce delle indicazioni fornite dal Pnrr?”. «Partendo da questo è quindi fondamentale definire quelle riforme che facciano bene al Paese».

«Necessario estendere esercizio Medicina Generale a specialisti in Medicina di Comunità e Cure Primarie»

«Al centro delle nostre riforme – ha spiegato – deve esserci una formazione sempre più qualificante, al passo con i tempi e al passo con gli standard europei a partire dalla specializzazione in Medicina di Comunità e Cure Primarie. Per questo è necessario estendere l’esercizio della medicina generale agli specialisti in Medicina di Comunità e Cure Primarie nell’ambito della dirigenza medica, così come già fatto per l’organizzazione dei servizi sanitari di base nel 2018 e per le cure palliative nel 2020».

Cosa fare con le risorse del Pnrr

«Che al centro della nuova riforma della sanità dovesse esserci la valorizzazione del personale sanitario a partire dalla formazione dei giovani medici – spiega ancora la senatrice Castellone – è chiaro da quando ad inizio legislatura abbiamo quasi raddoppiato i contratti di formazione specialistica. Nel 2018 avevamo solo 2.600 contratti disponibili, motivo per cui si era creato il famoso imbuto formativo, ovvero molti medici si laureavano e non potevano entrare nel percorso di specializzazione». Oggi, invece, i posti sono 17.400.

Ciò che la senatrice chiede è che «venga potenziata sempre di più la programmazione di specialisti in base al fabbisogno di salute della popolazione. Fabbisogno che oggi ci suggerisce che debba essere rafforzato il territorio, e quindi la medicina territoriale». Ecco perché, secondo la Castellone, andrebbe rivista anche la formazione della medicina generale «per creare medici del territorio sempre più formati per gestire non solo le cronicità ma anche le cure primarie nella loro totalità. E la proposta che stiamo avanzando è quella di partire da una scuola di specializzazione che già esiste, ovvero quella in Medicina di Comunità e Cure Primarie, la quale forma medici che operano nelle cure primarie e che a nostro avviso dovrebbero operare anche come mmg».

«Valorizzare il merito e la competizione nel pubblico per tamponare emorragia verso il privato»

Fin qui, dunque, si parla di formazione e nuovi posti per contrastare l’imbuto formativo. La questione, però, non si ferma qui, perché una volta formati i professionisti della sanità, al fine di rafforzare il Ssn, è necessario “convincerli” a lavorare nel pubblico ed evitare che passino al privato o, peggio ancora, vadano all’estero. Per fare questo, la senatrice Castellone è convinta che sia necessario «valorizzare sempre di più», anche nel pubblico, «il merito e le competenze. Servono sistemi di valutazione dei risultati che vengono raggiunti. Diciamo spesso – spiega – che questo Paese è poco meritocratico e paga o premia poco il merito. A nostro avviso, dunque, ben venga la valutazione dei risultati che si raggiungono e chi raggiunge buoni risultati deve essere premiato. Solo in questo modo – conclude – anche nelle strutture pubbliche del Servizio sanitario nazionale il lavoro diventerà sempre più qualificante».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Legge di Bilancio, commissione sull’origine del Sars-Cov-2 e Dl capienze: la settimana in Parlamento
Al Senato entra nel vivo l’esame della legge di Bilancio con il voto ai primi emendamenti. In commissione Affari sociali alla Camera iniziano le votazioni sulla legge delega sulla disabilità. Sull’eutanasia settimana cruciale per capire se si riuscirà ad andare in Aula il 13 dicembre
di Francesco Torre
Professioni sanitarie, Riposati: (educatori professionali): «Parola d’ordine, multidisciplinarietà»
Intervista al presidente della commissione d’albo nazionale, intervenuto al secondo congresso nazionale della Federazione Nazionale dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica e delle Professioni Sanitarie Tecniche, della Riabilitazione e della Prevenzione
«Con il PNRR ci aspettiamo una rivoluzione del sistema dei laboratori». Parla Saverio Stanziale, presidente della CdA dei TSLB
Il presidente della Commissione d’Albo dei Tecnici Sanitari di Laboratorio biomedico promuove l’innovazione del direttore assistenziale in Emilia Romagna e sottolinea: «Può tradurre al meglio le nostre competenze». Poi chiede l’ampliamento della formazione universitaria di base
di Francesco Torre
Value Based Healthcare Ecosystem, Desideri: «I quattro punti di forza del PNRR per implementare la sanità di valore»
La pandemia ha rinsaldato i principi della Value Based Healthcare. Desideri: «Il PNRR si concentra su quattro punti essenziali; medicina del territorio, approccio multiprofessionale, reti e ospedali di prossimità e sanità digitale»
Al Senato via all’iter della Legge di Bilancio 2022. Eutanasia e legge delega sulla disabilità nella settimana parlamentare
Dal 15 al 21 novembre si discuterà anche dell’estensione del Green pass sui luoghi di lavoro, dove manca il via libera di Montecitorio, e dell’istituzione della commissione d’inchiesta sull’origine del Sars-CoV-2
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al primo dicembre, sono 262.857.019 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.216.780 i decessi. Ad oggi, oltre 7,99 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano