Politica 14 Luglio 2021 12:31

Pnrr e nuovo Ssn, Castellone (M5S): «Formazione giovani al centro per potenziare medicina del territorio»

Secondo la senatrice, membro della Commissione Igiene e Sanità, è «necessario estendere l’esercizio della Medicina Generale anche agli specialisti in Medicina di Comunità e Cure Primarie»

Pnrr e nuovo Ssn, Castellone (M5S): «Formazione giovani al centro per potenziare medicina del territorio»

«La Commissione Igiene e Sanità del Senato ha davvero contribuito a scrivere il Piano nazionale di ripresa e resilienza. Adesso è importante declinare tutte le previsioni fatte in norme e riforme che siano davvero attuate. Lo diciamo da tre anni che serve ripartire dal territorio per la sanità del futuro. All’inizio sembravano idee quasi strampalate. Ma lo abbiamo visto anche con questa pandemia: nelle Regioni dove era presente una rete territoriale la risposta al Covid-19 è stata più efficiente». Così la senatrice del Movimento 5 Stelle Mariolina Castellone che nei giorni scorsi ha presenziato al convegno “Quale formazione per il medico delle cure primarie alla luce delle indicazioni fornite dal Pnrr?”. «Partendo da questo è quindi fondamentale definire quelle riforme che facciano bene al Paese».

«Necessario estendere esercizio Medicina Generale a specialisti in Medicina di Comunità e Cure Primarie»

«Al centro delle nostre riforme – ha spiegato – deve esserci una formazione sempre più qualificante, al passo con i tempi e al passo con gli standard europei a partire dalla specializzazione in Medicina di Comunità e Cure Primarie. Per questo è necessario estendere l’esercizio della medicina generale agli specialisti in Medicina di Comunità e Cure Primarie nell’ambito della dirigenza medica, così come già fatto per l’organizzazione dei servizi sanitari di base nel 2018 e per le cure palliative nel 2020».

Cosa fare con le risorse del Pnrr

«Che al centro della nuova riforma della sanità dovesse esserci la valorizzazione del personale sanitario a partire dalla formazione dei giovani medici – spiega ancora la senatrice Castellone – è chiaro da quando ad inizio legislatura abbiamo quasi raddoppiato i contratti di formazione specialistica. Nel 2018 avevamo solo 2.600 contratti disponibili, motivo per cui si era creato il famoso imbuto formativo, ovvero molti medici si laureavano e non potevano entrare nel percorso di specializzazione». Oggi, invece, i posti sono 17.400.

Ciò che la senatrice chiede è che «venga potenziata sempre di più la programmazione di specialisti in base al fabbisogno di salute della popolazione. Fabbisogno che oggi ci suggerisce che debba essere rafforzato il territorio, e quindi la medicina territoriale». Ecco perché, secondo la Castellone, andrebbe rivista anche la formazione della medicina generale «per creare medici del territorio sempre più formati per gestire non solo le cronicità ma anche le cure primarie nella loro totalità. E la proposta che stiamo avanzando è quella di partire da una scuola di specializzazione che già esiste, ovvero quella in Medicina di Comunità e Cure Primarie, la quale forma medici che operano nelle cure primarie e che a nostro avviso dovrebbero operare anche come mmg».

«Valorizzare il merito e la competizione nel pubblico per tamponare emorragia verso il privato»

Fin qui, dunque, si parla di formazione e nuovi posti per contrastare l’imbuto formativo. La questione, però, non si ferma qui, perché una volta formati i professionisti della sanità, al fine di rafforzare il Ssn, è necessario “convincerli” a lavorare nel pubblico ed evitare che passino al privato o, peggio ancora, vadano all’estero. Per fare questo, la senatrice Castellone è convinta che sia necessario «valorizzare sempre di più», anche nel pubblico, «il merito e le competenze. Servono sistemi di valutazione dei risultati che vengono raggiunti. Diciamo spesso – spiega – che questo Paese è poco meritocratico e paga o premia poco il merito. A nostro avviso, dunque, ben venga la valutazione dei risultati che si raggiungono e chi raggiunge buoni risultati deve essere premiato. Solo in questo modo – conclude – anche nelle strutture pubbliche del Servizio sanitario nazionale il lavoro diventerà sempre più qualificante».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
PNRR, il modello della nuova sanità digitale non convince. L’esperta: «Lacune su sicurezza e competenze»
Per Sarah Ungaro, avvocato e vicepresidente ANORC professioni, le linee guida per la telemedicina e assistenza domiciliare sono confuse e prive di riferimenti precisi su responsabilità, protezione dei dati e formazione del personale. «Se non in linea con l’Europa si rischia uno spreco di fondi»
PNRR e responsabilità professionale, Gelli: «Fondamentale formazione del personale sanitario per non sprecare risorse»
Cosa è cambiato a cinque anni dalla Legge 24 del 2017? Lo abbiamo chiesto alla persona che le ha dato il nome
PNRR e assistenza anziani. Capurso (ANASTE): «Poche risorse: solo una prestazione a settimana per paziente»
La carenza di assistenza domiciliare non è controbilanciata da una presenza adeguata sul territorio di RSA. Il presidente ANASTE: «In Italia il numero di residenze raggiunge appena il 50% della media dei paesi dell’OCSE. Mancano geriatri e infermieri»
PNRR, le proposte FNO TSRM-PSTRP. Calandra: «Fondamentali gli standard del fabbisogno di personale»
In un documento le proposte della federazione che racchiude 19 professioni sanitarie: si punta su formazione universitaria, case della salute e telemedicina. La presidente Calandra: «L’obiettivo è quello di un costante miglioramento nei processi di prevenzione, diagnosi, cura e riabilitazione»
di Francesco Torre
Dal PNRR nuove tecnologie per la sanità. Ma gli italiani non sanno usarle e l’Italia è troppo poco connessa
Analfabetismo digitale e connessione scadente, Boggetti (Confindustria Dispositivi Medici): «Gli anziani sono tra coloro che avrebbero più bisogno dei servizi di telemedicina, ma non sanno usarli. E la maggior parte di loro vive in zone d’Italia dove si fa fatica pure a fare una telefonata, figuriamoci scambiare dati ad alta risoluzione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 13 maggio, sono 520.120.789 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.260.307 i decessi. Ad oggi, oltre 11,39 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?

Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...