Formazione 12 Luglio 2021 09:02

Scuole di specializzazione, aumentano i posti: per il 2021 sono 17.400

«Risultato straordinario» per il ministro Speranza. Soddisfatti Ordini e sindacati

Scuole di specializzazione, aumentano i posti: per il 2021 sono 17.400

Le borse di specializzazione in medicina finanziate dal Governo per l’anno accademico 2020/2021 sono 17.400. Il ministro della Salute Roberto Speranza, di concerto con il ministro dell’Università e della Ricerca Maria Cristina Messa e con il ministro dell’Economia e delle Finanze Daniele Franco, ha firmato il decreto che prevede 4.200 borse di specializzazione in più. L’aumento da 13.200 contratti inizialmente previsti a 4.200 è stato possibile grazie a quanto previsto nell’ambito del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e per rispondere ai fabbisogni segnalati dalle Regioni e dalle PA.

Speranza: «Un risultato straordinario, pone le fondamenta per il SSN del futuro»

«Per il 2021 il Governo mette a disposizione 17.400 borse di specializzazione in medicina – ha affermato il ministro Speranza – per altrettanti giovani laureati. Sono il doppio di quelle che esistevano fino a due anni fa e quasi il triplo di quelle stanziate negli anni precedenti. È un risultato straordinario – ha aggiunto – e pone le fondamenta per il SSN del futuro».

Il ministro Messa ha precisato che il Governo è riuscito a rispondere «alle richieste di un fabbisogno formativo decisamente aumentato grazie a una rete universitaria forte, adeguata, pronta a rispondere alle sollecitazioni e alle richieste in continua evoluzione senza cedere sulla qualità dell’offerta».

«Negli ultimi anni – si legge nella nota del ministero – il numero delle borse di specializzazione finanziate dallo Stato è stato in costante crescita, passando dalle 5.000 nell’anno 2014/2015 alle 13.400 del 2019/2020 per toccare il numero di 17.400 di questo anno accademico».

Il 20 luglio test di ammissione alle prove di specializzazione

Il Ministero della salute e il Ministero dell’università e della ricerca ricordano il test di ammissione alle prove di specializzazione si svolgerà il prossimo 20 luglio. Con un decreto del ministro dell’Università e della Ricerca si definirà la distribuzione dei posti presso le diverse Scuole di specializzazioni mediche.

Anelli: «Un risultato mai raggiunto negli anni passati»

Il Presidente della Fnomceo Filippo Anelli parla di «un risultato mai raggiunto negli anni passati» e ringrazia il ministro Speranza «per il suo impegno senza sosta per il raggiungimento di questo obiettivo» quello dell’Economia Franco e il ministro Messa «per aver aumentato l’offerta senza cedere sulla qualità».

«La lezione del Covid non è rimasta inascoltata – continua Anelli -. Ci si è finalmente resi conto che non mancano i medici, ma gli specialisti. Specialisti che vanno formati nei tempi previsti, per rendere il nostro SSN responsive sia di fronte alla routine sia di fronte alle emergenze, come è stata e continua ad essere la pandemia di Covid».

«Emettere bando per il Corso di Formazione Specifica per la Medicina Generale»

Per Anelli è ora concreta la possibilità di assorbire l’imbuto formativo, permettendo a tutti i medici di completare il loro percorso. Il prossimo passaggio deve essere «emettere anche il bando per il Corso di Formazione Specifica per la Medicina Generale, portando i posti nel post lauream a circa ventimila. E formando sia gli specialisti, che si focalizzano su un apparato, sia i medici di medicina generale, che leggono l’organismo nel suo insieme, e, con la loro prossimità e con il loro rapporto peculiare con il cittadino, costituiscono il front office del nostro Servizio Sanitario». Prossimo passo sarà, infine, «l’atteso provvedimento normativo che, per legge, faccia corrispondere a ogni laurea in Medicina un posto nelle Scuole o al Corso, rendendo la formazione del medico un unicum» conclude Anelli.

Filippi (Cgil Medici): «Finalmente un fatto concreto, siamo soddisfatti»

«Finalmente un fatto concreto di cui siamo molto soddisfatti». È il commento compiaciuto del segretario nazionale della Fp Cgil Medici e Dirigenti Ssn, Andrea Filippi.  Finalmente – afferma – viene data una spallata importante, anche se non definitiva, all’imbuto formativo che per anni ha afflitto migliaia di medici laureati con le loro famiglie e che dà ossigeno vero al SSN soffocato da anni di tagli. Ora, secondo Filippi «dopo questo sforzo straordinario, mai visto prima, è necessario adeguare definitivamente i fabbisogni formativi a quelli di personale e agli standard assistenziali. Serve un piano di assunzione straordinario, ad iniziare dallo sblocco del tetto di spesa per il personale, impegno che il Ministro Speranza ha già assunto in diversi contesti» conclude Filippi.

Grasselli (FVM): «Svolta importante per rispondere ai fabbisogni dei medici specialisti»

«Finalmente un Governo che finanzia un aumento delle borse per la Specializzazione di giovani medici». Così Aldo Grasselli, Presidente della Federazione Veterinari Medici e Dirigenti Sanitari sull’aumento di 4.200 contratti per rispondere ai fabbisogni di medici specialisti segnalati dalle Regioni. Una «svolta importante», scrive il Presidente di FVM in una lettera aperta al Presidente del Consiglio Mario Draghi, al Ministro della Salute Roberto Speranza, al Ministro dell’Università e della Ricerca Maria Cristina Messa e al Ministro dell’Economia e delle Finanze Daniele Franco, che aggiunge: «Se ciò è stato possibile grazie a quanto previsto nell’ambito del Pnrr, chiediamo al Ministro della Salute e a tutto il Governo di aprire uno spiraglio alle borse di studio per le altre professioni sanitarie se non ad un nuovo modello di specializzazione attraverso contratti di formazione/lavoro nei Teaching hospital e nei servizi territoriali di tutti i professionisti della dirigenza medica e sanitaria». Medici veterinari, farmacisti, psicologi, biologi, ecc. sostengono infatti le loro specializzazioni «a proprie spese, spesso non hanno accesso ai servizi del Ssn e non entrano “in squadra” in modo funzionale ma seguono studi essenzialmente accademici mentre attraverso contratti di formazione lavoro e borse di studio potrebbero essere utilmente inseriti anche in percorsi di apprendimento sul campo al fianco dei medici specializzandi. La sanità ha bisogno anche di loro».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Medicina senza sangue: perché oggi molti la scelgono
Negli anni ’80 era la tecnica utilizzata per curare i Testimoni di Geova, oggi è in aumento in diverse parti del mondo perché costa meno e comporta meno rischi di infezione
Tempo di iscrizioni universitarie, per i figli dei medici Enpam 30mila euro di sussidio
Il bando prevede, per chi rientra nei requisiti, una borsa di studio di 5mila euro l’anno per le spese nei collegi di merito. Priorità agli iscritti in Medicina e Odontoiatria
ECM, Leoni (Fnomceo): «Prima responsabilità verso il paziente. Per deontologia e per legge»
L’intervista a tutto tondo a Sanità Informazione: «Formazione ECM uno stimolo ogni giorno. Investire sul personale medico e infermieristico, riprogrammare le risorse per la sanità territoriale. Bisogna considerare la sanità come un investimento e non come un costo in termini di salute dei cittadini»
Abolire il numero chiuso a Medicina, lo chiede il sottosegretario Costa
Secondo Costa il numero chiuso a Medicina non è meritocratico e chiede alla ministra Messa di trovare una soluzione con "verifica di obbiettivi di rendimento"
San Raffaele, primi test di Medicina e Prof. sanitarie a Milano e Roma. Le impressioni dei ragazzi
60 quiz di logica, comprensione del testo in inglese, biologia, chimica, fisica e matematica da risolvere in 60 minuti. Il nuovo corso dei test di medicina è partito in salita per gli studenti. Nessuna irregolarità denunciata e tanta determinazione. Presenti i consulenti legali di Consulcesi che ogni anno aiutano con i ricorsi 18 mila studenti ad immatricolarsi
di Federica Bosco e Gloria Frezza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 ottobre 2022, sono 619.806.972 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.552.302 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (6 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi in caso di reinfezioni?

I sintomi delle reinfezioni tendono a essere più lievi, anche se non si possono escludere forme gravi della malattia. I più comuni sono: affaticamento, febbre, tosse e mal di gola