Contributi e Opinioni 8 Giugno 2020

«Concorso MMG, no a sanatorie o escamotage in Dl Rilancio»

«Il lupo perde il pelo ma non il vizio, ed il vizio in questo caso è rappresentato da ulteriori due emendamenti presentati al “Dl Rilancio” da parte degli Onorevoli Giulia Grillo/Manuel Tuzi (5stelle) e Rizzo Nervo (PD). I primi stanno tentando di ampliare la platea medici per l’ accesso in graduatoria riservata, agevolata, al corso di formazione in medicina generale, nonostante il disastroso “Decreto Calabria” da loro proposto lo scorso anno, che nei numeri sulla partecipazione si è rivelato essere un “flop” da un lato e una porta di accesso agevolata agli specialisti dall’altro»

di Claudio Cappelli, Direttivo Nazionale Associazione ALS e Medico di Medicina Generale
Immagine articolo

Gentile Redazione,

il lupo perde il pelo ma non il vizio, ed il vizio in questo caso è rappresentato da ulteriori due emendamenti presentati al “Dl Rilancio” da parte degli Onorevoli Giulia Grillo/Manuel Tuzi (5stelle) e Rizzo Nervo (PD).

I primi stanno tentando di ampliare la platea medici per l’accesso in graduatoria riservata, agevolata, al corso di formazione in medicina generale, nonostante il disastroso “Decreto Calabria” da loro proposto lo scorso anno, che nei numeri sulla partecipazione si è rivelato essere un “flop” da un lato e una porta di accesso agevolata agli specialisti dall’altro.

Il secondo emendamento (Rizzo Nervo, PD) invece amplia proprio la platea di questi ultimi, degli specialisti che cercano rifugio nella medicina del territorio ma non attraverso un regolare concorso, come hanno provato in oltre 500 nel concorso del 2018 iscrivendosi in 50, bensì attraverso l’ampliamento di accesso tramite “Decreto calabria” che infatti ha visto iscrivere quasi 80 specialisti a fronte di 1/3 dei posti disponibili rispetto al concorso MMG18.

Due emendamenti che mortificano le aspettative dei giovani medici, un esercito, quelli si, di aspiranti medici di famiglia che vengono umiliati e demotivati nello studiare per vincere il concorso, da queste sanatorie (Dl Calabria prima ed emendamenti al Dl Rilancio adesso).

Noi non accettiamo che si possa ulteriormente aggredire la professione nella sua componente della formazione in cui crediamo fermamente, che riconosciamo debba essere migliorata e su però cui la Politica, quella con la “P” maiuscola, dovrebbe investire rilanciando il Fondo per il Finanziamento Vincolato per la Formazione in Medicina Generale, ad oggi fermo a poco di meno di 50 milioni di euro l’anno, su cui tra l’altro si annidano sprechi e inefficienze tali da minare la sostenibilità del ricambio generazionale e delle cure primarie nel nostro paese.

Chi propone queste soluzioni “semplici”, attraverso sanatorie, o non ha gli strumenti tecnici per proporre soluzioni più strutturali in uno sguardo di insieme e di visione (e quindi forse sarebbe meglio si facesse da parte nella sua attività parlamentare almeno su questi temi), oppure gli strumenti ce li ha, ma preferisce usare escamotage per soddisfare un elettorato ristretto, per fini che vanno ben oltre la “Tutela della Salute”.

 LEGGI L’ANALISI SUL DL CALABRIA 2019

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
‘Più credibili del dottor Google’: da Consulcesi i 7 passi per migliorare la comunicazione medico-paziente
Con la pandemia i pazienti di dr Google sono raddoppiati. Complice la paura di recarsi dal proprio medico e anche il desiderio quasi ossessivo di diagnosi lampo, il web è diventato il primo posto dove si cerca aiuto
Come ti ricreo la scena del crimine in casa (grazie alla realtà aumentata)
In questo video, il professor Marco Camisani Calzolari, tra i massimi esperti digitali e del web, spiega come solo la formazione a distanza, unita alla realtà virtuale e alle tecnologie più innovative, possono fornire gli strumenti adeguati a preparare al meglio i nuovi professionisti del settore
Speranza al Congresso Fimmg: «Sbloccare i 235 milioni per diagnostica primo livello, anche con poteri straordinari»
«I contagi crescono, alzare il livello di attenzione. Considerato lo scenario europeo, sarebbe un’illusione pensare che siamo fuori pericolo». E sui tamponi rapidi dai medici di famiglia: «Se c’è questa disponibilità Governo e Regioni lavorino subito per dar loro gli strumenti necessari e garantire sicurezza»
Congresso Fimmg, Scotti: «In caso di emergenza, il medico di famiglia diventi un medico condotto 2.0»
Da Villasimius, dove è in corso il congresso della Federazione dei medici di Medicina Generale, il segretario Silvestro Scotti boccia le Case della Salute, si scaglia contro i vaccini antinfluenzali in farmacia e si chiede: «Perché quando si parla di territorio non c’è un sistema di solidarietà regionale?»
La Medicina generale oltre la pandemia”: al via 77° Congresso nazionale FIMMG- Metis
Al via il 77° Congresso FIMMG-Metis che si svolgerà da oggi al 10 ottobre al Tanka Village di Villasimius (Cagliari). Scotti: «Più risorse e Atto di indirizzo che disciplini il nostro ruolo in situazione di emergenza»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Ecm

ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»

Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema E...