Contributi e Opinioni 8 Giugno 2020 11:32

«Concorso MMG, no a sanatorie o escamotage in Dl Rilancio»

«Il lupo perde il pelo ma non il vizio, ed il vizio in questo caso è rappresentato da ulteriori due emendamenti presentati al “Dl Rilancio” da parte degli Onorevoli Giulia Grillo/Manuel Tuzi (5stelle) e Rizzo Nervo (PD). I primi stanno tentando di ampliare la platea medici per l’ accesso in graduatoria riservata, agevolata, al corso di formazione in medicina generale, nonostante il disastroso “Decreto Calabria” da loro proposto lo scorso anno, che nei numeri sulla partecipazione si è rivelato essere un “flop” da un lato e una porta di accesso agevolata agli specialisti dall’altro»

di Claudio Cappelli, Direttivo Nazionale Associazione ALS e Medico di Medicina Generale
«Concorso MMG, no a sanatorie o escamotage in Dl Rilancio»

Gentile Redazione,

il lupo perde il pelo ma non il vizio, ed il vizio in questo caso è rappresentato da ulteriori due emendamenti presentati al “Dl Rilancio” da parte degli Onorevoli Giulia Grillo/Manuel Tuzi (5stelle) e Rizzo Nervo (PD).

I primi stanno tentando di ampliare la platea medici per l’accesso in graduatoria riservata, agevolata, al corso di formazione in medicina generale, nonostante il disastroso “Decreto Calabria” da loro proposto lo scorso anno, che nei numeri sulla partecipazione si è rivelato essere un “flop” da un lato e una porta di accesso agevolata agli specialisti dall’altro.

Il secondo emendamento (Rizzo Nervo, PD) invece amplia proprio la platea di questi ultimi, degli specialisti che cercano rifugio nella medicina del territorio ma non attraverso un regolare concorso, come hanno provato in oltre 500 nel concorso del 2018 iscrivendosi in 50, bensì attraverso l’ampliamento di accesso tramite “Decreto calabria” che infatti ha visto iscrivere quasi 80 specialisti a fronte di 1/3 dei posti disponibili rispetto al concorso MMG18.

Due emendamenti che mortificano le aspettative dei giovani medici, un esercito, quelli si, di aspiranti medici di famiglia che vengono umiliati e demotivati nello studiare per vincere il concorso, da queste sanatorie (Dl Calabria prima ed emendamenti al Dl Rilancio adesso).

Noi non accettiamo che si possa ulteriormente aggredire la professione nella sua componente della formazione in cui crediamo fermamente, che riconosciamo debba essere migliorata e su però cui la Politica, quella con la “P” maiuscola, dovrebbe investire rilanciando il Fondo per il Finanziamento Vincolato per la Formazione in Medicina Generale, ad oggi fermo a poco di meno di 50 milioni di euro l’anno, su cui tra l’altro si annidano sprechi e inefficienze tali da minare la sostenibilità del ricambio generazionale e delle cure primarie nel nostro paese.

Chi propone queste soluzioni “semplici”, attraverso sanatorie, o non ha gli strumenti tecnici per proporre soluzioni più strutturali in uno sguardo di insieme e di visione (e quindi forse sarebbe meglio si facesse da parte nella sua attività parlamentare almeno su questi temi), oppure gli strumenti ce li ha, ma preferisce usare escamotage per soddisfare un elettorato ristretto, per fini che vanno ben oltre la “Tutela della Salute”.

 LEGGI L’ANALISI SUL DL CALABRIA 2019

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Video Chirurgia a distanza al centro del webinar di Emergenza Sorrisi
Giovedì 15 aprile al Policlinico Gemelli il webinar online di Emergenza Sorrisi dedicato a medici chirurghi in tutte le discipline e anestesisti
La sala operatoria al tempo del Covid-19, Alvaro: «Infermieri depositari della sicurezza del paziente»
Il responsabile scientifico del corso Fad offerto dal provider di Consulcesi Club Rosaria Alvaro: «L’infermiere è l’unica presenza costante all’interno delle sale operatorie. Ha la competenza educativa di far rispettare tutti i protocolli che sono stati condivisi in relazione alla pandemia che stiamo vivendo»
ECM: GIFES-Federcongressi&eventi e Formazione nella Sanità firmano il protocollo di intesa
GIFES, l’unità operativa di Federcongressi&eventi, dedicata all’Educazione Continua in Medicina, e l’associazione Formazione nella Sanità hanno firmato il protocollo di intesa che le vedrà collaborare con azioni congiunte per sostenere le attività dei Provider ECM
 A chi compete la certificazione dei crediti formativi erogati dal Provider?
La certificazione compete esclusivamente all’Ordine, Collegio o Associazione professionale di appartenenza del partecipante all’evento. Spetta al Provider, oppure nel caso della sperimentazione, all’ente accreditante, inviare i dati al COGEAPS che li rende disponibili alle suddette istituzioni per la certificazione (cfr.: Accordo Stato-Regioni 5 novembre 2009).
DSA, l’Associazione Italiana Dislessia organizza corsi di formazione gratuita in attesa della legge
Due moduli, realizzati grazie al sostegno del Ministero del Lavoro e delle politiche sociali, permettono ad aspiranti lavoratori e lavoratori con disturbi specifici dell’apprendimento di trovare il proprio percorso professionale
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 13 aprile, sono 136.676.442 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.946.124 i decessi. Ad oggi, oltre 788,19 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...