Contributi e Opinioni 8 Giugno 2020 11:32

«Concorso MMG, no a sanatorie o escamotage in Dl Rilancio»

«Il lupo perde il pelo ma non il vizio, ed il vizio in questo caso è rappresentato da ulteriori due emendamenti presentati al “Dl Rilancio” da parte degli Onorevoli Giulia Grillo/Manuel Tuzi (5stelle) e Rizzo Nervo (PD). I primi stanno tentando di ampliare la platea medici per l’ accesso in graduatoria riservata, agevolata, al corso di formazione in medicina generale, nonostante il disastroso “Decreto Calabria” da loro proposto lo scorso anno, che nei numeri sulla partecipazione si è rivelato essere un “flop” da un lato e una porta di accesso agevolata agli specialisti dall’altro»

di Claudio Cappelli, Direttivo Nazionale Associazione ALS e Medico di Medicina Generale
«Concorso MMG, no a sanatorie o escamotage in Dl Rilancio»

Gentile Redazione,

il lupo perde il pelo ma non il vizio, ed il vizio in questo caso è rappresentato da ulteriori due emendamenti presentati al “Dl Rilancio” da parte degli Onorevoli Giulia Grillo/Manuel Tuzi (5stelle) e Rizzo Nervo (PD).

I primi stanno tentando di ampliare la platea medici per l’accesso in graduatoria riservata, agevolata, al corso di formazione in medicina generale, nonostante il disastroso “Decreto Calabria” da loro proposto lo scorso anno, che nei numeri sulla partecipazione si è rivelato essere un “flop” da un lato e una porta di accesso agevolata agli specialisti dall’altro.

Il secondo emendamento (Rizzo Nervo, PD) invece amplia proprio la platea di questi ultimi, degli specialisti che cercano rifugio nella medicina del territorio ma non attraverso un regolare concorso, come hanno provato in oltre 500 nel concorso del 2018 iscrivendosi in 50, bensì attraverso l’ampliamento di accesso tramite “Decreto calabria” che infatti ha visto iscrivere quasi 80 specialisti a fronte di 1/3 dei posti disponibili rispetto al concorso MMG18.

Due emendamenti che mortificano le aspettative dei giovani medici, un esercito, quelli si, di aspiranti medici di famiglia che vengono umiliati e demotivati nello studiare per vincere il concorso, da queste sanatorie (Dl Calabria prima ed emendamenti al Dl Rilancio adesso).

Noi non accettiamo che si possa ulteriormente aggredire la professione nella sua componente della formazione in cui crediamo fermamente, che riconosciamo debba essere migliorata e su però cui la Politica, quella con la “P” maiuscola, dovrebbe investire rilanciando il Fondo per il Finanziamento Vincolato per la Formazione in Medicina Generale, ad oggi fermo a poco di meno di 50 milioni di euro l’anno, su cui tra l’altro si annidano sprechi e inefficienze tali da minare la sostenibilità del ricambio generazionale e delle cure primarie nel nostro paese.

Chi propone queste soluzioni “semplici”, attraverso sanatorie, o non ha gli strumenti tecnici per proporre soluzioni più strutturali in uno sguardo di insieme e di visione (e quindi forse sarebbe meglio si facesse da parte nella sua attività parlamentare almeno su questi temi), oppure gli strumenti ce li ha, ma preferisce usare escamotage per soddisfare un elettorato ristretto, per fini che vanno ben oltre la “Tutela della Salute”.

 LEGGI L’ANALISI SUL DL CALABRIA 2019

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Non solo Covid. Guido Rasi invita a recuperare le vaccinazioni “in sospeso”
Nel nuovo ebook del direttore Consulcesi, non solo un dettagliato elenco delle vaccinazioni oggi disponibili, ma anche consigli utili agli operatori sanitari per convincere quel 15% della popolazione italiana “esitante”
 A chi compete la certificazione dei crediti formativi erogati dal Provider?
La certificazione compete esclusivamente all’Ordine, Collegio o Associazione professionale di appartenenza del partecipante all’evento. Spetta al Provider, oppure nel caso della sperimentazione, all’ente accreditante, inviare i dati al COGEAPS che li rende disponibili alle suddette istituzioni per la certificazione (cfr.: Accordo Stato-Regioni 5 novembre 2009).
Inserire la comunicazione medico paziente nei percorsi formativi, la proposta di Provenza (M5S)
Il medico e deputato M5S ha presentato una proposta per la predisposizione di un Piano volto al potenziamento degli aspetti comunicativi della relazione del professionista sanitario con il paziente e con i componenti dell’equipe sanitaria. Previsti incentivi anche nella formazione ECM
di Francesco Torre
Scadenza triennio ECM: «Nessuna scusa per chi non ha completato aggiornamento per pigrizia o indolenza»
Mazzacane (Goal): «Lettera Cogeaps è un atto di buona volontà. Gli ordini si adopereranno per informare gli iscritti». Foschi (Cic): «Paradossale che una professione complessa come quella medica abbia un unico momento di “abilitazione”». D’Anna (Onb): «Solo aggiornandosi un operatore sanitario può svolgere al meglio la propria professione»
Montagna che passione, ma più attenzione in alta quota. In arrivo nuovo corso Consulcesi
La montagna si conferma tra le mete estive privilegiate ma i medici avvertono: «Attenzione ai disturbi quando si sale di quota»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 settembre 2022, sono 615.090.972 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.536.966 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi