Salute 12 Aprile 2022 12:36

Medico di famiglia potrà prescrivere antivirali contro Covid. Mmg soddisfatti, ma si teme eccesso di burocrazia

Oggi verrà ufficializzato il via libera da parte dell’Agenzia italiana del farmaco alle prescrizioni dell’antivirale Paxlovid da parte dei medici di famiglia

Medico di famiglia potrà prescrivere antivirali contro Covid. Mmg soddisfatti, ma si teme eccesso di burocrazia

Oggi verrà ufficializzato il via libera da parte dell’Agenzia italiana del farmaco alle prescrizioni dell’antivirale Paxlovid da parte dei medici di famiglia. Nelle prossime ore è attesa infatti l’approvazione del nuovo piano terapeutico da parte della Commissione tecnico scientifica (Cts) dell’Aifa: al medico di famiglia verranno date le istruzioni che gli consentiranno di prescrivere in modo appropriato il farmaco della Pfizer.

All’inizio i medici potranno prescrivere solo il Paxlovid

Per il momento infatti sarà questo l’unico antivirale contro Covid-19 che i medici di famiglia potranno prescrivere. «Probabilmente perché è la molecola su cui ci sono più dati», dice Silvestro Scotti, segretario nazionale della Federazione dei medici di famiglia (Fimmg). «In seguito probabilmente verranno inclusi anche altri antivirali. Dall’Aifa – aggiunge – mi hanno detto che sarà un processo graduale che probabilmente inizierà subito dopo Pasqua».

Indicati i pazienti che potranno ricevere la prescrizione dell’antivirale

Gli antivirali verranno prescritti dal medico di famiglia agli adulti colpiti dal Covid-19, che non necessitano di ossigenoterapia supplementare e che sono ad elevato rischio di progressione della malattia severa. In questo modo la terapia dovrebbe impedire l’ospedalizzazione dei pazienti. «Il ruolo dei medici di famiglia si può rivelare determinante», commenta Claudio Cricelli, presidente della Società italiana di medicina generale (Simg), il quale sottolinea che la decisione dell’Aifa è stata presa in concerto proprio con i medici di famiglia. «I pazienti vulnerabili, fragili, anziani e i soggetti a rischio sono ben noti ai loro medici di medicina generale – continua – e grazie al loro intervento saranno trattati immediatamente a casa senza alcuna trafila burocratica ed inutili dannose attese».

Scotti «bisogna evitare che i medici vengano sommerse da pratiche burocratiche infinite»

E’ invece preoccupato per le possibili lungaggini burocratiche Scotti della Fimmg. «Se l’obiettivo è quello di semplificare la somministrazione di molecole, al momento solo il Paxlovid, sarebbe allora opportuno che i medici non vengano sommersi da pratiche infinite da compilare per ogni prescrizione», auspica Scotti. «Il mio timore – continua – è che i medici di famiglia siano costretti a compilare fascicoli di 20-30 pagine, sottraendo tempo prezioso alle visite ai pazienti. Il rischio è anche quello di scoraggiare la prescrizione di questi antivirali». Scotti ha espresso già le sue perplessità all’Aifa riguardo al possibile risvolto. «Spero che le mie richieste vengano accolte per evitare che i medici di medicina generale soffochino nella burocrazia», sottolinea.

I medici di famigli verranno formati e informati su come, quando e a chi dare gli antivirali

Che i medici di famiglia debbano però essere adeguatamente formati e informati su come, quando e a chi prescrivere gli antivirali contro Covid-19 è indubbio. «Nel giro di poche ore – assicura Cricelli – provvederemo a distribuire un’informazione approfondita e capillare a tutti i MMG italiani attraverso strumenti di informazione e formazione, video tutorial ed implementazione nelle cartelle cliniche di tutte le soluzioni che garantiscano una prescrizione appropriata e rigorosa a tutti i pazienti che debbano ricevere i farmaci antivirali».

I medici saranno formati su possibili interazione degli antivirali con altri farmaci

È infatti fondamentale che i medici di famiglia siano ben informati su quali siano le prescrizioni di Paxlovid. «In particolare sulle interazioni di questa molecola con eventuali altri farmaci che assumono i pazienti», specifica Scotti. I medici di famiglia comunque non sono preoccupati di eventuali errori. «I nostri sistemi permettono già di fare un’ottima stratificazione e selezione dei pazienti per cui la terapia antivirale sarebbe indicata in caso di infezione Covid-19», aggiunge Scotti.

L’antivirale Paxlovid costa molto, ma può salvare numerose vite

Dare ai medici di famiglia la possibilità di prescrivere gli antivirali consentirà a molti più pazienti di accedere a un trattamento che può rivelarsi «salva-vita» o che comunque può risparmiarli un ricovero in ospedale. In effetti, fino ad oggi gli antivirali sono stati ampiamente sottoutilizzati. Basta dare un’occhiata ai dati: dal 4 febbraio ad oggi sono stati usati 6.822 cicli di Paxlovid su 600.000 cicli. Nonostante i dati sull’efficacia siano davvero importanti: 89% nella riduzione di ospedalizzazione e morte. «Il motivo per cui probabilmente si è atteso tanto prima di dare ai medici di famiglia la possibilità di prescrivere l’antivirale è a causa del costo elevato che si aggira intorno ai 600 euro», dice Cricelli. «Ora abbiamo a disposizione circa 100mila dosi e altre 50mila sono in arrivo. Sono convinto che dare ai medici di famiglia la possibilità di prescrivere questi farmaci consentirà di salvare numerose vite», conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Morbillo: mappato il percorso del virus nel cervello
Per la prima volta è stata realizzata una sorta di mappa della diffusione del virus del morbillo nel cervello sulla base dei dati di un paziente colpito da una rara e letale malattia cerebrale, chiaara panencefalite sclerosante subacuta (SSPE). A realizzare l'impresa sono stati i ricercatori della Mayo Clinic in uno studio pubblicato su PLOS Pathogens
Medici di famiglia sull’orlo di una crisi di nervi… Stressati 9 su 10. Pesano Covid, burocrazia e Whatsapp
Il malessere dei medici di famiglia, tra carenza di colleghi, difficoltà a trovare sostituti e una burocrazia sempre più elevata, «è palpabile» e arriva a sfiorare il 90% di professionisti. Lo dicono i sindacati, gli esperti di sanità, gli analisti del settore. E lo dicono i pensionamenti anticipati che crescono
di V.A.
Covid: pericolo scampato? Non per i pazienti fragili: l’appello di AIP OdV
Le infezioni da Sars-CoV-2, così come le altre malattie virali, rimangono un elemento di allerta. In Italia, infatti, si contano ancora circa 30 morti al giorno per infezioni Sars-CoV-2, molti dei quali fanno parte dei cosiddetti «pazienti fragili» (sono 1 su 5 in Italia)
Terzo inverno di pandemia, ma con armi spuntate. I limiti della quarta dose e dei monoclonali
Due nuovi studi pubblicati sul New England Journal of Medicine mettono in dubbio l'efficacia della quarta dose e degli anticorpi monoclonali contro le varianti del virus attualmente predominanti
L’antivirale Paxlovid riduce il rischio di Long Covid
L'antivirale Paxlovid sviluppato contro Covid-19, non solo riduce le probabilità di ospedalizzazione e morte, ma diminuisce anche il rischio di sviluppare il Long Covid. Almeno questo è quanto emerso da uno studio condotto da un gruppo di ricercatori del Dipartimento Veterans Affairs degli Stati Uniti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Approvato in Consiglio dei Ministri il “decreto anziani”. Normata anche la figura del Caregiver

Approvato in via preliminare il Decreto Legislativo sulle politiche in favore delle persone anziane in attuazione della Legge Delega n. 53 del 23 marzo 2023. Stanziamenti per 500 milioni di euro nel b...
di CdRR
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...