Mondo 31 Ottobre 2019 15:42

«In Gran Bretagna Google ha accesso alle cartelle cliniche di milioni di pazienti». Parla Carole Cadwalladr (The Guardian)

La giornalista che ha scoperchiato lo scandalo Cambridge Analytica commenta a Sanità Informazione: «Sappiamo che molti giganti del web stanno raccogliendo dati sanitari, ma non conosciamo il modo in cui sono o potrebbero essere utilizzati. È estremamente preoccupante»

«In Gran Bretagna è in corso un esperimento. DeepMind, un’azienda di proprietà di Google che si occupa di intelligenza artificiale, ha firmato un accordo con il nostro Servizio sanitario nazionale che le consente di accedere alle cartelle cliniche di milioni di persone. Quelli sanitari sono dati particolarmente intimi e personali, che sappiamo essere raccolti da molte aziende di diverso genere. Ma non sappiamo in che modo questi dati vengono utilizzati o potrebbero essere utilizzati». Una situazione che Carole Cadwalladr, giornalista investigativa di The Guardian e The Observer, definisce più volte ai nostri microfoni «molto preoccupante».

LEGGI ANCHE: BRAD SMITH, PRESIDENTE MICROSOFT: «CURA PER IL CANCRO ENTRO IL 2030 GRAZIE A INTELLIGENZA ARTIFICIALE E MACHINE LEARNING»

È la giornalista che ha scoperchiato lo scandalo Cambridge Analytica. Che, per questo, è stata tra i finalisti del premio Pulitzer 2019. Ed esclusa da Facebook per sempre. È colei che per la prima volta ha acceso i riflettori sulle campagne condotte sui social network in modo del tutto incontrollato da Donald Trump e dai sostenitori del “Leave” nel referendum sulla Brexit, plasmando i messaggi elettorali sulle paure dei singoli elettori, ‘profilati’ da Facebook stesso. Poco male se quei messaggi corrispondessero o meno alla verità; quel che è certo è che sono stati anche quei messaggi a determinare i risultati di quelle votazioni, e di chissà quante altre.

Grazie alle sue inchieste Carole Cadwalladr è diventata un’icona della difesa dei dati personali. Per questo è stata invitata alla Conferenza internazionale sulla privacy, che si è svolta nei giorni scorsi a Tirana, in Albania. «Spero che si inizi a prestare la dovuta attenzione a questi temi – prosegue – e che chi utilizza queste piattaforme capisca quanto potere hanno su di noi e su aspetti così diversi delle nostre vite. Spetta a noi essere consapevoli di quanto non siano controllabili, e pretendere dai nostri legislatori che queste aziende siano regolamentate e che rispettino le regole».

LEGGI ANCHE: DATI SANITARI E BLOCKCHAIN PROTAGONISTI DELLA CONFERENZA MONDIALE DELLA PRIVACY A TIRANA. PARLA BUSIA (GARANTE PRIVACY)

Maggiore consapevolezza è l’obiettivo primario che si pongono conferenze di questo genere. Ma l’intento dei giornalisti che portano avanti un lavoro come quello di Carole Cadwalladr è fare in modo che le cose cambino. E qualcosa, effettivamente, sta cambiando: «I giganti del web si stanno comportando in modo diverso, ma non migliore – sottolinea la giornalista del Guardian -. Sappiamo che stanno alzando la posta. Facebook un paio di settimane fa ha annunciato che di fatto permetterà ai politici di utilizzare la sua piattaforma per diffondere menzogne. È una dichiarazione incredibile, rilasciata qualche giorno dopo un incontro a porte chiuse tra il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ed il fondatore di Facebook Mark Zuckerberg. Significa ammettere di conoscere il modo in cui il social network possa essere un vettore chiave per la diffusione di disinformazione. Credo che non ci siano più dubbi sulle modalità in cui queste piattaforme vengono utilizzate. Sono del tutto fuori controllo, e questo è estremamente preoccupante», conclude Carole Cadwalladr.

Articoli correlati
Privacy e professioni sanitarie, tema sensibile sotto la lente di ingrandimento di FNO TSRM PSTRP e Ordine degli Avvocati di Roma
Il 27 aprile in Corte di Cassazione a Roma il convegno su “il manager della privacy in sanità”. Calandra: (FNO TSRM PSTRP): «Argomento sensibile che merita ampia riflessione». L’avvocato Perciballi: «Tema della privacy e del segreto professionale essenziale nel rapporto di fiducia tra il professionista sanitario e la persona assistita»
Vaccini e privacy, cosa succede per le categorie prioritarie?
Online il decalogo del Garante della Privacy sul trattamento dei dati personali connesso alle iniziative volte a promuovere il completamento della vaccinazione dei soggetti appartenenti alle categorie prioritarie
Professioni sanitarie, Commissione Codice Etico al lavoro su multiprofessione, competenza, privacy ed equità. Presto nuova consultazione
Il gruppo di lavoro coordinato dall’avvocato Laila Perciballi si è confrontato anche con le tematiche derivate dalla pandemia, come l’accesso delle persone alle cure in condizioni di risorse sanitarie limitate: «Problema di grande complessità, che richiede di considerare e di contemperare principi diversi. Fondamentale centralità della persona»
Covid-19, boom telemedicina ma privacy a rischio. Gli esperti: «Possibili maxi multe per i medici»
L'allarme di Consulcesi & Partners: «Pericolo sanzioni fino a 20 milioni di euro». I consigli per tutelare la privacy dei pazienti
Dati sanitari, Denham (Commissario informazione UK): «Necessario equilibrio tra protezione e utilizzo per ricerca»
«I dati sanitari sono tra i più sensibili. Le persone sono particolarmente preoccupate quando informazioni di questo tipo vengono violate o non si conosce il modo in cui vengono utilizzate». Così il commissario per l’informazione del Regno Unito Elizabeth Denham
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Salute

In Italia l’obesità uccide 4 volte in più degli incidenti d’auto

Nel nostro paese l'obesità è in aumento esponenziale e sempre più "killer", con un numero di morti all'anno 4 volte superiore a quello degli incidenti d'auto, e una previsione, en...