Mondo 28 Febbraio 2022 11:21

Ossigeno in esaurimento in Ucraina: «Servono scorte, malati in pericolo». L’appello dell’OMS

Il dg OMS Ghebreyesus lancia l’appello per le forniture di ossigeno: malati oncologici, cronici e Covid sono in pericolo in Ucraina. Ai produttori di ossigeno manca anche la zeolite, prodotto di importazione fondamentale

Ossigeno in esaurimento in Ucraina: «Servono scorte, malati in pericolo». L’appello dell’OMS

L’Organizzazione mondiale della sanità lancia un allarme: «L’approvvigionamento di ossigeno medico in Ucraina è pericolosamente basso a causa della crisi». Messaggio seguito dalla richiesta di forniture mediche cruciali e dall’annuncio di una conversazione per un “transito sicuro” delle stesse dalla Polonia.

Il dirigente OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus ha ribadito: «Durante la crisi in Ucraina la salute deve rimanere un pilastro prioritario della risposta umanitaria, con i sistemi sanitari e le strutture assistenziali che rimangono protetti, funzionali, sicuri e accessibili a tutti coloro che hanno bisogno di servizi medici essenziali». Anche gli operatori sanitari devono restare «protetti in modo che possano continuare a salvare vite umane».

Cosa sta succedendo in Ucraina

L’ossigeno è un prodotto salvavita per tanti pazienti ricoverati in gravi condizioni ì, tra cui i 1.700 malati di Covid e sparsi per il Paese. Secondo i report «i camion non sono in grado di trasportare le forniture dagli impianti agli ospedali di tutto il Paese, compresa la capitale Kiev. La maggior parte delle strutture sanitarie potrebbe esaurire le proprie riserve di ossigeno entro le prossime 24 ore. Alcune sono già esaurite. Questo mette a rischio migliaia di vite», avvertono i vertici OMS.

I produttori di ossigeno in molte aree stanno inoltre affrontando una carenza di zeolite, prodotto chimico importato e fondamentale per produrre ossigeno medico sicuro. Mentre gli ospedali «sono messi a repentaglio dalla mancanza di elettricità ed energia e le ambulanze che trasportano i pazienti rischiano di rimanere intrappolate nel fuoco incrociato».

Forniture e transito

«Negli ultimi anni – osservano il Dg OMS Tedros e il direttore regionale Oms Europa Kluge – con il sostegno dell’Oms l’Ucraina ha compiuto progressi significativi nel rafforzamento dei propri sistemi sanitari nell’ambito di un ambizioso programma di riforma sanitaria. Questo piano includeva il rapido aumento della capacità di ossigenoterapia per i pazienti gravemente malati durante la pandemia di Covid. Delle oltre 600 strutture sanitarie a livello nazionale valutate, quasi la metà è stata direttamente supportata con forniture, know-how tecnico e investimenti in infrastrutture, consentendo alle autorità sanitarie di salvare decine di migliaia di vite. Questo progresso rischia ora di deragliare durante l’attuale crisi».

L’OMS aggiunge di stare procedendo a importare ossigeno (liquido e bombole) dalle reti regionali. «Queste forniture avrebbero bisogno di un transito sicuro – concludono – anche attraverso un corridoio logistico attraverso la Polonia. È fondamentale garantire che le forniture mediche salvavita, compreso l’ossigeno, raggiungano coloro che ne hanno bisogno».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Guerra in Ucraina, Consulcesi lancia il nuovo corso contro le emorragie da ferite da guerra
«Di fronte ai gravissimi attacchi contro l’assistenza sanitaria, mettere il maggior numero di persone in condizione di saper compiere semplici ma efficaci manovre per fermare per esempio la fuoriuscita di sangue può significare salvare una vita in più», commenta Daniele Manno, esperto di Remote e Military Life Support
Obesità in Europa al 59% negli adulti. Chianelli (AME): «Non è una questione di volontà, è una malattia e va curata»
Secondo l’ultimo Rapporto europeo sull'obesità regionale dell'OMS 2022 l'obesità ha raggiunto "proporzioni epidemiche" in Europa. L'organizzazione mondiale della sanità, dopo la presentazione del suo ultimo report mostra che la malattia sta causando 200.000 casi di cancro e 1,2 milioni di decessi all'anno
di Stefano Piazza
Supporto psicologico ai profughi ucraini, il lavoro del centro nato in memoria di Alfredino Rampi
All’interno del centro Rampi, a Roma, è nata un’unità di aiuto ai profughi ucraini in fuga dalla guerra. Ad aiutarli volontari della protezione civile, mediatori, psicologi. Michele Grano (PSICAR): «Con i bambini usiamo la modalità ludica per aiutarli a tirare fuori in maniera mediata la propria angoscia»
di Francesco Torre
Sanitari ucraini nel SSN. I dubbi di Alternativa: «Asl non hanno strumenti per valutare requisiti»
La deputata e medico Leda Volpi ha presentato un’interrogazione per sollecitare il ministero della Salute a varare una circolare o una norma: «Derogare all’iter di riconoscimento dei titoli è rischioso, parliamo di professioni molto sensibili»
di Francesco Torre
Guerra in Ucraina: Consulcesi mette in salvo 12 donne e bambini. Per loro rifugio e assistenza
Allestiti tre appartamenti con giardino a Valmontone, a Roma. 1.829 i chilometri percorsi in tre giorni dai van Consulcesi per consegnare beni e portare in Italia le vittime del conflitto
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali