Salute 9 Marzo 2022 11:51

Sars-CoV-2 uscito da un laboratorio? Ciccozzi (Campus Bio-Medico): «Non abbiamo prove ma nessuna ipotesi va scartata»

L’epidemiologo Ciccozzi commenta ai microfoni di Sanità Informazione l’evoluzione della pandemia e i possibili rischi epidemiologici derivanti dalla guerra in Ucraina

Il Sars-CoV-2 è uscito da un laboratorio? La tesi è stata di recente rilanciata dal Presidente dell’Agenzia italiana del farmaco, Giorgio Palù, che ha parlato di «nuovi indizi» che farebbero «ipotizzare una manipolazione effettuata per scopi di ricerca». Insomma, un incidente e non un gesto dettato da «intenzioni malevole».

Quella dell’errore umano alla base dello scoppio della pandemia da Covid-19 è una possibilità mai del tutto scartata, anche dagli enti sanitari internazionali. Tant’è che l’Organizzazione mondiale della sanità si recò proprio a Wuhan per cercare di capire da dove questo virus fosse uscito fuori. «Ma non ha senso andare ad indagare dopo così tanto tempo dallo scoppio della pandemia – spiega ai nostri microfoni l’epidemiologo Massimo Ciccozzi, direttore dell’Unità di Statistica medica ed epidemiologia molecolare del Campus Bio-Medico di Roma –. È come andare sul luogo del delitto un anno dopo l’omicidio».

Professor Ciccozzi, lei ha parlato dell’evoluzione del Sars-CoV-2. Cosa pensa della possibile origine in laboratorio di questo virus?

«Quel che sappiamo di sicuro è che questo virus era presente nei pipistrelli e poi è passato all’uomo per una mutazione della proteina Spike, ovvero quella che aggancia il recettore di tutte le cellule organiche che abbiamo. Cosa è successo nel mezzo? Può essere successo di tutto. Un altro animale tra pipistrello e uomo, ad esempio, ma anche un incidente di laboratorio. Il punto è che non abbiamo alcuna prova. Possiamo solo ipotizzare qualcosa del genere. Quando l’Oms è andata un anno dopo a visitare i laboratori di Wuhan non ha trovato nulla. È ovvio: non si va un anno dopo sul luogo del delitto a cercare le prove di un omicidio. O ci vai subito o è inutile. Quel che però sappiamo per certo è che, se hai tutte le risorse necessarie, un laboratorio di sicurezza 4 puoi costruirlo. Il punto è che devi costruire anche le persone che ci lavorano. Ecco, magari non è stato fatto così…».

Si parla di meno del Covid a causa di un’altra situazione drammatica, e forse anche peggiore, come la guerra in Ucraina. Milioni di persone che si spostano da una nazione ad altre in ordine sparso: c’è il rischio di nuove varianti di questo virus?

«Non penso che possano nascere altre varianti. Non credo a qualcosa più contagioso di Omicron. Diciamo che con quest’ultima variante abbiamo avuto tutte le mutazioni possibili. In gergo si dice che i siti sono più o meno saturati. Detto questo, tutto può essere. Nulla esclude al 100% che fra un mese arriverà una variante peggiore di Omicron. A rigore di logica, però, a livello evolutivo non dovrebbe essere così. Per quanto riguarda invece il movimento di popolazione che muove il virus, questo sì. Però è una situazione facile da affrontare. Perché quando arriva una popolazione che si sta spostando, ciò che conta è fare un tampone di sorveglianza e trattare di conseguenza gli eventuali positivi. Altra cosa da fare è offrire la vaccinazione a chi non l’ha ancora effettuata e curare le persone che ne hanno bisogno».

Parliamo di una popolazione con un tasso di vaccinazione molto basso. Se non si sono sottoposti alla vaccinazione fino ad ora, come convincerli a farlo ora? Magari con un obbligo?

«Può darsi che i vaccini a loro disposizione non fossero graditi. Forse, anche a livello ideologico, non volevano farsi iniettare il vaccino russo, che ai miei occhi è comunque un buon vaccino. Ora che anche in Italia abbiamo a disposizione Novavax, un vaccino molto più “tranquillo”, le cose potrebbero essere diverse. Perché se proprio non vuoi farti inoculare un vaccino ad mRna perché hai delle titubanze e pensi che a livello genetico possa far succedere qualcosa, Novavax ha una manifattura di 30 anni fa e questo potrebbe convincere molte persone a sottoporsi alla vaccinazione».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid, Gimbe: «Più 50% dei casi in 7 giorni. Aumentano ricoveri, terapie intensive e decessi»
Il presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta: «Prosegue impennata nuovi casi settimanali»
Medici di famiglia: «Di questo passo entro agosto saremo in piena emergenza». Prevale il test “fai da te” per non perdere le ferie
«Di questo passo, entro agosto potremmo trovarci in piena emergenza Covid. Uno scenario al quale i cittadini non pensano più, perché ritengono che il Covid sia ormai una banale influenza, senza comprendere che il virus può ancora essere letale»
Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?
Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripetere il test dopo 24 ore
Sanità, Boldrini (Pd): «Prorogare e stabilizzare operatori sociosanitari nei penitenziari e nelle RSA»
La senatrice chiede ai ministri competenti «quali ragioni abbiano spinto a rinunciare a questa dotazione di personale in strutture che operano sempre sotto organico con conseguente burn out»
Lockdown controproducenti, in alcuni paesi hanno aumentato i contagi
Uno studio dell'Università della Finlandia orientale ha dimostrato che, in alcuni paesi, i lockdown sono stati inutili e controproducenti. In altre parole, i blocchi completi hanno aumentato la diffusione dei contagi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 4 luglio, sono 549.184.038 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.339.118 i decessi. Ad oggi, oltre 11,75 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...