Salute 25 Gennaio 2021 13:15

Un terzo dosi vaccino a personale non sanitario. Sileri: «Se sono “imbucati” intervengano le autorità giudiziarie»

L’allarme è stato lanciato dal presidente Fnomceo Anelli: «Gli amministrativi hanno diritto ad essere vaccinati, ma se il programma vaccinale procede per valori di rischio, allora è inaccettabile che medici e operatori sanitari siano stati esclusi»

Un terzo dosi vaccino a personale non sanitario. Sileri: «Se sono “imbucati” intervengano le autorità giudiziarie»

A denunciare l’accaduto è stato il presidente della Federazione nazionale degli ordini dei medici Fnomceo, Filippo Anelli; oggi, sulla questione, è intervenuto il viceministro della Salute Sileri.

Stiamo parlando del vaccino contro il Covid-19 somministrato al personale “non sanitario e non appartenente ad aree a rischio”. Dal Report sui vaccini anti Covid19 di Governo e Ministero della salute – in cui sono raccolti i dati e le statistiche nazionali sulle somministrazioni dei vaccini – risulta che 327.367 dosi sono state iniettate a personale non sanitario e non appartenente alle altre aree a rischio, quelle degli ospiti delle Rsa e degli over 80.

Né medici né infermieri ma dipendenti delle strutture ospedaliere pubbliche: «Tutti gli amministrativi, le persone delle imprese di pulizia, gli addetti alla sicurezza e così via» ha sottolineato Anelli in un’intervista a Open.

Anelli: «Inaccettabile che medici ed operatori sanitari siano stati esclusi»

Sono, quindi, lavoratori che hanno diritto al vaccino e che il Governo ha deciso di vaccinare nella prima fase della campagna. Niente furbetti del vaccino né imbucati: «Non si tratta di rubare ma di venire prima sulla base di un livello di rischio minore – ha spiegato Anelli –. Gli amministrativi hanno diritto ad essere vaccinati, ma se il programma vaccinale procede per valori di rischio, allora è inaccettabile che medici e operatori sanitari siano stati esclusi».

La domanda che si pone Anelli è, infatti, un’altra: «Perché i medici e gli operatori sanitari che non lavorano nelle strutture pubbliche sono attualmente tenuti fuori dalle categorie prioritarie?». Si riferisce a medici liberi professionisti, «odontoiatri, pneumologi, esperti in malattie infettive, internisti, farmacisti».

Rivedere il piano vaccinale ed includere i professionisti sanitari esclusi è la richiesta del presidente Fnomceo: «Tra i 300 medici deceduti ci sono molti dei professionisti di cui sto parlando, nessuno dovrebbe essere messo in una condizione di così alto rischio sul posto di lavoro. Senza contare il fatto che non esistono medici di serie A e di serie B».

Sileri: «Voglio sperare che non siano i cosiddetti ‘imbucati’»

Il viceministro della Salute Pierpaolo Sileri, intervistato a ‘24Mattino’ su Radio 24, ha sollevato qualche dubbio sulla regolarità delle somministrazioni avvenute al personale non sanitario, annunciando verifiche: «Voglio sperare che questi 400mila siano lavoratori di strutture ospedaliere ed Rsa, quindi personale a rischio – ha detto – che non siano i cosiddetti `imbucati´ che purtroppo abbiamo visto ampiamente in servizi televisivi e sui giornali. Questo sarebbe estremamente grave. E laddove sia accaduto, intervengano le autorità giudiziarie» ha aggiunto il viceministro, contrariato.

Palermo: «Precedenza sul vaccino a chi lavora in prima linea»

In perfetto accordo con Sileri Carlo Palermo, segretario nazionale del sindacato Anaao Assomed: «Sulla vaccinazione degli operatori sanitari si sono verificati fatti un po’ spiacevoli. Circa un terzo delle dosi somministrate sono andate a personale amministrativo – ha rimarcato Palermo -. Io ne faccio una questione di funzioni svolte. Tutti i profili professionali che lavorano in prima linea dovrebbero avere una precedenza per quanto riguarda la somministrazione del vaccino» ha concluso.

Gelli: «Vaccini a persone non a rischio, intervenire subito»

La denuncia del presidente Anelli «è molto grave e va ascoltata» ha commentato il presidente della Fondazione Italia in Salute, Federico Gelli, secondo il quale inoculare il vaccino al personale non sanitario e non appartenente alle categorie a rischio «non è accettabile, ancora di più alla luce dei ritardi nelle consegne».

Considerati i fatti, Gelli propone la pubblicazione del «Decreto di natura non ordinamentale del Ministero della Salute, richiamato dal comma 457 della manovra, per rendere chiaro e vincolante quanto previsto dal piano strategico nazionale dei vaccini per la prevenzione delle infezioni da SARS-CoV-2». Di fronte ad una problematica così complessa «non possiamo tollerare che ogni Regione faccia autonomamente ciò che vuole» ha concluso.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Mix vaccini, Scotti (FIMMG): «Inaccettabile vaghezza dell’AIFA». Anelli (FNOMCeO): «Medici e cittadini disorientati»
Il segretario della Federazione Italiana Medici di Medicina Generale e il Presidente della Federazione degli Ordini criticano aspramente la scelta di procedere con la vaccinazione eterologa per gli under60 vaccinati con AstraZeneca
Senior Italia FederAnziani: «Boom di calo dell’aderenza alla terapia negli anziani»
Messina: «Occorrono nuove forme di supporto per migliorare la presa in carico del paziente e l’aderenza terapeutica, sfruttando le potenzialità delle nuove tecnologie»
Variante Delta, quanto proteggono i vaccini? Il caso Uk
Quella che fino a poco tempo fa chiamavamo “variante indiana” è molto più contagiosa e pericolosa di quella inglese. I vaccini attualmente disponibili offrono una protezione adeguata?
Fisioterapisti e Covid, i numeri dello studio AIFI: uno su sette positivo durante la prima ondata
La ricercatrice Silvia Gianola, prima autrice dello studio pubblicato su 'Physical Therapy': «Picco di prevalenza più alto nel mese di marzo quando uno su tre dei fisioterapisti che avevano fatto il tampone risultavano positivi»
Sospensione AstraZeneca, Cisl Medici Lazio: «Doverosa, ma è ora di riflettere sul da farsi»
Con nota protocollo U0517817 del 11.06.2021 la Direzione Regionale Salute e Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio ha sospeso la somministrazione del vaccino Vaxevria, comunemente noto come Astra-Zeneca «in attesa degli imminenti pronunciamenti delle istituzioni e degli Enti Regolatori competenti circa possibile limitazioni di uso». «La Cisl Medici Lazio plaude alla iniziativa – si legge nella nota – peraltro […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 giugno, sono 176.647.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.822.827 i decessi. Ad oggi, oltre 2,4 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Cause

Primario imputato per associazione a delinquere insieme ad un centinaio di colleghi: assolto 7 anni dopo. La sua storia

Giornali e tv, locali e nazionali, diedero la notizia dell’indagine con tanto di nomi e cognomi. «All’assoluzione, invece, al massimo un trafiletto». Quando il mostro sbattuto ...