Salute 8 Gennaio 2021 16:12

Modena, vaccini Covid inoculati ad amici e parenti. Borsari (dir. sanitaria): «Ora liste di riserva»

«Chiedo scusa a tutti – ha dichiarato Silvana Borsari – d’ora in poi al punto vaccinale ogni giorno sarà presente la lista degli operatori sanitari prenotati per i giorni successivi». Indagano i Nas

È il 5 gennaio. Nell’ospedale modenese di Baggiovara, a fine giornata, sono avanzate alcune dosi del vaccino anti-Covid (sei in tutto) e «alcuni operatori al lavoro nel punto vaccinale, in totale autonomia, hanno pensato di contattare i propri congiunti, con l’idea di non sprecare dosi che non avrebbero potuto essere utilizzate il giorno successivo».

Questa la ricostruzione dei fatti, ancora in corso, da parte dell’AUSL di Modena in merito all’episodio accaduto presso il Punto Unico Vaccinale di Baggiovara e balzato agli onori della cronaca. «Un errore grave» secondo l’azienda modenese che ha allontanato gli operatori coinvolti e avviato un’istruttoria interna per accertare fatti e responsabilità parallelamente all’indagine dei Nas. «Un reato contro la Salute», per il commissario straordinario Arcuri.

Cosa succede se avanzano dosi vaccinali?

Può succedere che all’appuntamento con il vaccino alcune persone non si presentino o non siano ritenute idonee alla vaccinazione da parte del medico competente, magari per situazioni cliniche transitorie. Questo significa che, a fine giornata, resteranno inutilizzate alcune dosi già ricomposte, perché la loro durata è di sei ore e non possono essere utilizzate il giorno successivo. Qual è la procedura da seguire in questo caso? «Vengono contattati operatori sanitari che hanno dato la disponibilità ad essere vaccinati (persone già presenti in ospedale oppure già prenotate in altre giornate) al fine di non sprecare nessuna dose nel rispetto delle indicazioni ministeriali», spiega la Ausl di Modena.

«Questa è la procedura, già chiaramente esplicitata a tutti». Quanto avvenuto il giorno 5 gennaio, dunque, «non risponde ad alcuna direttiva o indicazione fornita dall’Azienda», che ha ulteriormente ribadito a tutti i professionisti impegnati nell’attività vaccinale «le procedure previste e l’assoluto divieto di iniziative autonome che escano da quelle previste per l’erogazione dei vaccini».

«Liste di riserva di operatori sanitari prenotati per i giorni successivi»

«Dispiace moltissimo – ha commentato la direttrice sanitaria Silvana Borsari, referente unica a livello provinciale della cabina di regia sul vaccino – che questo episodio comunque spiacevole, e in assoluta buona fede, abbia gettato una luce non trasparente su questa campagna vaccinale. Al punto unico vaccinale di Baggiovara – ha spiegato la direttrice – ci sono dieci postazioni e vengono somministrate circa 1.100 dosi al giorno. Martedì sera erano avanzate undici dosi. Cinque sono state distribuite all’interno dell’ospedale, le sei rimanenti sono state somministrate a parenti e conoscenti. Ho avuto l’impressione – ha chiarito – che si sia agito per paura di dover sprecare delle dosi considerate preziose».

La direttrice ha poi precisato di aver «rafforzato tutti i protocolli per evitare il ripetersi di episodi di questo tipo» e le soluzioni adottate: «Al punto vaccinale ogni giorno sarà presente la lista degli operatori sanitari prenotati per i giorni successivi, in modo da avere sempre dei nomi di riserva da poter chiamare nel caso in cui siano avanzate delle dosi» ha concluso.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Variante Omicron, Speranza al G7: «Ora supportare concretamente vaccinazione nei Paesi più fragili»
Le parole del Ministro della Salute nell’incontro convocato per discutere della nuova variante proveniente dal Sudafrica. Intanto sono 33 i casi confermati ma nessun morto o caso grave
Il primo ospedale Covid d’Italia si tinge di rosa. A Castel San Giovanni nasce l’ospedale delle donne
Cattadori (U.O. Qualità e Ricerca): «Abbiamo trasformato una grande difficoltà, come quella della gestione dell’emergenza Covid, in un’opportunità. Durante la pandemia era necessario continuare a garantire cura e assistenza in sicurezza e ci siamo attrezzati per farlo»
di Isabella Faggiano
Nuova variante sudafricana, Ricciardi: «Allarmarsi no, preoccuparsi sì»
L’Italia ha vietato l’ingresso da 8 Paesi. Il consulente del ministro Speranza: «Le esperienze del passato c’insegnano che queste misure, spesso, risultano tardive. La sudafricana potrebbe anche essersi già diffusa. Non sappiamo se questa variante provocherà danni alla copertura vaccinale, ma pare essere ancora più contagiosa della Delta»
di Isabella Faggiano
EMA ha approvato il vaccino Pfizer per i bambini dai 5 agli 11 anni
L'Agenzia europea del farmaco segue l'FDA e approva il vaccino anti-Covid per i bambini dai 5 agli 11 anni. La dose somministrata sarà inferiore a quella di un adulto: positivi i risultati degli studi ed effetti collaterali simili a quelli degli adulti
Gimbe: +27% di nuovi casi in una settimana, aumentano anche decessi e ospedalizzazioni
Secondo il presidente della Fondazione Cartabellotta: «Per contenere la quarta ondata nel nostro Paese sul fronte vaccini è indiscutibile la necessità di raggiungere il maggior numero possibile di persone non ancora vaccinate, e così come l’allentamento delle misure restrittive deve essere graduale, la loro re-introduzione deve essere tempestiva»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 29 novembre, sono 261.519.267 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.200.271 i decessi. Ad oggi, oltre 7,6 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano