Sanità eccellente 27 Settembre 2021 16:26

Sanità eccellente

Un intervento alla tiroide che non lascia nessuna traccia sul collo. L’operazione di tiroidectomia trans-ascellare robot-assistita è stata eseguita al Gemelli Giglio di Cefalù su una paziente siciliana di 22 anni dimessa dopo due giorni e in ottime condizioni.

A guidare l’intervento il professore Marco Raffaelli, direttore del centro di malattie endocrine e obesità del Gemelli Giglio. Utilizzando l’approccio trans-ascellare robot-assistito la regione del collo resta completamente indenne da cicatrici perché il chirurgo rimuove la ghiandola passando attraverso un’incisione praticata a livello del cavo ascellare. Da qui vengono introdotte le ‘braccia’ del robot e la telecamera che permette una visione tridimensionale ed ingrandita. Gli strumenti chirurgici vengono guidati in una sorta di ‘tunnel’ sopra il muscolo pettorale fino a raggiungere la regione anteriore del collo, dove si trova la tiroide”.

La tiroidectomia trans-ascellare robot-assistita è effettuabile in casi selezionati. Si tratta di una tecnica messa a punto nella Corea del Sud che man mano si sta diffondendo anche nel mondo occidentale affiancandosi alla chirurgia tradizionale, che prevede un’incisione alla base del collo, e alla tecnica mininvasiva endoscopica che determina in una piccolissima cicatrice nella regione anteriore del collo.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

All’8 agosto, sono 584.602.136 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.418.111 i decessi. Ad oggi, oltre 12,00 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale