Voci della Sanità 29 Gennaio 2020

Medici 118, SNAMI vince ricorso contro USL Toscana Centro. Stop a doppio lavoro territorio-Pronto Soccorso

«Tale progetto esponeva a grave rischio sia organizzativo che lavorativo il medico nello svolgimento delle sue funzioni, con gravi possibili ricadute sulla salute dei cittadini assistiti», sottolinea una nota dello SNAMI Toscana guidato dal Segretario Gianluca Maccioni

I medici del 118 dell’Asl Toscana Centro non saranno più obbligati a svolgere contemporaneamente, durante lo stesso turno lavorativo, sia l’attività territoriale che l’attività in DEA Pronto Soccorso. Lo hanno stabilito due sentenze di due Giudici del Lavoro che hanno reso ragione alle motivazioni dei ricorsi presentati dal sindacato dei medici SNAMI 118 contro il Progetto della USL Toscana Centro. «Tale progetto esponeva a grave rischio sia organizzativo che lavorativo il medico nello svolgimento delle sue funzioni, con gravi possibili ricadute sulla salute dei cittadini assistiti» sottolinea una nota dello SNAMI Toscana guidato dal Segretario Gianluca Maccioni.

«Il sindacato SNAMI – si legge – ha tentato da giugno ad oggi qualsiasi tentativo di mediazione e trattativa con la parte pubblica, dai primi contatti diretti con l’Assessorato alla salute, alle diffide, alle procedure di raffreddamento in Prefettura, agli scioperi che hanno visto l’adesione del 95% dei medici (dagli Organi di informazione debitamente trasmessi) che sono stati tutti precettati per assicurare un servizio indispensabile».

LEGGI ANCHE: «NON SIAMO INVISIBILI», IL 95% DEI MEDICI DELLA SANITÀ PRIVATA IN SCIOPERO PER IL MANCATO RINNOVO DEL CONTRATTO

«Nonostante tutto questo, l’assessore Stefania Saccardi, il dottor Piero Paolini, e i firmatari del Progetto hanno rifiutato qualsiasi confronto e non hanno lasciato al sindacato SNAMI, unico sindacato ad essersi mosso in questa battaglia volta alla tutela della salute della popolazione e del lavoro dei medici, che rivolgersi alla Magistratura che in due sedi separate ha confermato la tesi SNAMI».

Secondo Maccioni, «la portata delle sentenze potrà avere anche una ricaduta nazionale. Il responsabile del Risk Management, Pierfrancesco Belli, collaboratore del direttivo SNAMI, ha subito segnalato la portata e la rilevanza a livello giuridico del rischio lavorativo e professionale del medico nei due ricorsi vinti».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
«Gravissima carenza medici in discipline specialistiche, conseguenza di una scellerata incapacità di programmare il fabbisogno»
di Luciano Cifaldi, Segretario generale Cisl Medici Lazio
di Luciano Cifaldi, Segretario generale Cisl Medici Lazio
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento?
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento? Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali devono sottoporre la richiesta di accreditamento alla CNFC fatta […]
Burnout da Covid tra i sanitari, la psicologa: «Ora che ne conosciamo gli effetti possiamo prevenirlo»
«Le emozioni provate da chi ha lottato in prima linea contro il Covid sono state talmente forti da riversarsi sul corpo, sotto forma di numerosi disturbi: cefalee e dolori addominali i più diffusi»
di Isabella Faggiano
Al via sorveglianza epidemiologica delle sindromi simil influenzali. Ecco il nuovo protocollo alla luce del Covid
La partecipazione dei medici è volontaria ma è importante che i professionisti che decidono di aderire garantiscano la continuità della rilevazione dei dati per tutto il periodo della sorveglianza
Concorso specializzazione, giovani medici e FNOMCeO: «Sbloccare la graduatoria»
Il presidente Anelli chiede di ammettere tutti i candidati che abbiano superato la prova di selezione. Oggi l’incontro al Mur con i rappresentanti delle diverse associazioni di medici e specializzandi. Ecco le richieste dei giovani medici
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 30 ottobre, sono 45.041.948 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.181.321 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...