Voci della Sanità 29 Gennaio 2020

Medici 118, SNAMI vince ricorso contro USL Toscana Centro. Stop a doppio lavoro territorio-Pronto Soccorso

«Tale progetto esponeva a grave rischio sia organizzativo che lavorativo il medico nello svolgimento delle sue funzioni, con gravi possibili ricadute sulla salute dei cittadini assistiti», sottolinea una nota dello SNAMI Toscana guidato dal Segretario Gianluca Maccioni

I medici del 118 dell’Asl Toscana Centro non saranno più obbligati a svolgere contemporaneamente, durante lo stesso turno lavorativo, sia l’attività territoriale che l’attività in DEA Pronto Soccorso. Lo hanno stabilito due sentenze di due Giudici del Lavoro che hanno reso ragione alle motivazioni dei ricorsi presentati dal sindacato dei medici SNAMI 118 contro il Progetto della USL Toscana Centro. «Tale progetto esponeva a grave rischio sia organizzativo che lavorativo il medico nello svolgimento delle sue funzioni, con gravi possibili ricadute sulla salute dei cittadini assistiti» sottolinea una nota dello SNAMI Toscana guidato dal Segretario Gianluca Maccioni.

«Il sindacato SNAMI – si legge – ha tentato da giugno ad oggi qualsiasi tentativo di mediazione e trattativa con la parte pubblica, dai primi contatti diretti con l’Assessorato alla salute, alle diffide, alle procedure di raffreddamento in Prefettura, agli scioperi che hanno visto l’adesione del 95% dei medici (dagli Organi di informazione debitamente trasmessi) che sono stati tutti precettati per assicurare un servizio indispensabile».

LEGGI ANCHE: «NON SIAMO INVISIBILI», IL 95% DEI MEDICI DELLA SANITÀ PRIVATA IN SCIOPERO PER IL MANCATO RINNOVO DEL CONTRATTO

«Nonostante tutto questo, l’assessore Stefania Saccardi, il dottor Piero Paolini, e i firmatari del Progetto hanno rifiutato qualsiasi confronto e non hanno lasciato al sindacato SNAMI, unico sindacato ad essersi mosso in questa battaglia volta alla tutela della salute della popolazione e del lavoro dei medici, che rivolgersi alla Magistratura che in due sedi separate ha confermato la tesi SNAMI».

Secondo Maccioni, «la portata delle sentenze potrà avere anche una ricaduta nazionale. Il responsabile del Risk Management, Pierfrancesco Belli, collaboratore del direttivo SNAMI, ha subito segnalato la portata e la rilevanza a livello giuridico del rischio lavorativo e professionale del medico nei due ricorsi vinti».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Contagi tra medici, Fadoi: «Subito i test e studio su personale». Aderiscono all’appello associazioni e società scientifiche
«Il bollettino quotidiano degli operatori sanitari contagiati dal virus SARS -Cov-2 cresce ogni giorno – si legge nel comunicato della Fadoi, Federazione dei medici internisti – . Solo ieri l’Istituto superiore di sanità ha registrato oltre 6.400 casi e la Fnomceo segnalava tra il personale medico ben 41 decessi». «E negli ultimi giorni – continua […]
Coronavirus, lo psicologo: «L’incubo peggiore di chi lavora in ospedale è contagiare i propri cari»
Piero Gaspa cura il progetto di sostegno psicologico per il personale sanitario in prima linea nell'emergenza al San Giovanni Addolorata di Roma: «Non c’è stato sentore di una crisi, ma serve a prevenire e ovviare al sovraccarico emotivo. Medici e professionisti sanitari soffrono un accumulo di tensione, lavoriamo per evitare che diventi patologico»
Coronavirus, D’Amato: «Consegnate 31.450 FFP2. Domani altre 30 mila, entro la settimana 1 mln di pezzi»
«Si sta facendo uno sforzo senza precedenti per consentire agli operatori di lavorare in sicurezza». Lo dichiara l’assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D’Amato. LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, CISL MEDICI LAZIO A D’AMATO: «METTA IN SICUREZZA IL PERSONALE SANITARIO» «Oggi sono state consegnate 31.450 mascherine FFP2 e domani sono in consegna ulteriori […]
“A un metro da te”: a Bologna parte la mobilitazione studentesca volontaria in risposta all’emergenza sanitaria
«Controllare che le persone che accedono agli ospedali Maggiore e Bellaria non abbiano sintomi influenzali, parainfluenzali o comunque riconducibili al COVID, aiutare le direzioni sanitarie nella gestione dei posti letto, coadiuvare il laboratorio di microbiologia per la gestione dei flussi dei campioni da analizzare e nei prossimi giorni anche garantire una presenza in PS per […]
Coronavirus, Fismu fa appello al Governo: «Immunità per medici e operatori fino alla fine della crisi epidemica»
«Immunità per i camici bianchi per consentire di lavorare senza la spada di Damocle delle future denunce e dei processi e per garantire adeguatamente i servizi ai cittadini in piena emergenza coronavirus, anche vista l’insufficiente dotazione di dispositivi di sicurezza forniti da parte delle istituzioni sanitarie regionali». Questa la proposta di Fismu-Federazione Italiana Sindacale Medici […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 marzo, sono 533.416 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 24.082 i decessi e 122.710 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA Bollettino delle...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...
Salute

«Scovare i positivi casa per casa: così abbiamo sconfitto il virus a Vo’». Il virologo Crisanti racconta il modello veneto

Il professore di Microbiologia e virologia Andrea Crisanti ha coordinato lo studio sugli abitanti di Vo’ Euganeo: «Con il tampone abbiamo identificato fin dall’inizio sia le persone asintomatiche...