Voci della Sanità 30 Marzo 2022 16:28

Malattie trasmissibili, i diversi ruoli dell’Igienista dentale  

L’argomento è stato oggetto di un convegno organizzato da UNID (Unione Nazionale Igienisti Dentali) a Roma. Ribadito il prezioso contributo della figura professionale nel promuovere salute partendo dalla prevenzione delle patologie del cavo orale

Sabato 26 marzo si è svolto a Roma il Convegno Regionale Lazio U.N.I.D. (Unione Nazionale Igienisti Dentali), un evento multidisciplinare che ha coinvolto relatori di alto livello professionale

La giornata è iniziata con i saluti istituzionali coordinati dal Presidente Nazionale UNID Domenico Tomassi, in remoto era presente la Presidente della Commissione Albo Nazionale Caterina Di Marco nonché segretario della FNO TSRM PSTRP, in presenza la professoressa Raffaella Docimo dell’Università di Tor Vergata, il Presidente dell’Ordine di Roma e provincia Claudio Dal Pont e Fernando Capuano, Presidente della SIMEDET, che hanno voluto sottolineare il prezioso contributo della figura professionale nel promuovere salute partendo dalla prevenzione delle patologie del cavo orale, essenziale competenza per il team odontoiatrico di successo.

I lavori scientifici si sono aperti con il prof. Massimo Ciccozzi, Ordinario di Statistica Medica ed Epidemiologia presso la Facoltà Dipartimentale di Medicina e Chirurgia dell’Università Campus Biomedico di Roma, attualmente considerato tra i principali opinion leader a livello internazionale nel campo della pandemia di Sars Cov 2. È stato tra i primi al mondo a dimostrare il passaggio del virus dal pipistrello all’uomo e a studiare le mutazioni del virus, l’evoluzione delle sue varianti dimostrando come la proteina Spike fosse soggetta a mutazioni che possono far diminuire l’efficacia vaccinale, aggiornando gli igienisti dentali sull’evoluzione del Covid 19, raccomandando la vaccinazione  e di non abbandonare l’uso della mascherina poiché queste sono e saranno le armi più efficaci per limitare la diffusione della malattia, specificando che la pandemia non è finita.

Il tema Covid 19 è stato poi approfondito dal Prof. Giuseppe Luzi, immunologo clinico, professore associato in Medicina Interna presso l’Università La Sapienza, Direttore Scientifico della rivista multidisciplinare della Simedet, che ha approfondito e illustrato la risposta immunitaria che si genera con le diverse tecnologie vaccinali, spiegando le caratteristiche delle passate pandemie e le diverse risposte immunitarie.

Nel dettaglio delle malattie trasmissibili orali invece è intervenuto il prof. Carlo Lajolo, riferimento per la patologia orale del Policlinico A. Gemelli, che ha messo in evidenza il ruolo di sentinella e di educatore alla prevenzione tra le preziose competenze dell’igienista dentale.

Altro ruolo importante degli igienisti dentali è stato sottolineato dal dott. Dottor Di Luzio Paparatti Umberto, nel counselling dei percorsi di disassuefazione dal fumo, risaltando l’attenzione sulla gravità dei problemi correlati al fumo e sull’importanza di essere sensibili all’argomento in qualità di operatori sanitari, valutando i presidi alternativi da considerare come validi aiuti per i tabagisti irriducibili.

La comunicazione è parte integrante delle competenze degli Igienisti dentali durante le loro terapie o attività di educazione alla salute orale. Infatti il dott. Riccardo Izzi, formatore esperto in comunicazione e leadership, coinvolgendo attivamente la platea, ha illustrato alcune tecniche di comunicazione emotiva, utili a migliorare sia il dialogo interiore, sia il dialogo con il paziente essenziali per aumentare le potenzialità nella pratica professionale.

Nell’ultima relazione parola agli Igienisti dentali: in sequenza Sandro Sestito, Segretario Nazionale, Ambra Pelliccia, Tesoriere Nazionale e Stefania Piscicelli Vicepresidente Nazionale UNID e responsabile scientifico dell’evento, hanno ricordato le tappe importanti di questi ultimi due anni, evidenziando il contributo che UNID in qualità di Associazione Tecnico Scientifica ha prodotto: il poster in collaborazione con SIMEDET già i primi di marzo 2020 e poi il decalogo con le raccomandazioni per poter lavorare in sicurezza, pubblicato ad aprile 2020, per sottolineare che la letteratura scientifica di questi due anni ha indicato la figura dell’igienista dentale come professione a maggiore rischio per Covid 19,  costatando che le strategie preventive per la controllare il contagio da paziente a operatore e viceversa o tra paziente e paziente siano state altamente efficaci e tuttora applicate con successo.

L’evento si è dimostrato utile all’aggiornamento degli Igienisti dentali ma nello stesso tempo, coinvolgendo figure professionali apparentemente distaccate dal contesto odontoiatrico, si è rivelato proficuo ad avvicinare i diversi professionisti coinvolti suscitando la voglia di continuare a collaborare, ad unire esperienze e competenze per metterle a disposizione della popolazione nella promozione della salute a 360 gradi.

Articoli correlati
Simedet pubblica aggiornamento 2022 alla Guida Pratica al Covid-19 per le professioni sanitarie
Tra i messaggi di sostegno quelli del Ministro della Salute Roberto Speranza e del Direttore scientifico di Consulcesi Guido Rasi
Capuano (Simedet): «Ecco la mia esperienza di Buona Sanità»
Di Fernando Capuano, presidente Simedet
di Fernando Capuano, presidente Simedet
Formazione, digitalizzazione e continuità ospedale-territorio: a Tor Vergata le ricette per la sanità del futuro
Nell’evento preparatorio del prossimo Forum Risk Managment dal titolo “PNRR e gestione del rischio in sanità” i principali attori della sanità a confronto
di Francesco Torre
Igienisti dentali, Spring Meeting AIDI: «Approccio alla disabilità attraverso la salute orale»
Abbinante (AIDI): «L’igiene orale professionale nelle persone diversamente abili non è diversa da quella delle persone normodotate. Quello che cambia sono gli approcci e le tecniche di comunicazione e desensibilizzazione che si usano con la consapevolezza che ogni paziente ha una storia a sé»
Igienisti dentali, a Udine il congresso regionale FVG – Veneto dell’UNID: «Garantire prevenzione e salute a 360 gradi»
Sabato 26 marzo si è svolto a Udine il Congresso U.N.I.D. Friuli Venezia Giulia – Veneto dedicato al tema  “Focus on professional comunication in dentistry: maintenance of oral health is possible?”. «Finalmente – si legge nella nota Unid – dopo questo lungo periodo di incertezza e di dispersione a causa della pandemia Covid 19 che […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 giugno, sono 543.612.507 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.329.069 i decessi. Ad oggi, oltre 11,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali