Voci della Sanità 11 Gennaio 2019 11:10

Anticoagulanti e nuove evidenze scientifiche al centro dell’evento “DOAc” della Simedet a Gorizia

L’incontro si svolgerà il 26 gennaio presso la Fondazione CA.RI.GO. Il promotore L’Angiocola: «Nuove evidenze scientifiche dei DOAc nei pazienti con fibrillazione atriale non valvolare (FANV) e nel trattamento di pazienti affetti da tromboembolismo venoso (TEV), aggiornamento fondamentale»

Un congresso per parlare di un nuovo approccio all’anticoagulazione. Lo propone la SIMEDET, Società Italiana di Medicina Diagnostica e Terapeutica, che terrà il 26 gennaio a Gorizia (presso la Fondazione CA.RI.GO.) il convegno DOAc. Dietro questa sigla si nasconde l’acronimo Direct oral anticoagulant, gli anticoagulanti ad inibizione diretta che negli ultimi tempi stanno mostrando evidenze scientifiche importanti nei pazienti con fibrillazione atriale non valvolare (FANV) e nel trattamento di pazienti affetti da tromboembolismo venoso (TEV).

Il Congresso propone un nuovo approccio multidisciplinare all’argomento “anticoagulazione” al momento particolarmente dibattuto per le applicazioni e le implicazioni nella pratica clinica quotidiana negli ambiti di Medicina Interna, Cardiologia, Neurologia e Geriatria. Il Presidente del Congresso, Dr.ssa Gerardina Lardieri, Primario della S.C. U.C.I.C. – Cardiologia degli Ospedali di Gorizia e Monfalcone, ha favorevolmente accolto e supportato l’iniziativa, consapevole della sempre più stringente necessità di favorire una eccellente informazione scientifica, al fine di favorire l’aggiornamento capillare e qualitativo degli operatori sanitari.

LEGGI ANCHE: RISCHIO CARDIOVASCOLARE, SIMEDET LANCIA CAMPAGNA PER LA PREVENZIONE. PARADISO (INTERNISTA): «PROMUOVIAMO CORRETTI STILI DI VITA PER RIDURRE IL RISCHIO»

Tra i promotori dell’evento il dottor Paolo Diego L’Angiocola, co-fondatore di SIMEDET, dirigente medico di Cardiologia in forze presso la S.C.U.C.I.C.-Cardiologia dell’Ospedale di Gorizia: «La multidisciplinarietà – spiega L’Angiocola – è punto di forza della nostra società scientifica. È opportuno favorire il più possibile l’interazione, la collaborazione ed il confronto tra tutti gli operatori sanitari ed i diversi specialisti delle diverse branche medico-chirurgiche; il tema dell’anticoagulazione è multidisciplinare e costituisce terreno per confronto comune che arricchisce ogni operatore sanitario. In considerazione della disponibilità di numerosi trial clinici dedicati all’argomento “anticoagulazione” e delle molte sotto-analisi scientifiche effettuate, è possibile riconsiderare quelli che, fino a poco tempo fa venivano consuetamente denominati “nuovi anticoagulanti orali”, non più “così nuovi”, ridefinendoli appropriatamente e semplicemente quali “anticoagulanti ad inibizione diretta” o “DOAC – Direct oral anticoagulant”; i dati derivanti dalla “real world” analisi hanno apportato nuove evidenze scientifiche relative all’uso dei DOAC nei pazienti con fibrillazione atriale non valvolare (FANV) e nel trattamento di pazienti affetti da tromboembolismo venoso (TEV)».

«Risulta dunque necessario e utile – continua L’Angiocola – un continuo aggiornamento e confronto scientifico circa i principi attivi farmacologici in relazione alle necessità sanitarie di pazienti sempre più “complessi” ed affetti da comorbidità multiple, spesso in politerapia farmacologica. Risulta congruo evidenziare e condividere le scelte terapeutiche più adeguate ed i modelli gestionali clinico-terapeutici più efficaci rispetto a pazienti sempre più fragili e polipatologici nel continuo confronto multidisciplinare tra specialisti afferenti a branche diverse, presentando le evidenze scientifiche più recenti e la loro applicazione nella pratica clinica». L’evento coinvolgerà internisti, cardiologi, neurologi ed urgentisti di fama nazionale con particolare expertise in ambito di anticoagulazione. Tra i relatori Fernando Capuano, presidente della SIMEDET, Dimitriy Airoli – U.O.C. di Medicina Cardiovascolare, Responsabile Centro Antitrombosi, Ospedale Santa Maria Nuova, Reggio Emilia, Franco Cominotto, Direttore, S.C. di Pronto Soccorso e Medicina d’Urgenza, Presidio Ospedaliero di Gorizia, AAS 2 Bassa Friulana-Isontina. Il convegno si svolge con il patrocinio dell’“Azienda per l’Assistenza Sanitaria n. 2, bassa friuliana-isontina”.

Articoli correlati
1981-2021, quarant’anni di HIV. Simedet: «Vietato abbassare la guardia, diagnosi precoce fondamentale»
In un messaggio inviato ai propri soci, il presidente e il vicepresidente della Simedet (Società Italiana di Medicina diagnostica e terapeutica), Fernando Capuano e Manuel Monti, hanno voluto lanciare un messaggio in occasione della Giornata Mondiale contro l’AIDS Ci attraverso il quale si uniscono idealmente “a tutte le persone affette dal virus dell’HIV per far […]
Conferenza Nazionale Fragilità, Simedet: «Occasione per ripensare politiche di assistenza socio-sanitaria»
L’evento, che si svolgerà il 30 novembre ad Arezzo nell’ambito del Forum Risk Management, vedrà la presenza dei presidenti delle Federazioni degli Ordini della sanità. Tra gli ospiti anche Massimo Tortorella e Guido Rasi, Presidente e Direttore scientifico di Consulcesi
di Francesco Torre
Miocarditi post vaccino, Simedet: «Eventi rari, vantaggi superano rischi. Opportuno monitorare andamento»
«Tra le ipotesi più probabili, per questa rara reazione flogistica, è quella che i vaccini a mRNA indurrebbero un’eccessiva quantità di autoanticorpi» spiega il professor Claudio Di Veroli, Vicepresidente del Comitato Scientifico della SIMEDET
Biosicurezza, il 15 novembre il Congresso organizzato da Simedet e Usl Umbria 1
L'evento, che si terrà in modalità webinar, vede la partecipazione di relatori di fama internazionale provenienti  da alcune delle principali università nazionali, del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, delle Forze Armate, dell'Istituto Superiore della Sanità, del Ministero della Salute. Tra i relatori anche Fabio Ciciliano, Segretario Comitato Nazionale Tecnico Scientifico
Vaccini, Simedet-Unid: «Ripercorrere la storia dell’Immunologia per capirne l’importanza»
L'argomento è stato al centro dell'incontro “La vaccinazione: strumento culturale di prevenzione e cura. Come l’Immunologia ha cambiato la Medicina” organizzato dalla Società Italiana di Medicina Diagnostica e Terapeutica
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 gennaio, sono 358.832.734 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.616.925 i decessi. Ad oggi, oltre 9,85 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre