Salute 19 Dicembre 2018

Rischio cardiovascolare, Simedet lancia campagna per la prevenzione. Paradiso (internista): «Promuoviamo corretti stili di vita per ridurre il rischio»

La Società italiana di Medicina diagnostica e terapeutica sottolinea: «La riduzione di morbilità e mortalità è possibile promuovendo un approccio integrato, a livello individuale e di popolazione, mediante il riconoscimento e la gestione multidisciplinare dei fattori di rischio»

Immagine articolo

Promuovere corretti stili di vita e una attenta anamnesi dei fattori di rischio per prevenire i danni delle malattie cardiovascolari. È l’iniziativa che la Simedet, Società italiana di Medicina diagnostica e terapeutica, porta avanti da tempo in diversi contesti, ultimo il Forum Risk Management di Firenze che si è svolto lo scorso novembre.

Nell’ambulatorio mobile Simedet vengono visitati i pazienti, ai quali viene illustrata l’importanza della prevenzione della malattia aterosclerotica e dei conseguenti eventi cardiovascolari maggiori, rappresentati da infarto del miocardio e ictus cerebrale, e facendo presente l’importanza dei fattori di rischio non modificabili (età, familiarità, sesso, ecc.).

Un lavoro certosino portato avanti da Michele Paradiso, specialista in Medicina interna e Tesoriere della Simedet: «Questa iniziativa, che utilizza le carte di rischio dell’Istituto superiore di sanità, cerca di avvicinare la popolazione, cosa che noi facciamo in occasione di questi eventi, per comprendere cosa le persone devono modificare del loro stile di vita. I pazienti vengono interrogati sulle cause di morte o malattia dei propri familiari e già questo ci consente di individuare eventuali aspetti a rischio; poi gli viene chiesto qual è il loro peso, la loro altezza, misuriamo parametri molto semplici come la frequenza cardiaca, la pressione arteriosa e la circonferenza addominale, il tutto poi viene trascritto su una lettera che consegneranno al loro medico di base il quale completerà i dati indicando i valori recenti della glicemia e della colesterolemia. Questo perché vogliamo sensibilizzare la popolazione al fatto che non è un dato oppressivo seguire un corretto stile di vita. Si tratta semplicemente di individuare qual è il punto debole di ciascuno di noi e correggerlo».

LEGGI ANCHE: SCOMPENSO CARDIACO, PRIMA CAUSA RICOVERO. NOZZOLI (CAREGGI): «PER SSN 12MILA EURO L’ANNO A PAZIENTE». GENSINI (UNIV. FIRENZE): «SI A TELEMEDICINA»

Il lavoro è prezioso perché le malattie cardiovascolari sono la prima causa di morte nel mondo e di ospedalizzazione in Italia e la prevalenza dei principali fattori di rischio (fumo, obesità, ipertensione e diabete) è in continuo aumento. La riduzione di morbilità e mortalità è possibile promuovendo un approccio integrato, a livello individuale e di popolazione, mediante il riconoscimento e la gestione multidisciplinare dei fattori di rischio.

Paradiso insiste sull’importanza dell’attività fisica per prevenire il rischio: «L’attività fisica, anche fatta in maniera molto semplice cioè facendo 30 minuti di cammino al giorno, è decisiva. Non è necessario andare in palestra o seguire complessi training. Si tratta semplicemente di fare attività fisica all’aria aperta e ciò già di per sé porterà un senso di benessere. Quello che vogliamo trasferire è il messaggio che la dieta, la corretta alimentazione e l’attività fisica non sono una costrizione, noi vogliamo promuovere il benessere della popolazione ma al tempo stesso prevenire i fattori di rischio cardiovascolare. L’attività fisica è forse il farmaco ideale nel senso che abbassa la pressione arteriosa, abbassa il colesterolo, riduce la glicemia, migliora il tono dell’umore: non esiste farmaco con tutte queste caratteristiche. Naturalmente, come tutti i farmaci, ha degli effetti collaterali, delle indicazioni, delle controindicazioni, una posologia e va prescritta».

LEGGI ANCHE: SIMEDET, PARLA IL PRESIDENTE CAPUANO: GRAZIE ALLA MULTIDISCIPLINARIETA’ PUNTIAMO A DARE UNA CORRETTA INFORMAZIONE IN SANITA’

La Simedet è impegnata sin dalla sua costituzione nel promuovere una corretta informazione medica coinvolgendo tutte le professioni sanitarie. «Il medico – sottolinea Paradiso – ha la funzione di individuare i problemi, di impostare una corretta alimentazione, un corretto stile di vita, anche l’attività fisica. Però molto spesso è proprio l’infermiere il terapista che è in contatto maggiormente con il medico e che può, ad esempio, nella sala di attesa di un ambulatorio o nella corsia di un ospedale, incoraggiare il paziente a seguire questi stili di vita ovviamente dando anche l’esempio. Fondamentale il contatto diretto: spesso c’è un rapporto di timore/diffidenza tra paziente e medico, noi riteniamo che gli operatori sanitari possano tutti concorre. Noi siamo una delle prime società che mette insieme le professionalità sanitarie, non abbiamo voluto fare una società scientifica bonsai, ce ne sono molte. Riteniamo che la collaborazione tra tutti gli operatori della salute può portare a grandi risultati».

Articoli correlati
L’esercito del benessere a domicilio. Tre step per ritrovare la salute: nutrizione sana, attività fisica e supporto psicologico
Si chiama “Il benessere a casa tua” ed è un servizio gratuito a disposizione dei cittadini, nato durante il lockdown, ma che punta a sostenere gli italiani anche nella fase 2 dell’emergenza. Inaugurato in Friuli Venezia Giulia, esteso in Lombardia, ora mira ad un’espansione nazionale
di Isabella Faggiano
Covid19, il primo maggio ad Assisi commemorazione per onorare i sanitari caduti
Lo comunica una nota della Simedet. Il momento di raccoglimento avverrà nelle vicinanze dell’Ospedale di Assisi alle ore 12. I caduti saranno ricordati attraverso l’accensione delle luci lampeggianti dei mezzi di soccorso. Diretta sulla pagina Facebook della Società presieduta da Fernando Capuano
#IoMiAllenoACasa, virale la campagna che promuove lo sport in quarantena. Il karateka Maniscalco: «Bastano 15-20 minuti per tenersi in forma»
L’iniziativa, promossa da quattro deputati del Movimento Cinque Stelle, è stata rilanciata sui social da diversi campioni come il judoka Fabio Basile e la karateka Viviana Bottaro. Il deputato M5S Felice Mariani: «Mi sto battendo in Parlamento per quella che secondo me manca in Italia, che è la cultura dello sport». Secondo l’OMS l’inattività fisica causa ogni anno un milione di decessi
Covid19, online rivista della Simedet dedicata al coronavirus. Capuano: «A fine emergenza la sanità non sarà più come prima»
Nel numero anche un articolo di Antonio Panti (FNOMCeO) e del sociologo Paolo Trenta. Nell’editoriale il presidente della Società italiana di Medicina diagnostica e terapeutica: «Non siamo riusciti a proteggere e tutelare i nostri operatori sanitari in prima linea e nella rete territoriale con un elevato numero di vittime appartenenti a tutte le Professioni Sanitarie e con il pericolo concreto di compromettere la capacità di risposta del nostro Sistema Sanitario»
Coronavirus, come fare attività fisica a casa? Risponde il direttore del Centro di Medicina Sportiva dell’Università di Pavia
Il professor Giuseppe D’Antona: «Mille kilocalorie la settimana per migliorare il sistema immunitario. Bene tutorial ed esercizi di Yoga e Tai chi, ma attenzione se si hanno sintomi di infezione virale»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 maggio, sono 5.498.849 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 346.306 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 26 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...