Salute 19 dicembre 2018

Rischio cardiovascolare, Simedet lancia campagna per la prevenzione. Paradiso (internista): «Promuoviamo corretti stili di vita per ridurre il rischio»

La Società italiana di Medicina diagnostica e terapeutica sottolinea: «La riduzione di morbilità e mortalità è possibile promuovendo un approccio integrato, a livello individuale e di popolazione, mediante il riconoscimento e la gestione multidisciplinare dei fattori di rischio»

Immagine articolo

Promuovere corretti stili di vita e una attenta anamnesi dei fattori di rischio per prevenire i danni delle malattie cardiovascolari. È l’iniziativa che la Simedet, Società italiana di Medicina diagnostica e terapeutica, porta avanti da tempo in diversi contesti, ultimo il Forum Risk Management di Firenze che si è svolto lo scorso novembre.

Nell’ambulatorio mobile Simedet vengono visitati i pazienti, ai quali viene illustrata l’importanza della prevenzione della malattia aterosclerotica e dei conseguenti eventi cardiovascolari maggiori, rappresentati da infarto del miocardio e ictus cerebrale, e facendo presente l’importanza dei fattori di rischio non modificabili (età, familiarità, sesso, ecc.).

Un lavoro certosino portato avanti da Michele Paradiso, specialista in Medicina interna e Tesoriere della Simedet: «Questa iniziativa, che utilizza le carte di rischio dell’Istituto superiore di sanità, cerca di avvicinare la popolazione, cosa che noi facciamo in occasione di questi eventi, per comprendere cosa le persone devono modificare del loro stile di vita. I pazienti vengono interrogati sulle cause di morte o malattia dei propri familiari e già questo ci consente di individuare eventuali aspetti a rischio; poi gli viene chiesto qual è il loro peso, la loro altezza, misuriamo parametri molto semplici come la frequenza cardiaca, la pressione arteriosa e la circonferenza addominale, il tutto poi viene trascritto su una lettera che consegneranno al loro medico di base il quale completerà i dati indicando i valori recenti della glicemia e della colesterolemia. Questo perché vogliamo sensibilizzare la popolazione al fatto che non è un dato oppressivo seguire un corretto stile di vita. Si tratta semplicemente di individuare qual è il punto debole di ciascuno di noi e correggerlo».

LEGGI ANCHE: SCOMPENSO CARDIACO, PRIMA CAUSA RICOVERO. NOZZOLI (CAREGGI): «PER SSN 12MILA EURO L’ANNO A PAZIENTE». GENSINI (UNIV. FIRENZE): «SI A TELEMEDICINA»

Il lavoro è prezioso perché le malattie cardiovascolari sono la prima causa di morte nel mondo e di ospedalizzazione in Italia e la prevalenza dei principali fattori di rischio (fumo, obesità, ipertensione e diabete) è in continuo aumento. La riduzione di morbilità e mortalità è possibile promuovendo un approccio integrato, a livello individuale e di popolazione, mediante il riconoscimento e la gestione multidisciplinare dei fattori di rischio.

Paradiso insiste sull’importanza dell’attività fisica per prevenire il rischio: «L’attività fisica, anche fatta in maniera molto semplice cioè facendo 30 minuti di cammino al giorno, è decisiva. Non è necessario andare in palestra o seguire complessi training. Si tratta semplicemente di fare attività fisica all’aria aperta e ciò già di per sé porterà un senso di benessere. Quello che vogliamo trasferire è il messaggio che la dieta, la corretta alimentazione e l’attività fisica non sono una costrizione, noi vogliamo promuovere il benessere della popolazione ma al tempo stesso prevenire i fattori di rischio cardiovascolare. L’attività fisica è forse il farmaco ideale nel senso che abbassa la pressione arteriosa, abbassa il colesterolo, riduce la glicemia, migliora il tono dell’umore: non esiste farmaco con tutte queste caratteristiche. Naturalmente, come tutti i farmaci, ha degli effetti collaterali, delle indicazioni, delle controindicazioni, una posologia e va prescritta».

LEGGI ANCHE: SIMEDET, PARLA IL PRESIDENTE CAPUANO: GRAZIE ALLA MULTIDISCIPLINARIETA’ PUNTIAMO A DARE UNA CORRETTA INFORMAZIONE IN SANITA’

La Simedet è impegnata sin dalla sua costituzione nel promuovere una corretta informazione medica coinvolgendo tutte le professioni sanitarie. «Il medico – sottolinea Paradiso – ha la funzione di individuare i problemi, di impostare una corretta alimentazione, un corretto stile di vita, anche l’attività fisica. Però molto spesso è proprio l’infermiere il terapista che è in contatto maggiormente con il medico e che può, ad esempio, nella sala di attesa di un ambulatorio o nella corsia di un ospedale, incoraggiare il paziente a seguire questi stili di vita ovviamente dando anche l’esempio. Fondamentale il contatto diretto: spesso c’è un rapporto di timore/diffidenza tra paziente e medico, noi riteniamo che gli operatori sanitari possano tutti concorre. Noi siamo una delle prime società che mette insieme le professionalità sanitarie, non abbiamo voluto fare una società scientifica bonsai, ce ne sono molte. Riteniamo che la collaborazione tra tutti gli operatori della salute può portare a grandi risultati».

Articoli correlati
Ago aspirato, al Campus Bio-Medico di Roma un workshop sulla nuova tecnica del “CytoMatrix”
L’evento è coordinato dalla professoressa Marcella Trombetta e ha il patrocinio della Simedet. La sostanza è progettata ad hoc per catturare, trattenere e conservare il materiale biologico proveniente da prelievi citologici con semplicità e praticità
Gelo nemico del cuore, freddo e fatica aumentano il rischio di infarto
La Società Italiana di Cardiologia conferma: relazione pericolosa tra bassa temperatura e sforzo fisico, che fa salire al 34% il pericolo di infarto in pazienti ad alto rischio cardiovascolare. Indolfi (Sic): «questo vale per i soggetti che non sono in salute e che presentano fattori di rischio cardiovascolare»
di Lucia Oggianu
Scomparsa Aiuti, il ricordo dell’allievo Manuel Monti: «Ciao maestro, ci hai insegnato a crescere dagli errori. Quando tra noi scoccò la ‘scintilla’…»
Il vicepresidente della Simedet ha collaborato a lungo con l’immunologo, membro della stessa società: «L'ultima volta che l’ho visto, incredulo e indignato contro i no vax, piangendo ci ricordò delle decine di pazienti che morivano negli anni ‘60-‘70 per le complicanze della poliomielite, della rabbia, del morbillo. E poi quando mi vide con il piercing…»
di Manuel Monti, Vicepresidente Simedet
Anticoagulanti e nuove evidenze scientifiche al centro dell’evento “DOAc” della Simedet a Gorizia
L’incontro si svolgerà il 26 gennaio presso la Fondazione CA.RI.GO. Il promotore L’Angiocola: «Nuove evidenze scientifiche dei DOAc nei pazienti con fibrillazione atriale non valvolare (FANV) e nel trattamento di pazienti affetti da tromboembolismo venoso (TEV), aggiornamento fondamentale»
Maxi Ordine professioni sanitarie, Laila Perciballi (Movimento Consumatori): «Strumento fondamentale per combattere abusivismo»
L’avvocato, volto noto in tv, sottolinea le potenzialità della legge Lorenzin: «Finalmente cittadini sanno come poter riconoscere un professionista». Sulle liste di attesa: «Sono migliaia le lamentele che arrivano ai nostri call center. Lesi principi costituzionali»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano