Salute 19 Dicembre 2018

Rischio cardiovascolare, Simedet lancia campagna per la prevenzione. Paradiso (internista): «Promuoviamo corretti stili di vita per ridurre il rischio»

La Società italiana di Medicina diagnostica e terapeutica sottolinea: «La riduzione di morbilità e mortalità è possibile promuovendo un approccio integrato, a livello individuale e di popolazione, mediante il riconoscimento e la gestione multidisciplinare dei fattori di rischio»

Immagine articolo

Promuovere corretti stili di vita e una attenta anamnesi dei fattori di rischio per prevenire i danni delle malattie cardiovascolari. È l’iniziativa che la Simedet, Società italiana di Medicina diagnostica e terapeutica, porta avanti da tempo in diversi contesti, ultimo il Forum Risk Management di Firenze che si è svolto lo scorso novembre.

Nell’ambulatorio mobile Simedet vengono visitati i pazienti, ai quali viene illustrata l’importanza della prevenzione della malattia aterosclerotica e dei conseguenti eventi cardiovascolari maggiori, rappresentati da infarto del miocardio e ictus cerebrale, e facendo presente l’importanza dei fattori di rischio non modificabili (età, familiarità, sesso, ecc.).

Un lavoro certosino portato avanti da Michele Paradiso, specialista in Medicina interna e Tesoriere della Simedet: «Questa iniziativa, che utilizza le carte di rischio dell’Istituto superiore di sanità, cerca di avvicinare la popolazione, cosa che noi facciamo in occasione di questi eventi, per comprendere cosa le persone devono modificare del loro stile di vita. I pazienti vengono interrogati sulle cause di morte o malattia dei propri familiari e già questo ci consente di individuare eventuali aspetti a rischio; poi gli viene chiesto qual è il loro peso, la loro altezza, misuriamo parametri molto semplici come la frequenza cardiaca, la pressione arteriosa e la circonferenza addominale, il tutto poi viene trascritto su una lettera che consegneranno al loro medico di base il quale completerà i dati indicando i valori recenti della glicemia e della colesterolemia. Questo perché vogliamo sensibilizzare la popolazione al fatto che non è un dato oppressivo seguire un corretto stile di vita. Si tratta semplicemente di individuare qual è il punto debole di ciascuno di noi e correggerlo».

LEGGI ANCHE: SCOMPENSO CARDIACO, PRIMA CAUSA RICOVERO. NOZZOLI (CAREGGI): «PER SSN 12MILA EURO L’ANNO A PAZIENTE». GENSINI (UNIV. FIRENZE): «SI A TELEMEDICINA»

Il lavoro è prezioso perché le malattie cardiovascolari sono la prima causa di morte nel mondo e di ospedalizzazione in Italia e la prevalenza dei principali fattori di rischio (fumo, obesità, ipertensione e diabete) è in continuo aumento. La riduzione di morbilità e mortalità è possibile promuovendo un approccio integrato, a livello individuale e di popolazione, mediante il riconoscimento e la gestione multidisciplinare dei fattori di rischio.

Paradiso insiste sull’importanza dell’attività fisica per prevenire il rischio: «L’attività fisica, anche fatta in maniera molto semplice cioè facendo 30 minuti di cammino al giorno, è decisiva. Non è necessario andare in palestra o seguire complessi training. Si tratta semplicemente di fare attività fisica all’aria aperta e ciò già di per sé porterà un senso di benessere. Quello che vogliamo trasferire è il messaggio che la dieta, la corretta alimentazione e l’attività fisica non sono una costrizione, noi vogliamo promuovere il benessere della popolazione ma al tempo stesso prevenire i fattori di rischio cardiovascolare. L’attività fisica è forse il farmaco ideale nel senso che abbassa la pressione arteriosa, abbassa il colesterolo, riduce la glicemia, migliora il tono dell’umore: non esiste farmaco con tutte queste caratteristiche. Naturalmente, come tutti i farmaci, ha degli effetti collaterali, delle indicazioni, delle controindicazioni, una posologia e va prescritta».

LEGGI ANCHE: SIMEDET, PARLA IL PRESIDENTE CAPUANO: GRAZIE ALLA MULTIDISCIPLINARIETA’ PUNTIAMO A DARE UNA CORRETTA INFORMAZIONE IN SANITA’

La Simedet è impegnata sin dalla sua costituzione nel promuovere una corretta informazione medica coinvolgendo tutte le professioni sanitarie. «Il medico – sottolinea Paradiso – ha la funzione di individuare i problemi, di impostare una corretta alimentazione, un corretto stile di vita, anche l’attività fisica. Però molto spesso è proprio l’infermiere il terapista che è in contatto maggiormente con il medico e che può, ad esempio, nella sala di attesa di un ambulatorio o nella corsia di un ospedale, incoraggiare il paziente a seguire questi stili di vita ovviamente dando anche l’esempio. Fondamentale il contatto diretto: spesso c’è un rapporto di timore/diffidenza tra paziente e medico, noi riteniamo che gli operatori sanitari possano tutti concorre. Noi siamo una delle prime società che mette insieme le professionalità sanitarie, non abbiamo voluto fare una società scientifica bonsai, ce ne sono molte. Riteniamo che la collaborazione tra tutti gli operatori della salute può portare a grandi risultati».

Articoli correlati
“Diritti in Movimento”, giuristi e operatori socio-sanitari mettono al centro la tutela dei più fragili. Cendon: «Presenteremo ddl su riforma TSO e ‘patto di rifioritura’»
L’associazione apartitica è nata l’estate scorsa su iniziativa del professore di Diritto Privato dell’Università di Trieste. Laila Perciballi (Movimento Consumatori e membro di Diritti in Movimento ): «Serve informare i cittadini dei loro diritti ed, ove possibile, realizzare un intesa tra tutte le associazioni che si occupano delle persone fragili». Anche il Presidente della Simedet Fernando Capuano manifesta il suo impegno nel progetto
Sanità Digitale, al Careggi di Firenze evento sulla prevenzione del rischio clinico. Capuano (SIMEDET): «Investire su competenze digitali di operatori e pazienti»
Il corso promosso dall’Associazione Scientifica per la Sanità digitale e dalla Società Italiana di Medicina Diagnostica e Terapeutica. Tra i relatori Federico Gelli (Federsanità ANCI) e Massimo Casciello, Direttore Generale della Vigilanza sugli Enti e della Sicurezza delle cure del Ministero della Salute Massimo Casciello. «Dall’analisi dei dati raccolti nelle diverse survey sulle competenze digitali in Sanità realizzate dall’ASSD – segnala Gregorio Cosentino, Presidente ASSD - emerge la sempre più diffusa consapevolezza che vadano sviluppate le competenze digitali per favorire la diffusione della Sanità Digitale, per rendere più efficace ed efficiente la Sanità italiana»
Epatologia, AISF: «Attività fisica e corretta alimentazione fondamentali per buona salute del fegato. Ecco perché». Il convegno alla Sapienza
Le nuove sfide per l’epatologo, sempre più attento alla medicina preventiva, al centro del meeting precongressuale “Lifestyle and the Liver” organizzato dall’Associazione Italiana per lo Studio del Fegato AISF ed in corso presso l’Aula Magna dell’Università La Sapienza di Roma. EPATOLOGI: VECCHIE E NUOVE SFIDE Il panorama delle malattie del fegato è in continua evoluzione […]
Contenziosi, Fernando Capuano (Simedet): «Sempre più cause coinvolgono lo staff, serve formazione per far conoscere all’operatore i rischi»
Il Presidente della Società italiana di Medicina diagnostica e terapeutica plaude alla proposta dell’Arbitrato della Salute lanciata dal gruppo Consulcesi: «In questo modo anche Ordine TSRM e PSTRP potrà dare suo contributo per prevenire e risolvere in maniera stragiudiziale tutti i contenziosi che vengono inoltrati»
Agoaspirato, decolla il progetto “CytoMatrix” per analisi più rapide e precise. Trombetta (Campus Bio-Medico): «Così diagnosticheremo meglio le patologie»
Il lavoro, svolto dall’Università Campus Bio-Medico di Roma grazie al finanziamento della Regione Lazio, è stato coordinato dalla professoressa Marcella Trombetta, Coordinatore della Ricerca della Facoltà Dipartimentale di Ingegneria. La Simedet, Società italiana di Medicina diagnostica e terapeutica, ha patrocinato l’evento di presentazione: «Questo lavoro è un'espressione significativa e vincente di multiprofessionalità tra saperi e competenze diverse, tra Ingegneria e Medicina di laboratorio» ha affermato il Presidente Capuano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone