Salute 19 ottobre 2018

Simedet, parla il Presidente Capuano: «Grazie alla multidisciplinarietà puntiamo a dare una corretta informazione in sanità»

La Società italiana di Medicina Diagnostica e terapeutica, nata un anno fa, ha celebrato il suo primo congresso parlando dei vaccini. Tra i responsabili scientifici l’immunologo Aiuti e il professor Fara

Offrire una corretta informazione ai cittadini-pazienti e mettere insieme le varie professionalità della sanità in un’unica società scientifica. Sono tra gli obiettivi prioritari della Simedet, la Società italiana di Medicina Diagnostica e terapeutica, che ad un anno dalla nascita ha deciso di dedicare il suo primo Congresso al tema dei vaccini nell’intento di ribadire il ruolo dei vaccini e delle vaccinazioni per la salute pubblica. Una scelta dei responsabili scientifici della società, gli accademici Fernando Aiuti e Gaetano Maria Fara, condivisa dal Presidente Fernando Capuano. «Noi come Simedet – spiega a Sanità Informazione Capuano – contribuiamo a fare una corretta informazione. Siamo un po’ contro il dottor Google: constatiamo che molte volte il paziente si rivolge al medico con delle conoscenze acquisite in modo un po’ arbitrario».

Dottor Capuano, lei è presidente della Simedet, una società giovane, nata un anno fa, che raccoglie esponenti di diverse professioni sanitarie. Ce ne vuole parlare?

«Siamo nati giusto un anno fa, con il patrocinio del Ministero della Salute e di Montecitorio, è una delle prime società italiane multidisciplinari. Raccoglie il contributo scientifico-esperienziale delle 22 professioni sanitarie del nostro Paese. Il nostro obiettivo con il convegno dei vaccini è un obiettivo multidisciplinare: noi riteniamo che il contributo di tutte le professioni può incidere favorevolmente sullo stato di salute della persona, per garantire ai pazienti una diagnosi più corretta e una terapia più mirata e personalizzata».

LEGGI ANCHE: VACCINI, L’IMMUNOLOGO AIUTI: «DOVERE SOCIALE PROTEGGERE IMMUNODEPRESSI, SI’ ALL’OBBLIGO PER OPERATORI SANITARI»

Da poco è stato introdotto il nuovo Ordine delle Professioni sanitarie: pensa sia una opportunità importante per questi professionisti?

«È una realtà sfidante. Con la legge n.3 del 2018 finalmente dopo 20 anni 17 professioni sanitarie che vanno dal fisioterapista al podologo, dall’igienista dentale ai tecnici di laboratorio biomedico non avevano una realtà ordinistica. Quindi è una realtà sfidante soprattutto per la sicurezza delle cure: avere un albo nazionale dà la garanzia al cittadino di ricevere le prestazioni corrette da un professionista abilitato. Quindi 250mila operatori si stanno censendo e finalmente avremo questo Ordine multialbo, il primo a livello europeo, dei Tecnici di Radiologia medica e delle Professioni sanitarie tecniche, diagnostiche e riabilitative. Quindi un’ottima possibilità che un po’ rispecchia il motivo della Simedet, cioè mettere insieme le varie professionalità proprio per evitare l’autoreferenzialità».

Avete scelto un tema particolare per questo evento, quello dei vaccini, un tema di grande attualità. Avete nel comitato scientifico l’illustre professor Aiuti. Come mai avete scelto questo tema?

«Il tema è stato scelto sei mesi fa dal Comitato scientifico presieduto dall’immunologo di fama internazionale professor Aiuti. L’abbiamo scelto per la corretta informazione. La Simedet non ha una visione politica ma si basa sulle evidenze scientifiche: il convegno sui vaccini serve per la corretta informazione. Noi come Simedet contribuiamo a fare una corretta informazione. Siamo un po’ contro il dottor Google: constatiamo che molte volte il paziente si rivolge al medico con delle conoscenze acquisite in modo un po’ arbitrario. Simedet vuole consigliare i siti indicizzati, anzi il vostro canale potrebbe aiutare a dare al cittadino una corretta informazione. Molte volte ricevere informazioni errate crea un danno».

 

Articoli correlati
Osteopatia, Paola Sciomachen (ROI): «Avviato confronto con Ministero per l’individuazione del profilo professionale dell’osteopata»
«È un passaggio fondamentale per istituire la professione», afferma la presidente del Registro Osteopati d’Italia che aggiunge: «Abbiamo realizzato la prima proposta di core competence dell’osteopatia in Italia, in cui sono classificate le competenze esclusive e caratterizzanti»
Professioni sanitarie, Ministero della Salute chiarisce: obbligo da subito di iscrizione a Ordine o rischio sanzioni
Iscrizione necessaria sia nella libera professione sia nell'ambito della dipendenza presso strutture pubbliche o private. Al momento però si sono iscritti 80mila professionisti, meno della metà dei 180-200mila professionisti stimati. Il chiarimento chiesto dal Presidente dell’Ordine TSRM e PSRTP Alessandro Beux
Malattie infettive, vaccinazioni e accesso alle cure al centro del 2° Congresso Waidid
Emergenza pertosse, primo network globale per l’eradicazione della Tubercolosi, immunizzazione in gravidanza e accesso universale alle cure. Questi sono alcuni degli hot topic al centro del 2° Congresso Internazionale dell’Associazione Mondiale per le Malattie Infettive e i Disordini Immunologici – WAidid –, presieduta dalla professoressa Susanna Esposito, che da oggi al 20 ottobre ospiterà a Milano […]
Vaccini, l’immunologo Aiuti: «Dovere sociale proteggere immunodepressi, sì all’obbligo per operatori sanitari»
Il professore è intervenuto al convegno Simedet sul tema: «I vaccini sono sicuramente un vantaggio perché hanno risparmiato milioni e milioni di morti, ma dobbiamo fare di più». E se la prende con quei ‘ciarlatani camuffati’ che vanno in tv senza sapere di cosa parlano
Risonanze magnetiche, Ordine TSRM contesta il decreto su standard di sicurezza: «Rischio rallentamento delle attività, pronti ad azioni legali»
L’Ordine presieduto da Alessandro Beux sottolinea la necessità che nella gestione del rischio clinico ci sia «il coinvolgimento di tutti i professionisti sanitari». Dietro l’angolo «un aumento dei costi e del contenzioso inter-professionale e una serie di ricadute medico-legali e assicurative»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...
Formazione

Caos numero chiuso: tra annunci di abolizione e ondate di ricorsi

Governo vara stop ai test medicina, poi la retromarcia. Spiazzati Grillo (Salute) e Bussetti (MIUR): «Aumento accessi e borse di studio». Anelli (FNOMCeO): «Risolvere imbuto formativo». Ma l’esa...
Formazione

Rivalidazione, controlli, autoformazione e crediti FAD: tutte le novità ECM in arrivo entro la fine dell’anno

Si avvicina infatti la scadenza del secondo segmento del triennio formativo 2017-2019: la verifica dei crediti ECM raccolti dai medici per il triennio 2014-2016 comincerà con l’inizio del 2019. Ane...