Salute 3 Dicembre 2018 19:11

Scompenso cardiaco, prima causa ricovero. Nozzoli (Careggi): «Per SSN 12mila euro l’anno a paziente». Gensini (Univ. Firenze): «Sì a telemedicina»

Si stima che in Italia la popolazione interessata sia di 1,2 milioni di persone (l’1-2% della popolazione) e i ricoveri si aggirino sui 180mila per anno. Ma il monitoraggio a distanza non rappresenta l’unica soluzione

di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Scompenso cardiaco, prima causa ricovero. Nozzoli (Careggi): «Per SSN 12mila euro l’anno a paziente». Gensini (Univ. Firenze): «Sì a telemedicina»

Il cuore è un organo prettamente muscolare e la sua capacità di pompare il sangue è fondamentale per il sistema circolatorio. Quando il sangue non viene pompato a sufficienza, tanto da non ‘alimentare ‘ gli altri organi vitali «è allora che si può parlare di scompenso cardiaco», spiega ai nostri microfoni Carlo Nozzoli del reparto di Medicina interna e urgenza dell’Ospedale Careggi in occasione del convegno sullo scompenso cardiaco organizzato dall’ex senatore Stefano De Lillo, oggi nel Cda di Agenas.

«Lo scompenso – spiega più nel dettaglio il professor Nozzoli -, è dovuto al fatto che l’attività del cuore, che normalmente pompa il sangue attraverso le arterie, se viene compromessa può portare a sofferenza i tessuti e i principali organi vitali». I principali sintomi che possono indurre un sospetto di scompenso? «L’affanno – risponde il professore -, e anche una stanchezza cronica».

In Italia i pazienti che soffrono di scompenso sono in crescita costante, tanto che questa patologia è la prima ragione di ricovero. Secondo i dati dello studio Arno, si stima che in Italia la popolazione interessata sia di 1,2 milioni di persone (l’1-2% della popolazione) e i ricoveri si aggirino sui 180mila per anno, comportando per lo Stato un costo di circa 11.800 euro l’anno. Purtroppo il problema non termina al momento del ricovero, ma anzi si aggrava nella fase successiva, quando il paziente viene dimesso e la possibilità di ricaduta con conseguente ulteriore ricovero è altissima. «La telemedicina è una risposta a questa situazione critica», spiega Gianfranco Gensini, Professore di Cardiologia e di Medicina Interna all’Università Firenze.

«Infatti la telemedicina – prosegue Gensini -, può garantire un’attenzione che è quella che serve al paziente per evitare ricadute e peggioramenti della situazione e necessità di ricorrere alle cure ospedaliere. Lo scompenso e i problemi correlati sono la branca infatti dove la telemedicina si è più sviluppata in diverse regioni d’Italia dove sta già raggiungendo dimensioni interessanti».

Ma il monitoraggio a distanza non rappresenta l’unica soluzione per alleggerire il carico sulle spalle del SSN garantendo comunque un’assistenza efficace ai pazienti; infatti si può contare anche «sui progressi dell’innovazione farmaco-terapeutica e di device. Inoltre è fondamentale che il paziente, quando esce dall’ospedale, non sia lasciato solo ma entri in un percorso in cui si tende a evitare che si creino le condizioni per un successivo ricovero. Altro elemento importante che va tenuto in considerazione è l’aderenza alle terapie: purtroppo spesso capita che il paziente si dimentichi di seguire le indicazioni del medico, e questo è oggetto di un intenso lavoro da parte di tutte le società scientifiche e le organizzazioni sanitarie».

Articoli correlati
Ex specializzandi, De Lillo (OMCeO Roma): «Sfruttare occasione della Legge di Bilancio per approvare transazione»
Il vicepresidente dell’Ordine dei Medici di Roma: «Riformare il sistema formativo, dall’accesso a Medicina alle borse di specializzazione»
Scompenso cardiaco, Aisc: «Un milione di persone affette, ma numero in aumento»
Telemedicina e teleconsulti: nel 6° incontro nazionale annuale dal titolo “La gestione dello scompenso cardiaco nell’era post covid-19: parliamone con i pazienti” le associazioni di pazienti chiedono di rendere operativo il modello per patologie croniche
Nel Lazio 81 asintomatici positivi su 42mila test sierologici. De Lillo: «12mila persone potrebbero non sapere di essere contagiose»
Il medico di famiglia, già presidente facente funzioni di Agenas, commenta i dati della Regione: «Numeri di ricoverati tra i più alti d’Italia e percentuale di guariti più bassa. Servono più tamponi»
Un milione di pazienti con scompenso cardiaco. Gimbe: «Riorganizzare assistenza per ridurre ricoveri e mortalità»
«Lo scompenso cardiaco cronico costituisce un problema di salute pubblica sempre più rilevante perché, a causa dell’invecchiamento della popolazione e dei progressi terapeutici nell’ambito delle malattie cardiovascolari, il numero dei malati è in costante aumento. In Italia si stimano circa 1 milione di pazienti con scompenso cardiaco, pari all’1,7% della popolazione, con circa 90 000 […]
Prevenzione, il tir dello scompenso cardiaco nelle piazze italiane: sette tappe a settembre-ottobre
Secondo i dati più recenti, 14 milioni di persone in Europa e più di 1 milione in Italia convivono, oggi, con lo scompenso cardiaco (HF, Heart Failure), patologia che registra ogni anno l’insorgere di nuovi casi, indicativamente 20 ogni 1000 individui tra 65 e 69 anni e più di 80 casi ogni 1000 tra gli […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 1 marzo, sono 114.078.673 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.531.004 i decessi. Ad oggi, oltre 239,60 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Diritto

Se l’operatore sanitario non è vaccinato può essere licenziato? E in caso di contagio sul lavoro, l’INAIL paga? Le risposte dell’esperto

La campagna vaccinale contro il Covid-19 continua tra mille difficoltà. Cosa succede al lavoratore che rifiuta di vaccinarsi? L’azienda può prendere provvedimenti? Parla l’avvocato Andrea Marzia...