Salute 3 gennaio 2018

Al Careggi la App per seguire in diretta gli interventi chirurgici dei propri familiari

Basta tensione in sala di attesa, adesso l’intervento chirurgico si segue in diretta su tablet e smartphone. Il 5 gennaio la presentazione della app

Mai più infinite attese fuori la sala operatoria per conoscere dal chirurgo l’esito di un intervento. Adesso all’ospedale Careggi di Firenze i familiari del paziente, previo suo consenso, potranno seguire in diretta tutti i momenti dell’intervento chirurgico in corso direttamente su smartphone e tablet, quindi anche senza essere fisicamente in ospedale. È la nuova funzione della App Careggi Smart Hospital, già disponibile su monitor multimediali istallati nella sala di attesa del nuovo Trauma Center da 14 sale operatorie. Altri monitor saranno progressivamente istallati in tutti i blocchi operatori dell’Azienda.

«È un’altra innovazione del progetto Careggi Smart Hospital – spiega una nota -, che dal 2013 ha avviato una serie di servizi digitali dedicati all’utenza per semplificare il rapporto con l’Ospedale, in applicazione delle linee guida dell’Agenda Digitale Europea ed Italiana in Sanità. La APP già consente da tempo di pagare il ticket con la carta di credito, di ricevere i referti direttamente su smartphone e tablet o di prenotare un prelievo senza attese».

«La possibilità di rendere visibili i tempi chirurgici degli interventi sulla App e sui monitor – prosegue – è stata possibile grazie alla informatizzazione di tutto il percorso chirurgico nell’Azienda ospedaliero universitaria, a partire dalla visita ambulatoriale e fino alla compilazione del registro operatorio, con l’adozione di nuovi applicativi software che consentono di tracciare tutte le fasi del percorso stesso».

«La rilevazione dei tempi di sala (movimentazione pazienti, sanificazione e ripristino sala) dei tempi anestesiologici e dei tempi chirurgici, ha molteplici utilizzi e finalità, sia in termini gestionali che clinici. Sapere come sono impiegate le risorse umane e tecnologiche, in ciascuna fase del processo, consente livelli di ottimizzazione di tutta l’attività inerente le sale operatorie di Careggi, migliorando la pianificazione degli interventi sia per interventi multipli su pazienti diversi, sia in condizioni di emergenza», conclude.

La nuova funzione dell’App sarà presentata dal Direttotre dello Staff di Careggi Andrea Belardinelli, alla presenza del Direttore Generale Monica Calamai e dell’Assessore alla Salute della Regione Toscana Stefania Saccardi,  nel corso di una conferenza stampa in programma venerdì 5 gennaio alle 12:30 nella Sala Gialla al secondo piano del Nuovo Ingresso, padiglione 2 Largo Brambilla a Firenze.

Articoli correlati
Chirurgia robotica: a Firenze portato a termine primo trapianto di rene da paziente a cuore fermo
Un grande traguardo in Italia nel campo della medicina: è stato portato a termine con successo il primo trapianto di rene da donatore a cuore fermo mediante chirurgia robotica d’urgenza. L’intervento si è svolto presso l’ospedale fiorentino di Careggi ed è stato caratterizzato da due fasi operative. Protagonista dell’operazione la chirurgia robotica mininvasiva.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...
Formazione

Caos numero chiuso: tra annunci di abolizione e ondate di ricorsi

Governo vara stop ai test medicina, poi la retromarcia. Spiazzati Grillo (Salute) e Bussetti (MIUR): «Aumento accessi e borse di studio». Anelli (FNOMCeO): «Risolvere imbuto formativo». Ma l’esa...