Salute 3 Gennaio 2018 16:49

Al Careggi la App per seguire in diretta gli interventi chirurgici dei propri familiari

Basta tensione in sala di attesa, adesso l’intervento chirurgico si segue in diretta su tablet e smartphone. Il 5 gennaio la presentazione della app

Mai più infinite attese fuori la sala operatoria per conoscere dal chirurgo l’esito di un intervento. Adesso all’ospedale Careggi di Firenze i familiari del paziente, previo suo consenso, potranno seguire in diretta tutti i momenti dell’intervento chirurgico in corso direttamente su smartphone e tablet, quindi anche senza essere fisicamente in ospedale. È la nuova funzione della App Careggi Smart Hospital, già disponibile su monitor multimediali istallati nella sala di attesa del nuovo Trauma Center da 14 sale operatorie. Altri monitor saranno progressivamente istallati in tutti i blocchi operatori dell’Azienda.

«È un’altra innovazione del progetto Careggi Smart Hospital – spiega una nota -, che dal 2013 ha avviato una serie di servizi digitali dedicati all’utenza per semplificare il rapporto con l’Ospedale, in applicazione delle linee guida dell’Agenda Digitale Europea ed Italiana in Sanità. La APP già consente da tempo di pagare il ticket con la carta di credito, di ricevere i referti direttamente su smartphone e tablet o di prenotare un prelievo senza attese».

«La possibilità di rendere visibili i tempi chirurgici degli interventi sulla App e sui monitor – prosegue – è stata possibile grazie alla informatizzazione di tutto il percorso chirurgico nell’Azienda ospedaliero universitaria, a partire dalla visita ambulatoriale e fino alla compilazione del registro operatorio, con l’adozione di nuovi applicativi software che consentono di tracciare tutte le fasi del percorso stesso».

«La rilevazione dei tempi di sala (movimentazione pazienti, sanificazione e ripristino sala) dei tempi anestesiologici e dei tempi chirurgici, ha molteplici utilizzi e finalità, sia in termini gestionali che clinici. Sapere come sono impiegate le risorse umane e tecnologiche, in ciascuna fase del processo, consente livelli di ottimizzazione di tutta l’attività inerente le sale operatorie di Careggi, migliorando la pianificazione degli interventi sia per interventi multipli su pazienti diversi, sia in condizioni di emergenza», conclude.

La nuova funzione dell’App sarà presentata dal Direttotre dello Staff di Careggi Andrea Belardinelli, alla presenza del Direttore Generale Monica Calamai e dell’Assessore alla Salute della Regione Toscana Stefania Saccardi,  nel corso di una conferenza stampa in programma venerdì 5 gennaio alle 12:30 nella Sala Gialla al secondo piano del Nuovo Ingresso, padiglione 2 Largo Brambilla a Firenze.

Articoli correlati
«Centinaia di migliaia di interventi agli occhi saltati, situazione critica», l’allarme dell’oculista Mele
Gli interventi chirurgici agli occhi, tra cui anche le iniezioni intravitreali per la maculopatia, sono crollati più dell'80 per cento, riferisce l'oculista
Recupero interventi chirurgici, ecco cosa prevede il documento al vaglio del Ministero della Salute
Il Ministero della Salute sta valutando il piano di recupero degli interventi chirurgici saltati a causa della pandemia, prodotto dal Tavolo tecnico sulla chirurgia generale istituito dal Sottosegretario Sileri. Tra i punti elencati: nuove risorse per assunzioni, retribuzioni degli straordinari, sale operatorie sempre aperte e deroga ai tetti che limitano le prestazioni delle strutture private convenzionate
Sileri risponde all’appello dei chirurghi: «Stiamo lavorando per recupero degli interventi chirurgici saltati»
«La riduzione degli interventi chirurgici in Italia è drammatica - spiega Francesco Basile, presidente della Società italiana di chirurgia -. Posti letto di chirurgia dimezzati, blocco dei ricoveri, infermieri e anestesisti trasferiti ai reparti Covid. Spesso non è possibile operare neanche i pazienti con tumore»
Interventi chirurgici nel post-Covid, studio internazionale rivela aumento di mortalità
Lo specialista nel team di ricerca: «Meglio aspettare sette settimane dopo la guarigione, quando possibile. Altrimenti, valutare attentamente rapporto rischio-beneficio, informando il paziente»
Coronavirus e liste d’attesa, al San Paolo di Milano una ‘week surgery Covid free’ per recuperare gli interventi rimandati
Il direttore del reparto Maurizio Verga: «Cerchiamo di recuperare lo stop di tre mesi con un modello di intensità di cure che permette, attraverso la week surgery, di organizzare il lavoro e liberare risorse per interventi più impegnativi»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 19 maggio, sono 525.383.960 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.283.599 i decessi. Ad oggi, oltre 11,42 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?

Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...