Salute 14 Gennaio 2022 13:05

Recupero interventi chirurgici, ecco cosa prevede il documento al vaglio del Ministero della Salute

Il Ministero della Salute sta valutando il piano di recupero degli interventi chirurgici saltati a causa della pandemia, prodotto dal Tavolo tecnico sulla chirurgia generale istituito dal Sottosegretario Sileri. Tra i punti elencati: nuove risorse per assunzioni, retribuzioni degli straordinari, sale operatorie sempre aperte e deroga ai tetti che limitano le prestazioni delle strutture private convenzionate

Recupero interventi chirurgici, ecco cosa prevede il documento al vaglio del Ministero della Salute

Risorse per nuove assunzioni. Straordinari retribuiti e incentivi per gli operatori sanitari che sforano l’orario di lavoro. Posti letto ordinari e in terapia intensiva dedicati esclusivamente ai pazienti chirurgici no Covid. E allargamento o sospensione temporanea dei tetti che impediscono alle strutture private convenzionate di eseguire più di una certa quota di interventi chirurgici all’anno.

Questi sono solo alcuni dei punti contenuti nel documento stilato da un sottogruppo di superesperti del Tavolo tecnico sulla chirurgia generale, istituito lo scorso settembre su impulso del Sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri. Il documento è ora sulla scrivania del ministero pronto per essere vagliato e poi, si spera, reso operativo per affrontare gli enormi ritardi accumulati in sala operatoria, a causa dell’emergenza Covid-19.

È necessario che gli operatori lavorino anche di sabato e domenica

«Per smaltire i numerosissimi interventi chirurgici ‘saltati’ a causa della pandemia abbiamo bisogno di nuove regole e nuove risorse», dice Riccardo Rosati, primario dell’Unità di Chirurgia Gastroenterologica e dell’Unità Week Surgery dell’IRCCS Ospedale San Raffaele di Milano, nonché uno dei membri del Tavolo chirurgia che ha lavorato al documento sulle liste d’attesa. «Abbiamo bisogno di lavorare di più, dalla mattina alla sera, anche sabato e domenica», sottolinea Rosati. «E per farlo dobbiamo avere a disposizione più infermieri, più strumentisti e più anestesisti», aggiunge.

«E per farlo dobbiamo avere a disposizione più infermieri, più strumentisti e più anestesiti», aggiunge. In pratica, l’obiettivo è quello di consentire alle sale operatorie di essere sempre attive. «Questo richiede però anche che una buona quota di posti letto ordinari e in terapia intensiva vengano riservati ai pazienti chirurgici no Covid», sottolinea Rosati. «Per questo è necessaria una riorganizzazione degli spazi, sfruttando al massimo tutte quelle aree create e aperte proprio per la gestione dei pazienti Covid-19, che sono state poi chiuse mesi fa quando si pensava che l’emergenza fosse rientrata», aggiunge. Come ad esempio l’Ospedale in Fiera di Milano con la maxiterapia intensiva costruita in corsa durante la prima ondata pandemica del marzo 2020.

Liberare il settore privato dai tetti imposti dalle Regioni

Tra i punti contenuti nel documento c’è anche la deroga ai tetti che le Regioni pongono ai volumi di attività delle strutture private convenzionate. «Il settore privato può essere di grandissimo aiuto nel recupero degli interventi chirurgici rimandati, ma a causa di questi tetti il loro contributo può essere solo limitato», spiega Rosati. A questo si aggiunge un’altra situazione paradossale: il limite massimo alle prestazioni erogabili dalle strutture private convenzionate viene stabilito in base al volume dell’attività dell’anno precedente.

In sostanza, il calcolo degli interventi chirurgici che una struttura può fare in convenzione con il pubblico viene effettuato sulla base del numero di operazioni eseguite l’anno precedente. E questo numero è ora molto basso, se si considera che a causa della pandemia, negli ultimi due anni, sono stati rimandati numerosi interventi chirurgici. Gli stessi che vanno ad allungare le liste d’attesa. Ora si chiede agli ospedali di correre ma con il freno a mano tirato. «Per questo il Ministero della Salute è chiamato a vagliare l’ipotesi di derogare a questi tetti, almeno finché non avremo smaltito le liste d’attesa», dice Rosati. Ora la palla è passata al Sottosegretario Sileri, a cui spetta il compito di valutare queste proposte e di fare in modo che diventino operative. «Confidiamo nella professionalità e nella sensibilità del Sottosegretario Sileri, che è prima di tutto un collega. Noi siamo pronti a fare la nostra parte», conclude Rosati.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sileri risponde all’appello dei chirurghi: «Stiamo lavorando per recupero degli interventi chirurgici saltati»
«La riduzione degli interventi chirurgici in Italia è drammatica - spiega Francesco Basile, presidente della Società italiana di chirurgia -. Posti letto di chirurgia dimezzati, blocco dei ricoveri, infermieri e anestesisti trasferiti ai reparti Covid. Spesso non è possibile operare neanche i pazienti con tumore»
Ecm, sanzioni e via l’Iva sui corsi
di Roberto Carlo Rossi Presidente Omceo Milano
di Roberto Carlo Rossi Presidente Omceo Milano
ECM, Colombati (Formazione nella sanità): «Bene impegno di Sileri e FNOMCeO su formazione»
Colombati non si sofferma sul richiamo a controlli e sanzioni preannunciati dal 2022 per chi non sarà in regola con gli obblighi formativi, ma evidenza il ruolo strategico affidato alla formazione per tutti i professionisti sanitari
Malattie rare, UNIAMO presenta VII Rapporto MonitoRare
Sileri: «Nuovo Piano nazionale subito dopo l’estate. Al momento è in fase di revisione, per renderlo più snello. Il suo aggiornamento, ogni tre anni, sia azione di routine, normalità, con meno parole e molti più fatti»
Interventi chirurgici nel post-Covid, studio internazionale rivela aumento di mortalità
Lo specialista nel team di ricerca: «Meglio aspettare sette settimane dopo la guarigione, quando possibile. Altrimenti, valutare attentamente rapporto rischio-beneficio, informando il paziente»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 gennaio, sono 320.249.932 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.521.977 i decessi. Ad oggi, oltre 9,56 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre