Salute 4 Luglio 2022 15:30

Quarta dose agli over 70, si partirà subito o in autunno con un vaccino nuovo?

A causa dell’aumento dei contagi ai tecnici del ministero della Salute è stato chiesto di anticipare l’estensione della somministrazione della quarta dose agli over 80. Inizialmente era prevista in autunno, in coincidenza con l’arrivo dei vaccini «aggiornati». Ora le cose potrebbero cambiare, anche se non tutti sono d’accordo

Quarta dose agli over 70, si partirà subito o in autunno con un vaccino nuovo?

Mentre la curva di questa nuova ondata di contagi continua a cresce, nonostante ci si aspettava una tregua estiva, questa settimana il ministero della Salute potrebbe decidere di anticipare la somministrazione della quarta dose alle persone con un’età superiore ai 70 anni. Lo ha chiesto chiaramente l’Assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato. «Sarebbe opportuno che le autorità tecnico-scientifiche del Ministero della Salute valutino l’opportunità di estendere sin da subito la platea dei soggetti richiamati alla quarta dose del vaccino Covid», ha detto.

L’assessore D’Amato chiede di allargare subito la quarta dose agli over 70

«Data la forte incidenza virale forse sarebbe opportuno abbassare l’attuale soglia degli 80 anni fino ai 70», ha dichiarato D’Amato. «Ovviamente ci rimettiamo solo alle valutazioni scientifiche, ma ritengo utile che possa essere fatta questa ulteriore verifica in relazione al mutato quadro epidemiologico», ha aggiunto. La quarta dose per gli over 70 era prevista, inizialmente, a settembre o ottobre. L’idea era quella di procedere la campagna vaccinale con un vaccino «aggiornato», magari più mirato contro la variante Omicron Ba.5.

A settembre o ottobre possibili richiami con vaccini aggiornati

Un nuovo vaccino dunque che, secondo un gruppo di consulenti della FDA, l’agenzia americana che regolamenta i farmaci, sarebbe pronto e disponibile già il prossimo ottobre. In Italia non ci si aspettava che con la stagione estiva nascesse questa nuova ondata di casi. I contagi aumentano, anche se per fortuna i ricoveri non crescono allo stesso ritmo. Da qui l’idea di allargare la somministrazione dei richiami. Tuttavia, ancora nulla è stato deciso. Se ne discuterà diffusamente questa settimana, quando il ministro della Salute Roberto Speranza si riunirà con i tecnici per fare il punto della situazione.

Sileri: «Troppo tardi per la quarta dose agli over 70, meglio aspettare i vaccini aggiornati»

Pierpaolo Sileri, sottosegretario alla Salute, ha già una sua idea precisa ed è quella di mantenere in piedi il piano originario. «Credo che ormai sia tardi pensare di vaccinare gli over 70 con l’obiettivo di contrastare questa ondata di contagi», spiega. «Quando avremo somministrato la quarta dose a tutti gli over 70, questa nuova ondata sarà arrivata già alla sua conclusione. Per questo sono più favorevole ad aspettare settembre o ottobre e, magari, procedere con un vaccino aggiornato più efficace di quelli che abbiamo a disposizione oggi». Concorda invece con l’assessore D’Amato, il direttore generale dello Spallanzani, Francesco Vaia. «Noi il virus lo dobbiamo anticipare e non rincorrere», ha detto.

Rallenta la somministrazione della quarta dose nei soggetti over 80

Ad oggi, l’unica cosa certa è che la somministrazione della quarta dose ha rallentato parecchio negli over 80. Dai dati aggiornati sulle vaccinazioni, la seconda dose di richiamo è stata fatta a 1.274.426 persone, poco meno del 29 per cento della platea. «Sulla quarta dose del vaccino purtroppo dobbiamo registrare che c’è stato un rallentamento e questo non è positivo: dobbiamo utilizzare ogni momento per rinnovare l’appello a tutti coloro per i quali è prevista la quarta dose, come anziani e ultrafragili», ha detto il sottosegretario alla Salute, Andre Costa. La quarta dose, ha proseguito, protegge di più anziani e fragili «anche di fronte a una recrudescenza del virus» e «dobbiamo rinnovare questo appello anche a tutti coloro, che purtroppo sono ancora tanti, che non hanno completato il ciclo vaccinale, e cioè la dose booster».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid: 3 o più dosi di vaccino in gravidanza aumentano la protezione dei neonati
Le donne in gravidanza che ricevono tre o più dosi di vaccino anti-Covid durante la gestazione presentano un livello di anticorpi specifici contro l’infezione nel cordone ombelicale di circa dieci volte più alto rispetto a quanto riscontrato nelle madri che hanno effettuato meno richiami. E questo offre una maggiore protezione ai nascituri. A dimostrarlo è uno studio condotto dagli scienziati dell’Università di Washington a Seattle
Covid: spray nasale con anticorpi protegge da infezione. Gli scienziati: “Approccio utile contro nuove varianti e in futuro anche contro altri virus”
I ricercatori del Karolinska Institutet, in Svezia, hanno dimostrato che lo spray nasale anti-Covid sviluppato, a base di anticorpi IgA, può offrire protezione dall'infezione. O almeno così è stato nei topi su cui è stato testato, come riportato da uno studio pubblicato su PNAS. I risultati aprono la strada a una nuova strategia per proteggere le persone ad alto rischio a causa delle diverse varianti del virus Sars-CoV-2 e possibilmente anche da altre infezioni
Morbillo: mappato il percorso del virus nel cervello
Per la prima volta è stata realizzata una sorta di mappa della diffusione del virus del morbillo nel cervello sulla base dei dati di un paziente colpito da una rara e letale malattia cerebrale, chiaara panencefalite sclerosante subacuta (SSPE). A realizzare l'impresa sono stati i ricercatori della Mayo Clinic in uno studio pubblicato su PLOS Pathogens
Herpes zoster: l’efficacia del vaccino diminuisce nel tempo
Uno studio pubblicato sul British Medical Journal ha valutato l'efficacia del vaccino vivo contro l'herpes zoster, che è risultata massima per i primi 12 mesi dalla vaccinazione ed è diminuita in modo sostanziale nel tempo
Covid: efficacia del vaccino sottovalutata, studio rivela «falla» in trial clinici
L'efficacia del vaccino anti-Covid potrebbe esser stata sottovalutata. A fare luce su una nuova «falla» è stato uno studio condotto da un team di scienziati del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) e dell’Università di Salerno
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Salute

In Italia l’obesità uccide 4 volte in più degli incidenti d’auto

Nel nostro paese l'obesità è in aumento esponenziale e sempre più "killer", con un numero di morti all'anno 4 volte superiore a quello degli incidenti d'auto, e una previsione, en...