Salute 4 Luglio 2022 15:30

Quarta dose agli over 70, si partirà subito o in autunno con un vaccino nuovo?

A causa dell’aumento dei contagi ai tecnici del ministero della Salute è stato chiesto di anticipare l’estensione della somministrazione della quarta dose agli over 80. Inizialmente era prevista in autunno, in coincidenza con l’arrivo dei vaccini «aggiornati». Ora le cose potrebbero cambiare, anche se non tutti sono d’accordo

Quarta dose agli over 70, si partirà subito o in autunno con un vaccino nuovo?

Mentre la curva di questa nuova ondata di contagi continua a cresce, nonostante ci si aspettava una tregua estiva, questa settimana il ministero della Salute potrebbe decidere di anticipare la somministrazione della quarta dose alle persone con un’età superiore ai 70 anni. Lo ha chiesto chiaramente l’Assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato. «Sarebbe opportuno che le autorità tecnico-scientifiche del Ministero della Salute valutino l’opportunità di estendere sin da subito la platea dei soggetti richiamati alla quarta dose del vaccino Covid», ha detto.

L’assessore D’Amato chiede di allargare subito la quarta dose agli over 70

«Data la forte incidenza virale forse sarebbe opportuno abbassare l’attuale soglia degli 80 anni fino ai 70», ha dichiarato D’Amato. «Ovviamente ci rimettiamo solo alle valutazioni scientifiche, ma ritengo utile che possa essere fatta questa ulteriore verifica in relazione al mutato quadro epidemiologico», ha aggiunto. La quarta dose per gli over 70 era prevista, inizialmente, a settembre o ottobre. L’idea era quella di procedere la campagna vaccinale con un vaccino «aggiornato», magari più mirato contro la variante Omicron Ba.5.

A settembre o ottobre possibili richiami con vaccini aggiornati

Un nuovo vaccino dunque che, secondo un gruppo di consulenti della FDA, l’agenzia americana che regolamenta i farmaci, sarebbe pronto e disponibile già il prossimo ottobre. In Italia non ci si aspettava che con la stagione estiva nascesse questa nuova ondata di casi. I contagi aumentano, anche se per fortuna i ricoveri non crescono allo stesso ritmo. Da qui l’idea di allargare la somministrazione dei richiami. Tuttavia, ancora nulla è stato deciso. Se ne discuterà diffusamente questa settimana, quando il ministro della Salute Roberto Speranza si riunirà con i tecnici per fare il punto della situazione.

Sileri: «Troppo tardi per la quarta dose agli over 70, meglio aspettare i vaccini aggiornati»

Pierpaolo Sileri, sottosegretario alla Salute, ha già una sua idea precisa ed è quella di mantenere in piedi il piano originario. «Credo che ormai sia tardi pensare di vaccinare gli over 70 con l’obiettivo di contrastare questa ondata di contagi», spiega. «Quando avremo somministrato la quarta dose a tutti gli over 70, questa nuova ondata sarà arrivata già alla sua conclusione. Per questo sono più favorevole ad aspettare settembre o ottobre e, magari, procedere con un vaccino aggiornato più efficace di quelli che abbiamo a disposizione oggi». Concorda invece con l’assessore D’Amato, il direttore generale dello Spallanzani, Francesco Vaia. «Noi il virus lo dobbiamo anticipare e non rincorrere», ha detto.

Rallenta la somministrazione della quarta dose nei soggetti over 80

Ad oggi, l’unica cosa certa è che la somministrazione della quarta dose ha rallentato parecchio negli over 80. Dai dati aggiornati sulle vaccinazioni, la seconda dose di richiamo è stata fatta a 1.274.426 persone, poco meno del 29 per cento della platea. «Sulla quarta dose del vaccino purtroppo dobbiamo registrare che c’è stato un rallentamento e questo non è positivo: dobbiamo utilizzare ogni momento per rinnovare l’appello a tutti coloro per i quali è prevista la quarta dose, come anziani e ultrafragili», ha detto il sottosegretario alla Salute, Andre Costa. La quarta dose, ha proseguito, protegge di più anziani e fragili «anche di fronte a una recrudescenza del virus» e «dobbiamo rinnovare questo appello anche a tutti coloro, che purtroppo sono ancora tanti, che non hanno completato il ciclo vaccinale, e cioè la dose booster».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
A che punto siamo con i vaccini anti-Covid aggiornati?
I vaccini anti-Covid aggiornati sono attesi per il prossimo autunno. Ma ancora nessuno è stato autorizzato e il «più aggiornato» deve ancora essere sottoposto ai test clinici
GB: paura polio, a Londra vaccini a tutti i bambini under 10
Dopo aver rilevato il virus della polio nelle acque reflue di Londra, le autorità sanitarie hanno deciso di offrire la vaccinazione antipolio a tutti i bambini sotto i dieci anni d'età
Il vaccino può alterare il ciclo mestruale?
Uno studio pubblicato sulla rivista Science Advances ha dimostrato un legame tra ciclo mestruale più intenso e vaccinazione anti-Covid. In alcuni casi si sono verificati sanguinamenti anche in donne in menopausa
Vaiolo delle scimmie, cresce emergenza e ora 1 italiano su 3 lo teme
L'Oms ha dichiarato che il vaiolo delle scimmie è un'emergenza sanitaria globale. Sono stati registrati 17mila casi in 70 paesi. l'Italia è fra i 10 paesi più colpiti e forse per questo 1 italiano su 3 ammette di avere paura
Dalla medicina territoriale all’infermiere di comunità, tutte le riforme a rischio con la crisi di governo
La fine anticipata della legislatura, sempre più probabile dopo le dimissioni di Mario Draghi, rischia di fermare molti disegni di legge all’esame del Parlamento: dallo psicologo delle cure primarie al budget di salute fino alle norme sulla Concorrenza. La crisi rischia di ritardare anche alcuni decreti attuativi come quelli per le malattie rare e per i ristori ai sanitari deceduti per il Covid
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale