Salute 29 Novembre 2018

Farmaci e innovazione, l’Health tech sposa il Pharma e migliora l’aderenza terapeutica dei malati cronici

Massimo Visentin, Ceo e presidente Pfizer Italia: «Con il progetto “Vicini di Salute” i pazienti dotati di tablet hanno interagito con il medico in qualsiasi momento della giornata, migliorando il loro stato di salute»

di Isabella Faggiano

Una connessione h24 con il proprio medico per controllare l’aderenza terapeutica, monitorare i parametri vitali e, se necessario, modificare la cura seguita. Tutto grazie ad un tablet offerto ad alcuni malati cronici, attraverso un progetto educazionale promosso da Pfizer e Philips, realizzato in collaborazione con l’Osservatorio Innovazione Digitale in Sanità del Politecnico di Milano.

«Si chiama Vicini di Salute – ha spiegato Massimo Visentin, Ceo e presidente Pfizer Italia – ed è la risposta di Pfizer ad una delle sfide più grandi che il Sistema Sanitario Nazionale si trova attualmente ad affrontare: il trattamento delle patologie croniche».

Con l’aumento della longevità, infatti, è cresciuto, di pari passo, anche il numero di malati cronici, spesso affetti da più patologie contemporaneamente. «Tra questi pazienti – ha aggiunto Visentin – l’aderenza alle cure rappresenta il vero problema per ottenere un adeguato trattamento della cronicità. Se un paziente sbaglia la somministrazione della sua terapia, peggiora il suo stato di salute e crea dei costi aggiuntivi per il SSN, già sotto pressione da un punto di vista finanziario».

LEGGI ANCHE: ADERENZA TERAPEUTICA, CITTADINANZATTIVA: DAL 30% AL 50% DEI FARMACI NON SONO ASSUNTI IN MODO CORRETTO. IN UE OLTRE 194MILA DECESSI

In che modo “Vicini di Salute” è riuscito a migliorare il rispetto del piano terapeutico? «Il progetto – ha spiegato il Ceo e presidente Pfizer Italia – ha coinvolto 90 pazienti, 30 con fibrillazione atriale, 30 con artrite reumatoide e 30 con acromegalia. Ad ognuno di loro è stato fornito un tablet che ha permesso a medici e pazienti di mettersi in contatto in qualunque momento della giornata. Grazie alla telemedicina è stato possibile controllare e monitorare la patologia, adeguando la cura alla situazione specifica di ogni paziente, rispettando l’importante principio della personalizzazione delle cure».

L’iniziativa, inaugurata nel mese di febbraio all’ospedale Sant’Andrea di Roma, all’Asl Bat (Barletta Andria Trani) e al policlinico di Milano, ha già dato i primi risultati: «Utilizzare la tecnologia per la gestione del rapporto medico-paziente ha avvicinato i malati ai propri centri di cura». Al contrario di quanto si possa immaginare, la tecnologia non ha “raffreddato” il rapporto medico-paziente, ma ha piuttosto incentivato l’umanizzazione delle cure: «Lo hanno testimoniato gli stessi pazienti coinvolti nel progetto – ha detto Visentin – che hanno dichiarato di sentirsi molto più vicini al proprio medico, mai considerati come dei numeri, ma sempre come degli esseri umani».

Successi raggiunti nonostante le difficoltà incontrate, sia in fase di progettazione, che di attuazione dell’iniziativa. «Sono due le principali criticità con cui abbiamo dovuto fare i conti – ha specificato Visentin -. La prima è di natura operativa: un progetto di questo tipo può essere implementato solo in strutture ospedaliere o in Asl che hanno un sistema informatico adeguato e, quindi, molte che avrebbero voluto partecipare a questa iniziativa, purtroppo, per dei limiti infrastrutturali propri non hanno potuto sposare il nostro progetto. Il secondo problema è più generale: la logica dei silos non consente in questo momento di adeguare la spesa per la cura del paziente a quello che è il suo percorso terapeutico personalizzato, come accade ad esempio a quei malati oncologici che hanno bisogno di una terapia in pillole che può essere assunta a casa. Per questo motivo, è necessario che sia l’organizzazione che il budget del Sistema si adeguino a questa innovazione. Si tratta di una grande sfida di natura strategica – ha concluso il Ceo e presidente Pfizer Italia – che chiediamo alle Istituzioni di affrontare e risolvere pensando ad una nuova governance della spesa farmaceutica».

LEGGI ANCHE: LONG-TERM CARE, NICOLETTA LUPPI (MSD): «PUNTARE SULL’IMPATTO DELL’INNOVAZIONE NELLA GESTIONE DELLA CRONICITÀ»

Articoli correlati
Oltre 13 milioni di italiani lontani dai servizi sanitari essenziali, Pagliacci (Sunifar): «Prevenzione e telemedicina, farmacie rurali avvicineranno cittadini a SSN»
Il progetto lanciato dal Sindacato Unitario dei Farmacisti Rurali e Cittadinanzattiva, con la collaborazione dell’Uncem. La presidente Sunifar: «Previsti interventi in cinque macro-aree: prevenzione, servizi di front-office, diagnostica e tele-assistenza, assistenza domiciliare, emergenza-urgenza. Per semplificare la vita delle persone e migliorare la qualità dell’assistenza sanitaria ricevuta»
di Isabella Faggiano
Aderenza terapeutica, quale il ruolo della farmacia? Tobia (Federfarma): «Siamo colonna del SSN. Necessaria alleanza tra attori del sistema»
Quattro milioni di italiani entrano ogni giorno in farmacia, «dunque bisogna puntare su questa per insegnare prevenzione e adesione alle cure». L’intervista a Roberto Tobia, presidente Federfarma Palermo e Tesoriere Federfarma nazionale
Aderenza terapeutica, solo il 50% di over 65 segue le cure. Pierpaolo Sileri (M5S): «Anziano risorsa per il futuro, istituire Giornata Nazionale»
Consolidare continuità delle cure per garantire maggiore salute e ammorbidire l’impatto su SSN. «Per questo ho depositato ddl che mette in campo strumenti di formazione, informazione e sensibilizzazione», l’intervista a Pierpaolo Sileri, presidente della commissione Sanità al Senato
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Fascicolo sanitario elettronico e telemedicina, l’endocrinologa: «Migliorano processo di cura fuori ambulatorio»
«Il fascicolo sanitario elettronico ci consente di ricostruire il vissuto di malattia e lo stato di salute dei pazienti; la telemedicina di entrare nella loro quotidianità per reindirizzare l’azione verso un obiettivo di salute condiviso»
Tecnologia, in Italia telemedicina non spicca il volo. Ferraris (Italtel): «Problema di governance, serve più sensibilità»
«Invecchiamento e cronicità porteranno ad un'assistenza a macchia di leopardo, occorre trovare soluzione». Così Luca Ferraris, responsabile Strategy, Innovation & Communication di Italtel