Salute 18 Luglio 2018

Aderenza terapeutica, Cittadinanzattiva: dal 30% al 50% dei farmaci non sono assunti in modo corretto. In UE oltre 194mila decessi

Il costo stimato di questi errori è in 125 miliardi l’anno. In quattro Regioni visite mediche a ‘cronometro’. Aceti: «Dare tempestiva attuazione al Piano Nazionale della Cronicità»

Immagine articolo

Non prendere in modo corretto i farmaci causa ogni anno in Europa 194.500 decessi. È questo uno dei dati shock rivelati da uno studio di Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato sull’aderenza terapeutica. La stima è dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e, nel dettaglio, sottolinea che dal 30% al 50% dei farmaci prescritti non sono assunti come dovrebbero: spesso dimenticati, saltati, confusi, assunti in dosi inferiori o eccessive. Il costo di tutto ciò è stato calcolato in 125 miliardi di euro l’anno.

LEGGI ANCHE: PSICOLOGO IN FARMACIA, AL VIA IL GRUPPO DI LAVORO. ESPOSITO (CNOP): «PUÒ AIUTARE A MIGLIORARE L’ADERENZA TERAPEUTICA» 

I motivi di questi ‘errori’ sono i più svariati: compresenza di più malattie croniche, frustrazione nel non percepire benefici dalle cure, scarsa comprensione sulla terapia da seguire. In un questionario rivolto agli Assessorati alla Salute e agli operatori sanitari sono emerse alcune soluzioni per migliorare l’aderenza terapeutica. Le 13 Regioni che hanno risposto puntano di più sui medici di famiglia, seguono specialisti, farmacisti e infermieri. Nessuna Regione ritiene prioritario puntare sul care-giver familiare e professionale (come le badanti) e solo Friuli Venezia Giulia, Molise e Trento stanno investendo anche sul ruolo delle associazioni di pazienti. In generale, si punta ancora troppo poco sull’informazione, con brochure o tutorial. Almeno quattro Regioni italiane, Lazio, Liguria, Marche e Molise, prevedono ‘visite a cronometro’, ovvero disposizioni regionali o iniziative di singole aziende sanitarie locali sui minuti da dedicare alle visite mediche. Di qui le 8 raccomandazioni civiche del Tribunale per i diritti del malato, che vedono in testa, spiega il coordinatore nazionale Tonino Aceti, quella di «dare tempestiva attuazione al Piano Nazionale della Cronicità, perché chiarisce bene come, oltre a intervenire sull’appropriatezza prescrittiva, le Regioni devono creare soluzioni organizzative che favoriscano l’adesione alle prescrizioni».

Anche la Presidente della Federazione nazionale degli Ordini delle professioni infermieristiche (Fnopi), Barbara Mangiacavalli, ha commentato i dati di Cittadinanzattiva. «La verifica e il supporto al paziente per la corretta assunzione dei farmaci è un ruolo dell’infermiere», ha sottolineato Mangiacavalli, commentando il dato secondo cui cinque Regioni hanno individuato l’infermiere come professionista principale per garantire l’aderenza terapeutica. Il ruolo del medico, prosegue Mangiacavalli, «è fondamentale: fa la diagnosi, stabilisce la terapia e interviene in caso di complicanze o di necessità subentranti. Quello del farmacista è essenziale, non solo per consigliare semmai sull’uso del farmaco, ma anche per sue eventuali sostituzioni o per la segnalazione di eventi avversi. Il compito dell’infermiere è accanto al paziente: lo guida, lo sostiene e lo consiglia nella sua terapia perché l’aderenza a questa sia assoluta».

LEGGI ANCHE: IL 70% DEI MALATI CRONICI NON ADERISCE ALLA TERAPIA IN MANIERA COMPLETA. ARRIVA L’ALGORITMO PER CONIUGARE SOSTENIBILITÀ E SALUTE 

Articoli correlati
Coronavirus e vaccini, l’OMS: «Non c’è pallottola d’argento contro Covid e forse non ci sarà mai»
Lo ha detto il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus, in conferenza stampa a Ginevra sul coronavirus facendo il punto sull'emergenza
Chi saranno i medici scolastici? Pensionati, giovani, pediatri o stranieri. Le proposte dal mondo della sanità
Se per Cricelli (Simg) la soluzione è richiamare i medici in pensione, Mazzacane (Cisl Medici) punta sui camici grigi. Secondo Magi (Sumai) i pediatri di libera scelta sono l’opzione ideale e Aodi (Amsi) vede un’opportunità per i medici di origine straniera. Mangiacavalli (Fnopi) chiede invece l’istituzione dell’infermiere scolastico
Sia riconosciuto e valorizzato il ruolo dei Dirigenti delle Professioni Infermieristiche e Sanitarie
Di Bruno Cavaliere, Presidente S.I.D.M.I
di Bruno Cavaliere, Presidente S.I.D.M.I
Presidente Casellati incontra Fnopi: «Infermieri fondamentali per diritto alla salute, grazie»
La presidente del Senato ha incontrato i vertici Fnopi, Barbara Mangiacavalli e Tonino Aceti e ascoltato le istanze. Ha assicurato il suo impegno nelle sedi istituzionali per sottolineare il ruolo degli infermieri durante la pandemia e dopo
Covid-19, De Palma (Nursing Up): «Report Inail mette a nudo l’amara realtà. Noi infermieri come soldati allo sbaraglio»
«L’83 per cento dei casi denunciati di avvenuto contagio erano infermieri. Il 63 per cento delle vittime nel mondo sanitario erano infermieri. I dati non lasciano spazio a dubbi» così il presidente del Sindacato Infermieri Italiani
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...