Salute 18 Maggio 2018

Psicologo in farmacia, al via il Gruppo di Lavoro. Esposito (CNOP): «Può aiutare a migliorare l’aderenza terapeutica»

Il prossimo 21 maggio si incontreranno psicologi, farmacisti e rappresentanti del Ministero della Salute per regolamentare la figura tramite apposite linee di indirizzo. La psicoterapeuta commenta: «È un grande aiuto per la popolazione, e non entra in conflitto con gli altri professionisti»

Immagine articolo

Uno psicologo in farmacia? Perché no. Già presente in molti presidii di Roma e di altre aree d’Italia, è una figura che sfrutta la capillarità delle farmacie, presenti anche nei più piccoli paesi della Penisola, per offrire la propria assistenza agli utenti in modo diretto e immediato. E presto sarà regolamentata da linee di indirizzo nazionali, volte a delinearne modalità operative e competenze professionali: è questo, infatti, l’obiettivo che si è prefissato il Gruppo di Lavoro “Psicologo in farmacia, che si riunirà il prossimo 21 maggio. Fortemente voluto dal Presidente del Consiglio Nazionale degli Ordini degli Psicologi (CNOP) Fulvio Giardina, il Gruppo porta per la prima volta intorno allo stesso tavolo tutti gli attori coinvolti nel progetto: Ministero della Salute, CNOP e Ordine dei Farmacisti; sono stati invitati, inoltre, rappresentanti di Federfarma e di Assofarm. Sarà presente all’incontro anche la dottoressa Paola Esposito, psicoterapeuta e consulente dello staff di presidenza della CNOP, che spiega a Sanità Informazione i benefici del progetto, inserito nell’ambito della farmacia dei servizi.

Dottoressa, che ruolo copre lo psicologo nelle farmacie?

«Lo psicologo in farmacia può aiutare molto i pazienti cronici ad aderire alla terapia. Per una cronicità, infatti, oltre alla parte farmacologica, è importante comprendere la nuova vita che si dovrà affrontare, che non sarà necessariamente peggiore, ma sicuramente diversa. È lì, quindi, che lo psicologo può affiancarsi al farmacista e far accettare al paziente il nuovo corso, rinforzando il messaggio dell’aderenza alla terapia e avere quindi una buona gestione della malattia. In questo senso, diventa sicuramente una figura vincente».

LEGGI ANCHE: IL 70% DEI MALATI CRONICI NON ADERISCE ALLA TERAPIA IN MANIERA COMPLETA

Quali sono gli altri benefici che lo psicologo in farmacia offre ai pazienti?

«Sicuramente l’approccio immediato. L’utente che entra in farmacia può facilmente accedere ad una figura di aiuto direttamente dalla strada. Il farmacista lo indirizzerà allo psicologo presente in loco che interverrà subito, anche con una semplice chiacchierata, perché la persona spesso ha proprio bisogno di essere ascoltata. In questo modo, le figure del farmacista e dello psicologo, insieme, possono raggiungere buoni obiettivi e offrire un grande aiuto concreto alla popolazione».

Ma è un ruolo che può entrare in conflitto con gli altri psicologi?

«Assolutamente no, perché lo psicologo in farmacia non fa terapie: fa dei brevi colloqui di indirizzo e di supporto, in genere quattro o cinque, e, soprattutto, quando intravede un disagio importante può indirizzare meglio il paziente. Ha quindi un ruolo di prevenzione. Per cui lo psicologo in farmacia non entra in conflitto né con lo psicologo nell’ambito privato né con lo psicologo nell’ambito pubblico, perché entrambi normalmente seguono delle terapie nel medio e lungo termine. Al contrario, in farmacia il supporto è momentaneo, a cui può seguire, se necessario, un indirizzamento nel pubblico».

LEGGI ANCHE: NUOVI LEA, ASSISTENZA PSICOLOGICA DIVENTA DIRITTO. LAZZARI (CNOP): «SVOLTA PER PROFESSIONE E CITTADINI»

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Ippoterapia, la psicologa: «Migliora capacità motorie e diminuisce ansia e depressione dei malati di Parkinson»
La psicologa Cinzia Correale: «La scelta dell’animale per la pet therapy dipenderà dalle sue caratteristiche comportamentali e dal suo temperamento. In Italia è consentito coinvolgere asini, cavalli, cani, gatti e conigli»
di Isabella Faggiano
LA STORIA | «Ho perso la vista a venti anni e ho deciso di diventare psicologa. Ora la mia forza è al servizio degli altri»
Katia Caravello: «Essere una psicologa con disabilità è un’arma a doppio taglio. È un valore aggiunto che ti consente di comprendere meglio l’altro, il suo vissuto e le sue sofferenze. Ma la disabilità altrui può riattivare nel terapeuta ferite ancora aperte»
di Isabella Faggiano
Ogni anno in Giappone 100mila persone decidono di sparire. Sono gli “evaporati”
Cuzzocrea (psicologa e psicoterapeuta): «Si tratta di individui che, a causa di una profonda vergogna, scaturita da un fallimento lavorativo o personale, decidono di cambiare identità. In Italia, almeno per il momento, non ci sono studi sul fenomeno, solo i dati dell’agenzia del ministero dell’Interno che censisce le persone scomparse, compresi gli allontanamenti volontari»
di Isabella Faggiano
“Farmacia Aperta”, la App di Federfarma Lombardia per trovare e raggiungere la farmacia più vicina
Racca (Federfarma Lombardia): «Presto, attraverso la stessa App, sarà possibile individuare tutti i servizi disponibili presso le varie farmacie nelle nostre vicinanze. Auspico che questa tecnologia possa essere usata anche in altre Regioni d’Italia, ponendo le basi per un’applicazione su scala nazionale»
di Isabella Faggiano
Farmaci contraffatti, quel business che fa gola alle mafie. Il 70% dei medicinali ‘tarocchi’ è venduto sul web
Un’indagine della rivista Il Salvagente traccia un quadro preoccupante del fenomeno alla luce di recenti fatti di cronaca: secondo l’Oms un farmaco su dieci in commercio è falso. Da febbraio in vigore il nuovo sistema europeo di contrasto alla contraffazione farmaceutica basato sull’apposizione di un codice identificativo univoco a barre bidimensionale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone