Salute 18 maggio 2018

Psicologo in farmacia, al via il Gruppo di Lavoro. Esposito (CNOP): «Può aiutare a migliorare l’aderenza terapeutica»

Il prossimo 21 maggio si incontreranno psicologi, farmacisti e rappresentanti del Ministero della Salute per regolamentare la figura tramite apposite linee di indirizzo. La psicoterapeuta commenta: «È un grande aiuto per la popolazione, e non entra in conflitto con gli altri professionisti»

Immagine articolo

Uno psicologo in farmacia? Perché no. Già presente in molti presidii di Roma e di altre aree d’Italia, è una figura che sfrutta la capillarità delle farmacie, presenti anche nei più piccoli paesi della Penisola, per offrire la propria assistenza agli utenti in modo diretto e immediato. E presto sarà regolamentata da linee di indirizzo nazionali, volte a delinearne modalità operative e competenze professionali: è questo, infatti, l’obiettivo che si è prefissato il Gruppo di Lavoro “Psicologo in farmacia, che si riunirà il prossimo 21 maggio. Fortemente voluto dal Presidente del Consiglio Nazionale degli Ordini degli Psicologi (CNOP) Fulvio Giardina, il Gruppo porta per la prima volta intorno allo stesso tavolo tutti gli attori coinvolti nel progetto: Ministero della Salute, CNOP e Ordine dei Farmacisti; sono stati invitati, inoltre, rappresentanti di Federfarma e di Assofarm. Sarà presente all’incontro anche la dottoressa Paola Esposito, psicoterapeuta e consulente dello staff di presidenza della CNOP, che spiega a Sanità Informazione i benefici del progetto, inserito nell’ambito della farmacia dei servizi.

Dottoressa, che ruolo copre lo psicologo nelle farmacie?

«Lo psicologo in farmacia può aiutare molto i pazienti cronici ad aderire alla terapia. Per una cronicità, infatti, oltre alla parte farmacologica, è importante comprendere la nuova vita che si dovrà affrontare, che non sarà necessariamente peggiore, ma sicuramente diversa. È lì, quindi, che lo psicologo può affiancarsi al farmacista e far accettare al paziente il nuovo corso, rinforzando il messaggio dell’aderenza alla terapia e avere quindi una buona gestione della malattia. In questo senso, diventa sicuramente una figura vincente».

LEGGI ANCHE: IL 70% DEI MALATI CRONICI NON ADERISCE ALLA TERAPIA IN MANIERA COMPLETA

Quali sono gli altri benefici che lo psicologo in farmacia offre ai pazienti?

«Sicuramente l’approccio immediato. L’utente che entra in farmacia può facilmente accedere ad una figura di aiuto direttamente dalla strada. Il farmacista lo indirizzerà allo psicologo presente in loco che interverrà subito, anche con una semplice chiacchierata, perché la persona spesso ha proprio bisogno di essere ascoltata. In questo modo, le figure del farmacista e dello psicologo, insieme, possono raggiungere buoni obiettivi e offrire un grande aiuto concreto alla popolazione».

Ma è un ruolo che può entrare in conflitto con gli altri psicologi?

«Assolutamente no, perché lo psicologo in farmacia non fa terapie: fa dei brevi colloqui di indirizzo e di supporto, in genere quattro o cinque, e, soprattutto, quando intravede un disagio importante può indirizzare meglio il paziente. Ha quindi un ruolo di prevenzione. Per cui lo psicologo in farmacia non entra in conflitto né con lo psicologo nell’ambito privato né con lo psicologo nell’ambito pubblico, perché entrambi normalmente seguono delle terapie nel medio e lungo termine. Al contrario, in farmacia il supporto è momentaneo, a cui può seguire, se necessario, un indirizzamento nel pubblico».

LEGGI ANCHE: NUOVI LEA, ASSISTENZA PSICOLOGICA DIVENTA DIRITTO. LAZZARI (CNOP): «SVOLTA PER PROFESSIONE E CITTADINI»

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Sostenibilità SSN. Cossolo (Federfarma): «I nuovi impegni dei farmacisti: contribuire alla gestione di patologie croniche e all’aumento dell’aderenza terapeutica»
«L’errata assunzione di un farmaco genera lo spreco del medicinale e induce a patologie secondarie: un doppio costo per il sistema. Nei prossimi tre anni saranno investiti 36 milioni per sperimentare nuovi servizi nelle farmacie». Parla Marco Cossolo, presidente Federfarma
di Isabella Faggiano
Yoga psychotherapy, A. Montano (psicoterapeuta): «Un approccio aggiuntivo alle tecniche tradizionali»
«Lo yoga applicato alla psicoterapia è uno strumento utile alla guarigione: insegna a coltivare la consapevolezza dell’interconnessione corpo-mente» così la Direttrice dell’Istituto A. T. Beck di Roma
Grande successo per “In farmacia per i bambini”: raccolte oltre 200mila confezioni
Trend ancora in crescita per la VI edizione di “In Farmacia per i bambini” della Fondazione Francesca Rava N.P.H. Italia Onlus, che si è svolta lo scorso 20 novembre, in concomitanza con la Giornata Mondiale dei Diritti dell’infanzia. Una iniziativa di grande valore e a sostegno dei bambini in condizione di povertà sanitaria: i dati Istat indicano, infatti, la preoccupante incidenza della povertà assoluta […]
Farmacie italiane: molte potenzialità, troppe inespresse. I risultati del “I rapporto annuale”
Il presidente di Federfarma-Sunifar: «Grazie ai grandi sforzi compiuti dai titolari delle farmacie rurali il servizio è omogeneo su tutto il territorio nazionale»
di Isabella Faggiano
Farmacia, il futuro della professione. Mandelli (FOFI): «Legge 2009 ha posto basi, ora lavorare su deospedalizzazione e rete tra attori sistema»
«Basta aprire una porta per trovare dietro al bancone un professionista che ti ascolta, questo è il farmacista, sempre sul territorio e accanto al cittadino». L’intervista a Andrea Mandelli in occasione dei 40 anni del SSN
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano