Formazione 29 novembre 2018

Formazione ECM, Bovenga (Cogeaps): «È un dovere deontologico ma è anche requisito fondamentale per concorsi e iscrizione ad albi»

Al Forum Risk Management di Firenze il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie è intervenuto alla sessione organizzata dalla Simedet. A breve la pubblicazione del nuovo Manuale per la formazione dei professionisti sanitari

Immagine articolo

Cade in un momento particolare, quest’anno, il 13esimo Forum Risk Management in Sanità che ha trasformato Firenze per quattro giorni nella capitale dei camici bianchi. Le 100 sessioni scientifiche dell’evento sono così l’occasione per fare il tagliando al Sistema Sanitario Nazionale a 40 anni dalla legge 833 del 1978. Ma è un’occasione anche per fare il punto sulla professione, sulle nuove opportunità e sulla trasformazione della figura del medico.

IL FORUM SIMEDET

Argomenti affrontati anche nel panel “Il dossier formativo individuale e di gruppo, un’opportunità per i professionisti, le aziende e gli ordini professionali” organizzato dalla Simedet, Società Italiana Medicina Diagnostica e Terapeutica. Una occasione per fare il punto sulla formazione continua ECM grazie alla presenza del presidente Cogeaps, Sergio Bovenga: «La formazione rappresenta prima di tutto un dovere deontologico ed etico, per un professionista sanitario è il DNA – spiega a Sanità Informazione Bovenga -. Al netto di questo ha un suo peso normativo e anche giuridico perché la legge prevede che sia requisito indispensabile per svolgere attività sanitaria e questa è una legge che risale ormai a 20 anni fa, al 1999. A parte le leggi, che comunque non sono trascurabili, è un requisito che viene sempre più richiesto. Ad esempio per la partecipazione ai concorsi, in molte regioni i concorsi per Direttore di struttura complessa richiedono di veder assolto in maniera corretta l’obbligo ECM. È poi un titolo che viene spesso considerato nella valutazione dei direttori di struttura complessa, la ‘valutazione quinquennale’, oppure anche nella valutazione individuale dei dirigenti medici. È un requisito indispensabile per essere iscritto all’albo dei dirigenti medici e anche, grazie a una convenzione che ha fatto la Federazione nazionale degli Ordini con la parte giuridica, per essere iscritti nell’albo dei CTU, i Consulenti tecnici d’ufficio. In tutti i casi è un dovere deontologico e mi piace pensare che sia un piacere».

LEGGI ANCHE: SIMEDET, PARLA IL PRESIDENTE CAPUANO: «GRAZIE ALLA MULTIDISCIPLINARIETA’ PUNTIAMO A DARE UNA CORRETTA INFORMAZIONE IN SANITÀ»

ECM, UN TREND IN GRANDE CRESCITA

Bovenga è soddisfatto della risposta della professione alla formazione ECM, un trend in crescita: «I medici sono quelli che hanno in Italia la percentuale più alta di certificabilità tra i professionisti, sono quelli che fanno più formazione in assoluto e questo non sorprende essendo una professione tra le più antiche. Oggi, grazie alle recenti decisioni della Commissione Nazionale ECM, tutti i professionisti sono potenzialmente in regola perché hanno tempo fino al 2019 per recuperare eventuali crediti mancanti del triennio precedente. Dunque oggi tecnicamente non c’è nessuno che non sia in regola quindi è più importante fare un discorso di prospettiva che un discorso focalizzato a quella che era la realtà fino ad adesso». Ma questa non è l’unica novità: «Una novità, anche questa recentissima, è stata quella di innalzare la percentuale di autoformazione, quindi quella formazione che un professionista acquisisce autonomamente attraverso lo studio di riviste scientifiche, di audiovisivi, studi su internet, ecc… Passa dal 10 al 20% del proprio obbligo. È un bel pacchetto che i professionisti possono gestirsi autonomamente. Questa è l’altra grande novità importante. Viene confermata la possibilità di utilizzare sempre nel proprio curriculum formativo le sperimentazioni cliniche, i tutoraggi, la sperimentazione all’estero. Quindi c’è un ampio ventaglio di possibilità per essere e poter dimostrare di essere in regola con il percorso di aggiornamento».

ECM PER LE ALTRE PROFESSIONI SANITARIE

L’importanza della formazione continua non solo per i medici ma per tutti i professionisti della sanità è stata ribadita anche da Fernando Capuano, presidente della Simedet che ha un suo stand alla Fortezza da Basso. «Quest’anno una grande partecipazione, il Forum ci ha chiesto ufficialmente di promuovere uno stand della nostra società scientifica ma abbiamo anche un ambulatorio per la prevenzione cardiovascolare, con nostri medici e infermieri che in maniera volontaria stanno visitando i visitatori, per valutare secondo il progetto ‘Cure’ dell’ISS il rischio cardiovascolare. Si tratta della famosa prevenzione primaria che nel nostro Paese stenta a decollare perché non ci sono grossi progetti di educazione alla salute» ha spiegato Capuano a Sanità Informazione.

NASCE LA FORMAZIONE “DI GRUPPO”

«La formazione ECM è importantissima – continua il presidente Simedet -. Il presidente Cogeaps Bovenga ha annunciato che a giorni il Ministero pubblicherà il nuovo dossier, un compendio per i professionisti sulla formazione ECM. È importantissimo perché sinora si è un po’ rincorso il credito, con la tendenza al ‘creditificio’. Ora invece la formazione si farà su degli obiettivi, su una pianificazione lo stesso professionista può creare con il dossier individuale. La Simedet invece sta preparando i colleghi ad un dossier di gruppo: la stessa azienda sanitaria o gli Ordini professionali o le Associazioni potranno creare un dossier di gruppo in modo da creare un vincolo, una solidarietà con l’obiettivo di migliorare le nostre prestazioni socio-sanitarie».

LEGGI ANCHE: TECNICI DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA, LA PRESIDENTE AITeRP FAMULARI: «PRESTO LINEE GUIDA PER FORMAZIONE OMOGENEA»

Articoli correlati
San Valentino, le tecniche antistress che salvano l’amore: una vita di coppia sana passa anche dalla regola delle tre “C”
La dottoressa Serena Missori, endocrinologa e nutrizionista: «Consapevolezza, conoscenza e coscienza per stare bene con se stessi e con il partner. Così lo stress da nemico diventa alleato». On line il primo ebook "Antistress: teoria e pratica”
Contenziosi, Quici (CIMO): «Spostiamo i costi per assicurazioni e processi verso la formazione ECM»
Nel 2016 sono stati spesi 1 miliardo 300 milioni di euro per le assicurazioni e i contenziosi, ma solo 100 milioni per la formazione. Il presidente del sindacato: «Le cause vanno ridotte e il rischio va prevenuto, anche investendo di più sulla formazione degli operatori, altrimenti saranno maggiori le risorse sottratte al SSN. Bene Arbitrato della Salute»
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
La frequenza di un evento all’estero non accreditato in Italia, dà crediti validi nel sistema nazionale?
Per gli eventi non accreditati in Italia è possibile fare richiesta di riconoscimento dei crediti secondo quanto stabilito al paragrafo 3.4 (Formazione individuale all’estero) del Manuale sulla formazione continua del professionista sanitario.
Agoaspirato, decolla il progetto “CytoMatrix” per analisi più rapide e precise. Trombetta (Campus Bio-Medico): «Così diagnosticheremo meglio le patologie»
Il lavoro, svolto dall’Università Campus Bio-Medico di Roma grazie al finanziamento della Regione Lazio, è stato coordinato dalla professoressa Marcella Trombetta, Coordinatore della Ricerca della Facoltà Dipartimentale di Ingegneria. La Simedet, Società italiana di Medicina diagnostica e terapeutica, ha patrocinato l’evento di presentazione: «Questo lavoro è un'espressione significativa e vincente di multiprofessionalità tra saperi e competenze diverse, tra Ingegneria e Medicina di laboratorio» ha affermato il Presidente Capuano
Responsabilità professionale e cause temerarie, De Lillo (Agenas): «Formazione continua fondamentale per ridurre rischi»
Ai microfoni di Sanità Informazione il Presidente Facente Funzione dell’Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali spiega quali sono le possibili soluzioni per ridurre un contenzioso che riguarda circa 300mila cause all’anno: «Bene l’arbitrato della salute, ma rivedere anche applicazione del patto quota lite»
di Arnaldo Iodice e Giovanni Cedrone
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...