Professioni Sanitarie 27 Novembre 2018 12:11

Tecnici della riabilitazione psichiatrica, la presidente AITeRP Famulari: «Presto linee guida per formazione omogenea»

La figura professionale è presente in tutti i dipartimenti di salute mentale, ma lavora anche in centri residenziali o diurni, nei servizi psichiatrici di diagnosi e cura e in quelli per le doppie diagnosi, in contesti domiciliari, svolgendo una funzione sia sanitaria, che sociale

di Isabella Faggiano

Il 13 maggio di quarant’anni fa la legge Basaglia sanciva la definitiva chiusura degli ospedali psichiatrici.  Sette mese più tardi, un’altra legge istituiva il Sistema Sanitario Nazionale. Due grandi rivoluzioni che hanno ridisegnato il mondo della Sanità italiano sia da un punto di vista infrastrutturale, che professionale. «È in questi anni di cambiamento che nasce anche il tecnico della riabilitazione psichiatria – ha raccontato Roberta Famulari, presidente dell’AITeRP, l’Associazione Italiana Tecnici della Riabilitazione Psichiatrica – La chiusura degli ospedali psichiatrici e la conseguente riforma psichiatrica hanno inaugurato un’assistenza incentrata sui principi della psichiatria di comunità, che fa del territorio il luogo privilegiato dove erogare le cure ed effettuare la presa in carico del paziente».

In questo nuovo contesto nasce l’esigenza di formare una figura che potesse occuparsi nello specifico ed in modo esclusivo di riabilitazione: «Il tecnico della riabilitazione psichiatrica – ha spiegato Famulari – agisce su due assi fondamentali: la prevenzione e la cura. In ambito preventivo, individua i fattori di rischio sia rispetto all’individuo, che alla famiglia o all’ambiente in cui vive. Da un punto di vista clinico, quindi curativo e riabilitativo, si occupa, invece, del funzionamento cognitivo, emotivo-affettivo e psico-sociale della persona».

Il tecnico della riabilitazione psichiatrica è presente in tutti i dipartimenti di salute mentale, ma «lavora anche – ha aggiunto la presidente dell’Associazione di categoria – in centri residenziali o diurni, nei servizi psichiatrici di diagnosi e cura e in quelli per le doppie diagnosi, in contesti domiciliari, svolgendo una funzione sia sanitaria, che sociale».

Da quest’anno, e più precisamente dal primo luglio 2018, anche i Tecnici della Riabilitazione Psichiatrica hanno dovuto costituire un proprio Ordine insieme alle altre professioni sanitarie annoverate nella legge Lorenzin, che ha preso la denominazione di Ordine TSRM e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione. «Finora – ha detto Famulari – le richieste di pre-iscrizione sono circa 1.800, a fronte di circa 4.500 professionisti stimati in Italia».

Ma le novità per i tecnici della riabilitazione psichiatrica non finiscono qui: «Durante la prima riunione a carattere nazionale, indetta dalla nostra associazione durante il mese di novembre – ha spiegato la presidente – non si è discusso solo del nuovo assetto ordinistico. I professionisti di categoria si sono confrontati anche sul core competence della professione ed entro la prossima primavera – ha concluso Famulari –  verrà pubblicato un testo che delineerà l’identità culturale del tecnico della riabilitazione psichiatrica e fornirà le indicazioni necessarie a garantire una formazione accademica omogenea su tutto il territorio nazionale».

LEGGI ANCHE: OSPEDALI PSICHIATRICI GIUDIZIARI, CARPINIELLO (SIP): «LE REMS NON SONO NATE PER SOSTITUIRE GLI OPG. POSTI INSUFFICIENTI E SERVIZI INADEGUATI»

Articoli correlati
TSRM, Galdieri: «Tecnici di radiologia siano inseriti nelle équipe delle Case di Comunità»
La presidente della CdA nazionale dei TSRM Carmela Galdieri ricorda il periodo più difficile della pandemia: «Esperienza che porterò nella mia pratica professionale per tutta la vita». Poi promuove l’idea di creare un Direttore Asistenziale: «È una grande opportunità a favore della necessaria riorganizzazione del servizio sanitario»
di Francesco Torre
Giornata per la prevenzione del suicidio, nel mondo ogni 40 secondi una persona si toglie la vita
Al via il Convegno internazionale di suicidologia e salute pubblica. Il presidente Pompili: «Attenzione ai campanelli di allarme. C’è chi si libera improvvisamente di tutti i suoi beni, chi fa testamento pur essendo in buona salute, chi esce inspiegabilmente da una depressione profonda»
di Isabella Faggiano
Salute mentale, D’Arrando (M5S): «Ministero chiarisca su medici anti Basaglia in Friuli Venezia Giulia»
«Purtroppo, nel 2021 siamo ancora qui a dover difendere una legge, la 180 del 1978, che la stessa Organizzazione Mondiale della Sanità reputa la normativa più rispettosa al mondo dei diritti delle persone con disturbo mentale» commenta la deputata pentastellata
Tecnici della riabilitazione psichiatrica, dall’OMS la guida ai “servizi di salute mentale territoriali”
Rossi e Silveri (AITeRP): «Formazione e ricerca il fulcro del documento. La guida è in linea con la mission della nostra associazione e con gli obiettivi del PNRR»
di Isabella Faggiano
Psichiatria di comunità, Zanalda (SIP): «Il modello c’è, mancano risorse economiche e professionali»
A 43 anni dalla legge Basaglia, che ha sancito la chiusura dei manicomi, l’assistenza psichiatrica non è a pieno regime. Il presidente della SIP: «Serve una regia centrale che coordini ambulatori, strutture residenziali e semi-residenziali e reparti ospedalieri»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 ottobre, sono 239.611.288 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.882.126 i decessi. Ad oggi, oltre 6,57 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Formazione

Punteggi anonimi per il test di Medicina 2021, a qualcuno non tornano i conti

Si confrontano i punteggi anonimi del test di Medicina 2021 e si fanno le prime previsioni sulla soglia minima per entrare, che oscilla tra due cifre. Intanto in molti lamentano di non aver ricevuto i...