Lavoro 13 Dicembre 2019

Celebrazione 60 anni Anaao Assomed, Troise: «Il futuro del sindacato è in mano ai giovani e alle donne»

«Una grande storia collegata all’Art. 32 della Costituzione. Rivendichiamo più occupazione e meno precarietà: la qualità delle cure dipende dal lavoro stabile e da investimenti in termini di crescita, sicurezza e formazione». Le parole del segretario Carlo Palermo ai festeggiamenti del 60° anniversario del sindacato

Sessant’anni di vita, tante conquiste, lo stesso spirito battagliero del 1959. È l’Anaao Assomed il sindacato più rappresentativo del settore sanitario italiano che continua a tenere le redini del SSN dal 1978, anno della sua nascita, ad oggi.

La giornata celebrativa dei suoi 60 anni, che si è svolta ieri al Radisson Blu es. Hotel di Roma, è stata l’occasione per fare un bilancio tra passato, presente e futuro.

«La storia dell’Anaao si intreccia con quella del SSN, con la difesa del servizio pubblico e dei valori professionali – ha raccontato il Presidente Nazionale Costantino Troise a Sanità Informazione -. Siamo sempre stati convinti che il destino dei medici sia strettamente collegato a quello dei cittadini. Il diritto alla cura non è separabile dal diritto a curare. L’Anaao è stata protagonista della storia sanitaria del paese e con l’idea rivolta all’Art. 32 della Costituzione, ha alimentato manifestazioni di massa, scioperi, sit-in e assemblee. La storia della sanità di questo paese non può prescindere dalla storia dell’Anaao – ha specificato, orgoglioso, il presidente Troise. Oggi, il bilancio è nettamente positivo: con 22mila iscritti siamo il sindacato più forte tra i medici dipendenti e nell’area contrattuale della dirigenza sanitaria. Diamo spazio alle donne e ai giovani, a cui affidiamo l’ultimo testimone. Vogliamo che le migliaia di iscritti donne che sono quasi la maggioranza, diventino il gruppo dirigente di domani. L’Anaao del futuro sarà delle donne e dei giovani di oggi».

Un futuro per cui Troise chiede provvedimenti rapidi e incisivi: «Dobbiamo migliorare le condizioni di lavoro dei medici che sono, di fatto, insopportabili, la sicurezza degli ospedali per noi e per i cittadini e il ruolo dei medici all’interno delle aziende sanitarie. Queste, devono essere rispettose dei valori professionali e non soltanto del bilancio contabile; riconoscendo le competenze e le conoscenze che i medici apportano e che fanno la differenza, spesso, tra la vita e la morte».

Al giro di boa dei 60 anni l’Anaao Assomed arriva in ottima salute, nonostante gli ultimi anni siano stati caratterizzati dal progressivo definanziamento della sanità pubblica, dal blocco contrattuale e del turnover e dalla gobba demografica. «Il bilancio è certamente positivo – ha commentato soddisfatto il Segretario Nazionale Carlo Palermo – il nostro sindacato nasce nel 1959 come sindacato dei secondari e ha accompagnato la nascita, nel 1978, del nostro servizio sanitario nazionale e promulgato i suoi principi fondamentali: universalità, equità, solidarietà. È stata una grande storia che si collega direttamente al diritto alla salute in Italia e all’Art 32 della Costituzione. Gli ultimi anni sono stati molto difficili: riduzione del personale e dei posti letto e riduzione, in sostanza, della possibilità di accesso alle cure. Quei 37 miliardi si traducono, nella realtà di tutti i giorni, in sofferenza per i cittadini. Bisogna arrivare a una svolta: con la conferma dell’incremento del fondo sanitario nazionale nella Legge di bilancio si sta cercando di invertire la rotta. Abbiamo bisogno di più occupazione e meno precarietà. Come nel 1959, oggi il lavoro è precario, frammentato, decapitalizzato in un mondo, quello della sanità, che necessita di essere stabilizzato. La qualità delle cure – ha concluso il Segretario Palermo – dipende dall’avere un posto di lavoro stabile e sicuro, da avere medici su dirigenti sanitari su cui si possa fare un investimento in termini di crescita, sicurezza delle cure e formazione. Il buon lavoro dà risposte ai cittadini».

Articoli correlati
Emicrania, studio italiano svela i meccanismi dell’allodinia e vince il “Wolff Award”
La scoperta dei neurologi italiani riceve il premio più prestigioso al mondo nell’ambito delle cefalee
Cisl medici Lazio: «Garantire l’assistenza e la cura per le patologie acute e croniche è la priorità»
La Cisl Medici Lazio «continuerà a fare la propria parte nella difesa del Sistema Sanitario pubblico soprattutto in questo momento così difficile per la salute degli italiani».  Così il sindacato in una nota. «Siamo sempre pronti al dialogo con l’Assessorato alla Sanità della Regione Lazio – spiegano il dottor Luciano Cifaldi, segretario generale Cisl Medici […]
Cimo-Fesmed: «Mes o non mes, il SSN si salva solo con una strategia nazionale»
Secondo la federazione dei medici ospedalieri, il dibattito sui fondi per la sanità deve partire da un piano che metta al primo posto riforma del lavoro e professionalità
Umberto I, positivo infermiere. Ha avuto contatti con collega del San Raffaele Pisana
«Un infermiere del Policlinico Umberto I, operante presso il reparto di Malattie Tropicali, dopo aver informato il Medico Competente di aver accusato sintomi febbrili è stato invitato a restare a casa e ad effettuare il tampone naso-faringeo, che ha dato esito positivo». Così l’ospedale romano in un comunicato. LEGGI ANCHE: ‘COVID-19 IL VIRUS DELLA PAURA’, […]
Dalla corsia al palco: il rock scopre temi sociali con i medici della Twins Father’s Band
Il gruppo musicale di camici bianchi romani nasce negli anni ’90 da tre studenti di Medicina della Cattolica e si riunisce 20 anni dopo. Emiliano Santacroce (batterista e medico del lavoro): «La nostra testa segue sempre il cuore. La passione musicale è unita all’impegno sociale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Rebus idrossiclorochina: arma anti-Covid o farmaco pericoloso? L’inchiesta di Sanità Informazione

Dopo lo studio ritirato da Lancet, l’OMS ha riavviato i test clinici. In Italia aumentano i medici che sperano nel farmaco e chi l’ha usata ‘sul campo’ la promuove. Cauda (Gemelli): «Può ave...