Lavoro 13 Dicembre 2019

Celebrazione 60 anni Anaao Assomed, Troise: «Il futuro del sindacato è in mano ai giovani e alle donne»

«Una grande storia collegata all’Art. 32 della Costituzione. Rivendichiamo più occupazione e meno precarietà: la qualità delle cure dipende dal lavoro stabile e da investimenti in termini di crescita, sicurezza e formazione». Le parole del segretario Carlo Palermo ai festeggiamenti del 60° anniversario del sindacato

Sessant’anni di vita, tante conquiste, lo stesso spirito battagliero del 1959. È l’Anaao Assomed il sindacato più rappresentativo del settore sanitario italiano che continua a tenere le redini del SSN dal 1978, anno della sua nascita, ad oggi.

La giornata celebrativa dei suoi 60 anni, che si è svolta ieri al Radisson Blu es. Hotel di Roma, è stata l’occasione per fare un bilancio tra passato, presente e futuro.

«La storia dell’Anaao si intreccia con quella del SSN, con la difesa del servizio pubblico e dei valori professionali – ha raccontato il Presidente Nazionale Costantino Troise a Sanità Informazione -. Siamo sempre stati convinti che il destino dei medici sia strettamente collegato a quello dei cittadini. Il diritto alla cura non è separabile dal diritto a curare. L’Anaao è stata protagonista della storia sanitaria del paese e con l’idea rivolta all’Art. 32 della Costituzione, ha alimentato manifestazioni di massa, scioperi, sit-in e assemblee. La storia della sanità di questo paese non può prescindere dalla storia dell’Anaao – ha specificato, orgoglioso, il presidente Troise. Oggi, il bilancio è nettamente positivo: con 22mila iscritti siamo il sindacato più forte tra i medici dipendenti e nell’area contrattuale della dirigenza sanitaria. Diamo spazio alle donne e ai giovani, a cui affidiamo l’ultimo testimone. Vogliamo che le migliaia di iscritti donne che sono quasi la maggioranza, diventino il gruppo dirigente di domani. L’Anaao del futuro sarà delle donne e dei giovani di oggi».

Un futuro per cui Troise chiede provvedimenti rapidi e incisivi: «Dobbiamo migliorare le condizioni di lavoro dei medici che sono, di fatto, insopportabili, la sicurezza degli ospedali per noi e per i cittadini e il ruolo dei medici all’interno delle aziende sanitarie. Queste, devono essere rispettose dei valori professionali e non soltanto del bilancio contabile; riconoscendo le competenze e le conoscenze che i medici apportano e che fanno la differenza, spesso, tra la vita e la morte».

Al giro di boa dei 60 anni l’Anaao Assomed arriva in ottima salute, nonostante gli ultimi anni siano stati caratterizzati dal progressivo definanziamento della sanità pubblica, dal blocco contrattuale e del turnover e dalla gobba demografica. «Il bilancio è certamente positivo – ha commentato soddisfatto il Segretario Nazionale Carlo Palermo – il nostro sindacato nasce nel 1959 come sindacato dei secondari e ha accompagnato la nascita, nel 1978, del nostro servizio sanitario nazionale e promulgato i suoi principi fondamentali: universalità, equità, solidarietà. È stata una grande storia che si collega direttamente al diritto alla salute in Italia e all’Art 32 della Costituzione. Gli ultimi anni sono stati molto difficili: riduzione del personale e dei posti letto e riduzione, in sostanza, della possibilità di accesso alle cure. Quei 37 miliardi si traducono, nella realtà di tutti i giorni, in sofferenza per i cittadini. Bisogna arrivare a una svolta: con la conferma dell’incremento del fondo sanitario nazionale nella Legge di bilancio si sta cercando di invertire la rotta. Abbiamo bisogno di più occupazione e meno precarietà. Come nel 1959, oggi il lavoro è precario, frammentato, decapitalizzato in un mondo, quello della sanità, che necessita di essere stabilizzato. La qualità delle cure – ha concluso il Segretario Palermo – dipende dall’avere un posto di lavoro stabile e sicuro, da avere medici su dirigenti sanitari su cui si possa fare un investimento in termini di crescita, sicurezza delle cure e formazione. Il buon lavoro dà risposte ai cittadini».

Articoli correlati
Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003
Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Un minore su otto è povero: a rischio le famiglie numerose e straniere. La ricerca di Fondazione Francesca Rava – IRS
In occasione del Convegno "Povertà sanitaria minorile: chi se ne cura?" al Ministero della Salute, è stata presentata la Ricerca sulla povertà sanitaria minorile realizzata per la Fondazione Francesca Rava dall'Istituto di Ricerca Sociale - IRS che ha avuto il Patrocinio di Ministero, Federfarma e FOFI
Salute nelle città, arriva anche in Italia l’Health City Manager: corsi aperti a medici e operatori sanitari
ANCI e Health City Institute promuovono la formazione di un nuovo professionista che avrà il compito di coordinare e attivare attività comunali in ambito di salute. Tra i promotori il vicepresidente ANCI Pella. Plauso anche del ministro Speranza
Servizio Sanitario Nazionale: la FNOMCeO apre il Cantiere per le riforme
«Un cantiere per ricostruire il nostro SSN lasciandone intatte le fondamenta: i principi cardine di universalità, uguaglianza ed equità – spiega il presidente della FNOMCeO, Filippo Anelli - una fucina di idee nella quale prenderanno forma proposte concrete su cui puntare, investendo risorse»
Sanità, Fp Cgil Medici: «Serve riforma Enpam e Ordini professionali»
«Non è più rinviabile una riforma complessiva della gestione dell’Enpam così come quella degli Ordini professionali». Ad affermarlo è Andrea Filippi, il segretario nazionale della Fp Cgil Medici e Dirigenti Ssn, alla luce di quanto emerso sulle retribuzioni del presidente dell’Ente di previdenza ed assistenza dei medici e degli odontoiatri, aggiungendo che: «Da anni chiediamo […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...