Salute 12 Dicembre 2019

Inchiesta Panorama, Palermo (Anaao): «Formazione torni centrale ripristinando dotazioni organiche»

Il segretario del più grande sindacato dei camici bianchi risponde all’inchiesta del settimanale diretto da Maurizio Belpietro e spiega: «La situazione delle dotazioni organiche è così mal messa che l’orario che dovrebbe esser istituzionalmente destinato alla formazione viene di fatto utilizzato per attività assistenziali»

«La riduzione delle dotazioni organiche dei medici costringe i camici bianchi a consumare le ore destinate alla formazione in prestazioni. Questo rende difficile stare appresso al sistema dei crediti formativi». Carlo Palermo, Segretario Anaao Assomed, risponde così all’inchiesta di Panorama dal titolo “Medici ignoranti”, con cui il settimanale diretto da Maurizio Belpietro ha puntato l’indice contro i camici bianchi non rispettano l’obbligo della formazione continua e non raccolgono i crediti necessari per essere in regola. «Non è una questione di ignoranza. I medici, soprattutto gli ospedalieri e i dipendenti delle Asl che noi rappresentiamo, non riescono più a star dietro all’accumulo dei crediti formativi – spiega Palermo -. Bisogna ripristinare le dotazioni organiche per far rientrare finalmente la formazione come attività fondamentale» aggiunge il segretario Anaao Assomed.

LEGGI LO SPECIALE “ECM, MEDICI SOTTO ATTACCO”

Segretario, perché tanti medici non rispettano l’obbligo ECM?

«Le ore di formazione sono 4 ogni settimana, ma vengono in realtà utilizzate per attività ordinaria, nel senso che attualmente la condizione dei medici, dal punto di vista delle dotazioni organiche, è così mal messa che l’orario che dovrebbe esser istituzionalmente destinato alla formazione viene di fatto utilizzato per attività assistenziali».

Come se ne esce da questo?

«Bisogna ripristinare le dotazioni organiche. Se manca circa il 10% della dotazione organica e poi devo stare dietro alle guardie, ai turni di sala operatoria, ai turni in Pronto soccorso, in sala parto o in terapia intensiva, consumo tutto l’orario che dovrei destinare alla formazione. È chiaro che l’unico modo per uscirne è andare a ripristinare le dotazioni organiche, far rientrare finalmente la formazione come attività fondamentale. Questo è l’aspetto negativo del massacro delle dotazioni organiche che c’è stato. Non è una questione di ignoranza. I medici, soprattutto gli ospedalieri e i dipendenti delle Asl che noi rappresentiamo, non riescono più nemmeno a star dietro all’accumulo dei crediti formativi».

Bisogna sollecitare le istituzioni?

«Lo abbiamo sottolineato anche con gli Ordini. Se si cambia politica, soprattutto occupazionale, si esce dalla situazione emergenziale che ha massacrato le dotazioni organiche in tutti questi anni. Sono dati pubblici. Si nota immediatamente che la situazione rispetto al 2009-2010 subito dopo la crisi, che era il massimo delle dotazioni organiche, è crollata. E questo ha delle ripercussioni. È chiaro che la carenza di medici specialisti ha conseguenze».

Le associazioni dei consumatori dicono di volere medici aggiornati…

«L’unico modo per andare a verificare queste cose è aver raggiunto crediti formativi. Non penso che i consumatori siano in grado di capire se l’aggiornamento è adeguato oppure no. Per capire l’aggiornamento dei medici bisogna vedere gli esiti fondamentali sull’ictus, sull’infarto miocardico, sui maggiori tumori, e se lei va a guardare questi esiti troverà l’Italia in una situazione sempre migliore rispetto alla media Ocse. Bisogna investire globalmente in sanità. Non può reggere un sistema come questo spendendo il 35-40% in meno rispetto ai Paesi con cui ci dovremmo confrontare, a partire da quelli più vicini: Francia, Austria, Svizzera, ecc. Sulle patologie serie riusciamo a garantire un livello di efficienza elevato. Noi abbiamo sempre una performance tra i primi dieci in Europa. Nonostante i medici non abbiano nemmeno il tempo di aggiornarsi».

Articoli correlati
Quali regole deve adottare il Provider sul luogo di svolgimento di un evento?
La sede dell’evento deve essere conforme alla normativa in materia di sicurezza dei luoghi e deve essere adeguata alla tipologia di attività formativa erogata. Il provider non può organizzare eventi formativi presso sedi, anche estere, rese disponibili da aziende aventi interessi commerciali in ambito sanitario.
La frequenza di un evento all’estero, non accreditato in Italia, dà crediti validi nel sistema nazionale?
Per gli eventi non accreditati in Italia è possibile fare richiesta di riconoscimento dei crediti secondo quanto stabilito al paragrafo 3.4 (Formazione individuale all’estero) del Manuale sulla formazione continua del professionista sanitario.
Coronavirus, Anaao: «Senza protezioni l’ospedale diventa un pericolo». Lettera a Conte e Speranza
«Sia emendato l'art. 7 del Decreto-legge del 9 marzo che dispone che i sanitari esposti a pazienti COVID-19 non siano più posti in quarantena, ma continuino a lavorare anche se potenzialmente infetti»
Le pubblicazioni scientifiche danno diritto a crediti ECM?
Sì, sono una tipologia di formazione individuale, secondo quanto stabilito al paragrafo 3.2.1 (Pubblicazioni scientifiche) del Manuale sulla formazione continua del professionista sanitario. I professionisti sanitari autori di pubblicazioni scientifiche censite nelle banche dati internazionali Scopus e Web of Science/Web of Knowledge maturano il diritto al riconoscimento, per singola pubblicazione, di: – 3 crediti (se […]
Coronavirus, Palermo (Anaao): «Richiamare medici pensionati? In pochi accetterebbero. Meglio contratti ai giovani»
Il Segretario del sindacato commenta le proposte messe in campo dal Governo per contrastare la diffusione del Covid-19: «I camici bianchi vedono la pensione come un fine pena, chi esce oggi dal Servizio sanitario nazionale lo fa perché non ne può più. Perché mai dovrebbe tornare a lavorare, ora che la situazione è ancora più difficile e anche rischiosa? E per i giovani le risorse ci sarebbero»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 marzo, sono 665.616 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 30.857 i decessi e 141.746 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bollettino...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...