Lavoro 10 Dicembre 2019

Sanità, il presidente ARAN: «Nel 2020 si chiude nuovo contratto»

Antonio Naddeo, presidente dell’Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni a sanità informazione: «In legge bilancio stesse risorse per rinnovo contratti 2019-2021 della tornata precedente. In corso discussione Governo-sindacati se sono sufficienti»

Immagine articolo

«Entro il 2020 con buona probabilità si chiuderà uno dei contratti della sanità da rinnovare per il triennio 2019-2021». È ottimista Antonio Naddeo, presidente ARAN, l’Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni, sui prossimi rinnovi contrattuali che attendono il mondo del pubblico impiego e quindi anche della sanità. Appena arrivato Naddeo ha portato a termine la difficile trattativa per il rinnovo del contratto della dirigenza medica 2016-2018 con la preintesa del luglio scorso. Ora sparge ottimismo su una trattativa che sembra più in discesa della precedente, durata un decennio, ma che tuttavia non è priva di insidie. «Le risorse previste nella Legge di Bilancio 2020 potrebbero portare a chiudere nel nuovo anno i contratti: dare continuità alla contrattazione sarebbe un segnale importante per un settore così rilevante come quello della sanità», sottolinea Naddeo a Sanità Informazione. I sindacati chiedono però che le regioni siano lasciate libere di aumentare i salari accessori in modo da premiare il merito. Un’ipotesi che Naddeo non esclude: «Bisogna vedere in che modo e quali regioni lo possono fare rispetto ad altre. Abbiamo regioni che sono in piano di rientro e altre no».

LEGGI ANCHE: LEGGE DI BILANCIO, CAVALLERO (COSMED): «SU RINNOVO CONTRATTUALE POCHI FONDI, FERMI AL 3,48%. ECCO LE CIFRE»

Presidente, nella legge di bilancio ci sono le risorse per il nuovo contratto. Ma dobbiamo ricordare che per quello precedente ci sono voluti dieci anni…

«Nella legge di Bilancio fin dalla presentazione ci sono le risorse per il rinnovo dei contratti 2019-2021. Le risorse sono più o meno in percentuali identica a quelle della tornata precedente. C’è una discussione sindacato – governo se queste risorse sono sufficienti. Però in realtà l’apposizione delle risorse c’è e a mio avviso i contratti potrebbero anche partire soprattutto per dare continuità a quello che si è appena concluso, sia quello del comparto che quello dell’area dirigenziale che si sta per concludere 2016-2018. Dare continuità alla contrattazione sarebbe un segnale importante per un settore così rilevante come quello della sanità».

La cifra del 3,49% di aumento. Però si dice anche che le regioni potrebbero mettere risorse proprie aggiuntive sul salario accessorio. Secondo lei è un’ipotesi percorribile?

«C’è questa possibilità da parte delle regioni di integrare le risorse. Questo spetta a loro. Poi bisogna vedere in che modo e quali regioni lo possono fare rispetto ad altre. Abbiamo regioni che sono in piano di rientro e altre no. Però c’è questa possibilità ed è stata utilizzata in passato. Adesso quelle regioni che hanno queste possibilità potrebbero integrare questo 3,49%».

LEGGI ANCHE: CONTRATTO, SINDACATI GUARDANO GIÀ AL 2019-2021. GRASSELLI (COSMED): «PREMIARE MEDICI CHE LAVORANO IN AREE MARGINALI»

Quante possibilità ci sono che si inizi a chiudere i contratti già nel 2020?

«Sicuramente iniziano farsi i contratti nel 2020. Poi ovviamente bisogna capire se si riescono a fare tutti entro il 2020. L’Aran deve fare quattro contratti per i comparti e quattro contratti per le aree dirigenziali. Diciamo che entro il 2020 un contratto della sanità, che sia quanto meno quello del comparto, secondo me ci sono buone possibilità di farlo».

Articoli correlati
Contratto 2019-2021, Papotto (Cisl): «Non basta finanziamento previsto in Legge di Bilancio, servono più risorse»
Il Segretario generale della Cisl Medici sottolinea: «È chiaro che ci aspettiamo per il 2019-2021 un finanziamento più adeguato per poter recuperare questi dieci anni di fermo contrattuale»
Contratto, sindacati guardano già al 2019-2021. Grasselli (Cosmed): «Premiare medici che lavorano in aree marginali»
Al Convegno “Quale futuro per contratti e pensioni” organizzato dalla Confederazione Sindacale Medici e Dirigenti si è parlato molto di come incrementare le parti variabili del salario: «È necessario abrogare il comma 2 articolo 23 della Legge Madia: non ha più alcuna utilità, non ha generato alcun risparmio perché di fatto provoca distorsioni applicative in tutti i territori» sottolinea il segretario aggiunto Cosmed Aldo Grasselli
Patto per la salute, CIMO – FESMED: «Senza una vera visione strategica. Servono risorse certe e revisione della gestione finanziaria»
Secondo la federazione sindacale guidata da Guido Quici l'incremento di 2 miliardi di euro appare del tutto insufficiente ad affrontare alcune operazioni: dall’abolizione del superticket agli incrementi contrattuali del personale dirigente sanitario
Sanità, Rostan (LeU): «Bene approvazione nuovo contratto, ora colmare vuoti in organico»
La Vicepresidente della Commissione Affari Sociali plaude alla delibera del Consiglio dei Ministri: «Passo in avanti importante per raggiungere livelli di equità e di omogeneità delle prestazioni sanitarie in tutte le regioni del nostro Paese»
Approvato il Contratto nazionale per la dirigenza medica: 190 euro al mese in più e aumento tutele
Il Consiglio dei Ministri ha licenziato il Contratto collettivo nazionale per il triennio 2016/2018 per dirigenza medica, veterinaria, sanitaria, e dirigenti delle professioni sanitarie. L'accordo interesserà 130 mila dirigenti. Soddisfatti sindacati e associazioni di categoria. Leggi tutti i commenti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 marzo, sono 665.616 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 30.857 i decessi e 141.746 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bollettino...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...