Lavoro 26 Luglio 2018 13:08

Blockchain, Oliveti (Enpam): «Con questa tecnologia giusto riconoscimento e remunerazione (anche previdenziale)»

«Medici e odontoiatri sono professionisti liberali, dunque è giusto che venga tutelato il frutto della loro attività. Ecco, la Blockchain può farlo in trasparenza e nel rispetto della privacy» così il Presidente della cassa previdenziale dei medici e degli odontoiatri

Blockchain, Oliveti (Enpam): «Con questa tecnologia giusto riconoscimento e remunerazione (anche previdenziale)»

«Nuove opportunità per garantire una migliore tutela della salute e una cura delle malattie più efficace», così Alberto Oliveti, Presidente Enpam, definisce la tecnologica della Blockchain, nuovo orizzonte che si affaccia in tutti i settori anche, e soprattutto, nell’ambito delle scienze e della medicina. Ma le applicazioni di questa nuova tecnologia ‘a blocchi’ non hanno delle ricadute solo sulla cura del paziente e sulla sostenibilità del sistema sanitario, ma anche sulla professione del medico dal punto di vista etico, deontologico ed economico. A spiegarlo il Presidente della cassa previdenziale dei medici ed odontoiatri.

CLICCA QUI PER ESSERE AGGIORNATO SULLA RIVOLUZIONE BLOCKCHAIN IN SANITA’

LEGGI ANCHE: CARTELLA CLINICA REGISTRATA IN BLOCKCHAIN? TUTTI I VANTAGGI SPIEGATI DALL’ESPERTO

Con la rivoluzione tecnologica sono sempre più diffusi i servizi e le piattaforme che ristrutturano l’organizzazione stessa della professione: che pensa di queste nuove frontiere?

«Sono assolutamente ottimista e vedo questa trasformazione più che positiva. Ritengo che le nuove frontiere tecnologiche possano determinare un potenziamento delle attività del medico e del dentista nei riguardi proprio del paziente. È altrettanto evidente che questo comporta un cambiamento al quale bisogna adattarsi rapidamente adottando tutte le misure di tipo formativo ed operativo che sono necessarie. È tuttavia giusto dire che, nonostante l’enorme potenziale di queste tecnologie, queste non possono sostituire quel rapporto professionale tra medico e paziente che è basato su competenze tecnico scientifiche, capacità induttiva e deduttiva tra diagnosi e trattamento efficace. Il rapporto umano è indispensabile, quella componente di empatia che caratterizza il confronto tra professionista e utente oggi appare fondamentale per offrire un riferimento certo a chi ha bisogno di assistenza».

LEGGI ANCHE: BLOCKCHAIN NEL TERZO SETTORE, VELLA (AIFA): «TRASPARENZA E FIDUCIA PER LE DONAZIONI, UTILE ANCHE PER I BILANCI DELLE MULTINAZIONALI»

Una delle rivoluzioni tecnologiche all’orizzonte è la Blockchain. In un suo recente intervento lei ha dichiarato che questa innovazione promette grandi evoluzioni dal punto di vista della trasparenza e della tracciabilità. Secondo lei è possibile un’applicabilità anche sul fronte della previdenza?

«Questo sarebbe molto interessante, la Blockchain sostanzialmente permette una decentralizzazione dei dati e l’esistenza di un registro aperto – ovviamente nel rispetto della privacy e della trasparenza – a tutti quelli che hanno diritto ad accedervi. Inoltre, la scrittura indelebile di tipo informatico traccia perfettamente il momento e la sostanza di quello che vi è scritto. Vero anche che si tratta di una tecnologia energivora che sicuramente dovrà aprire nuovi spazi all’utilizzo e alla fornitura di energia necessaria, questo è da tenere presente, ma nello stesso tempo permette la prevedibilità e la tracciabilità degli atti, aspetto fondamentale dal punto di vista medico per quello tutto quello che è refertazione, certificazione e tracciatura. Dal punto di vista previdenziale può aprire la porta ad una potenzialità collegata ai contratti intelligenti che possono essere scritti sostanzialmente in queste ‘stringhe’ e dunque, garantire il riconoscimento dell’esercizio operativo e professionale della proprietà intellettuale. Infatti i medici sono professionisti liberali che si sostanziano per la persistenza e il riconoscimento di un bagaglio tecnico, professionale e personale del tutto individuale – anche se all’interno di organizzazioni strutturate – che ha sempre conseguentemente un’indubbia ricaduta sulla collettività. Da questo punto di vista la proprietà intellettuale è caratterizzante della sostanza, dell’assistenza e dell’opera professionale, dunque è corretto che questa possa prevedere il giusto riconoscimento, la giusta remunerazione – anche in senso previdenziale – senza passare per le piattaforme della rete informatica. La Blockchain può farlo».

LEGGI ANCHE: BLOCKCHAIN, IL LIBRO “CRIPTO-SVELATE” SPIEGA LA RIVOLUZIONE CHE COINVOLGERÀ ANCHE LA SANITÀ

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 settembre, sono 230.619.562 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.729.061 i decessi. Ad oggi, oltre 6 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco