Lavoro 26 luglio 2018

Blockchain, Oliveti (Enpam): «Con questa tecnologia giusto riconoscimento e remunerazione (anche previdenziale)»

«Medici e odontoiatri sono professionisti liberali, dunque è giusto che venga tutelato il frutto della loro attività. Ecco, la Blockchain può farlo in trasparenza e nel rispetto della privacy» così il Presidente della cassa previdenziale dei medici e degli odontoiatri

Immagine articolo

«Nuove opportunità per garantire una migliore tutela della salute e una cura delle malattie più efficace», così Alberto Oliveti, Presidente Enpam, definisce la tecnologica della Blockchain, nuovo orizzonte che si affaccia in tutti i settori anche, e soprattutto, nell’ambito delle scienze e della medicina. Ma le applicazioni di questa nuova tecnologia ‘a blocchi’ non hanno delle ricadute solo sulla cura del paziente e sulla sostenibilità del sistema sanitario, ma anche sulla professione del medico dal punto di vista etico, deontologico ed economico. A spiegarlo il Presidente della cassa previdenziale dei medici ed odontoiatri.

LEGGI ANCHE: COSÌ LA BLOCKCHAIN SALVERÀ IL MADE IN ITALY IN TAVOLA (E LA NOSTRA SALUTE)

LEGGI ANCHE: CARTELLA CLINICA REGISTRATA IN BLOCKCHAIN? TUTTI I VANTAGGI SPIEGATI DALL’ESPERTO

Con la rivoluzione tecnologica sono sempre più diffusi i servizi e le piattaforme che ristrutturano l’organizzazione stessa della professione: che pensa di queste nuove frontiere?

«Sono assolutamente ottimista e vedo questa trasformazione più che positiva. Ritengo che le nuove frontiere tecnologiche possano determinare un potenziamento delle attività del medico e del dentista nei riguardi proprio del paziente. È altrettanto evidente che questo comporta un cambiamento al quale bisogna adattarsi rapidamente adottando tutte le misure di tipo formativo ed operativo che sono necessarie. È tuttavia giusto dire che, nonostante l’enorme potenziale di queste tecnologie, queste non possono sostituire quel rapporto professionale tra medico e paziente che è basato su competenze tecnico scientifiche, capacità induttiva e deduttiva tra diagnosi e trattamento efficace. Il rapporto umano è indispensabile, quella componente di empatia che caratterizza il confronto tra professionista e utente oggi appare fondamentale per offrire un riferimento certo a chi ha bisogno di assistenza».

LEGGI ANCHE: BLOCKCHAIN NEL TERZO SETTORE, VELLA (AIFA): «TRASPARENZA E FIDUCIA PER LE DONAZIONI, UTILE ANCHE PER I BILANCI DELLE MULTINAZIONALI»

Una delle rivoluzioni tecnologiche all’orizzonte è la Blockchain. In un suo recente intervento lei ha dichiarato che questa innovazione promette grandi evoluzioni dal punto di vista della trasparenza e della tracciabilità. Secondo lei è possibile un’applicabilità anche sul fronte della previdenza?

«Questo sarebbe molto interessante, la Blockchain sostanzialmente permette una decentralizzazione dei dati e l’esistenza di un registro aperto – ovviamente nel rispetto della privacy e della trasparenza – a tutti quelli che hanno diritto ad accedervi. Inoltre, la scrittura indelebile di tipo informatico traccia perfettamente il momento e la sostanza di quello che vi è scritto. Vero anche che si tratta di una tecnologia energivora che sicuramente dovrà aprire nuovi spazi all’utilizzo e alla fornitura di energia necessaria, questo è da tenere presente, ma nello stesso tempo permette la prevedibilità e la tracciabilità degli atti, aspetto fondamentale dal punto di vista medico per quello tutto quello che è refertazione, certificazione e tracciatura. Dal punto di vista previdenziale può aprire la porta ad una potenzialità collegata ai contratti intelligenti che possono essere scritti sostanzialmente in queste ‘stringhe’ e dunque, garantire il riconoscimento dell’esercizio operativo e professionale della proprietà intellettuale. Infatti i medici sono professionisti liberali che si sostanziano per la persistenza e il riconoscimento di un bagaglio tecnico, professionale e personale del tutto individuale – anche se all’interno di organizzazioni strutturate – che ha sempre conseguentemente un’indubbia ricaduta sulla collettività. Da questo punto di vista la proprietà intellettuale è caratterizzante della sostanza, dell’assistenza e dell’opera professionale, dunque è corretto che questa possa prevedere il giusto riconoscimento, la giusta remunerazione – anche in senso previdenziale – senza passare per le piattaforme della rete informatica. La Blockchain può farlo».

LEGGI ANCHE: BLOCKCHAIN, IL LIBRO “CRIPTO-SVELATE” SPIEGA LA RIVOLUZIONE CHE COINVOLGERÀ ANCHE LA SANITÀ

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Carenza medici, l’assessore Arru (Sardegna): «Con quota cento rischio boom di pensionamenti. Aumentare borse di studio per MMG»
Il titolare della Sanità sarda difende la riforma della rete ospedaliera regionale: «Problema non è la carenza di servizi, ma un eccesso di servizi mal distribuiti che molto spesso non raggiungono i volumi indicati e suggeriti dal Piano nazionale esiti». Poi rilancia la medicina multiprofessionale per affrontare cronicità
Ue: Blockchain è soluzione giusta per sicurezza e trasparenza in sanità e per la filiera del farmaco
Il messaggio degli esponenti del Parlamento Europeo e della Commissione, in occasione della presentazione a Bruxelles del libro “Crypto-Revelation” di Andrea e Massimo Tortorella
Blockchain in sanità (e non solo), la Ue è pronta alla sfida della regolamentazione?
Al Parlamento europeo presentato il libro “Crypto-revelation” di Andrea e Massimo Tortorella. Istituzioni ed esperti del settore Fintech si confrontano sulla necessità di una legislazione comune per regolamentare il “sistema dei blocchi”, ICO e criptovalute
Previdenza, la proposta di Oliveti (Enpam): «Creiamo cassa comune che unisca medici dipendenti e non»
Il presidente di Enpam e Adepp elenca le proposte presentate al ministero del Lavoro, dalla costituzione di un fondo di solidarietà intercasse a maggiori investimenti per welfare circolare
Taglio alle pensioni d’oro, Damiano (Pd): «No al ricalcolo retroattivo: è un principio pericoloso»
«Un contributo di solidarietà temporaneo, della durata di tre anni, sulle pensioni al di sopra dei 4-5 mila euro netti mensili. La Corte Costituzionale lo approverebbe». La proposta dell’ex ministro del Lavoro, Cesare Damiano
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila