18 maggio 2018

Novo Nordisk, ecco i ciclisti con diabete che sfidano i campioni

Sono tutti ciclisti professionisti. E tutti hanno il diabete, di tipo uno o due. Gli atleti del Team Novo Nordisk percorrono le strade del mondo per dimostrare che il diabete non è un impedimento per raggiungere anche grandi traguardi  sportivi. Due gli italiani in squadra: lo sprinter Andrea Peron e il giovane Umberto Poli. Dal suo esordio […]

Sono tutti ciclisti professionisti. E tutti hanno il diabete, di tipo uno o due. Gli atleti del Team Novo Nordisk percorrono le strade del mondo per dimostrare che il diabete non è un impedimento per raggiungere anche grandi traguardi  sportivi. Due gli italiani in squadra: lo sprinter Andrea Peron e il giovane Umberto Poli. Dal suo esordio nel dicembre 2012, il Team ha partecipato a oltre 160 gare, ha corso decine di migliaia di chilometri attraverso più di 30 paesi. I ciclisti controllano la glicemia con un glucometro portatile e indossano un CGM, o Continuous Glucose Monitor, che produce letture del glucosio ad intervalli di alcuni minuti. Il team è parte integrante del progetto Changing Diabetes che mira ad assicurare esiti migliori per i pazienti.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano