26 settembre 2017

Gian Luca Ottomanelli

Presidente IPASVI La Spezia

Al termine dei tre giorni di procedure elettorali presso la sede di Via Taviani, il Collegio Infermieri IPASVI spezzino ha rinnovato le proprie cariche, e la composizione del proprio Consiglio Direttivo, per il triennio 2018-2020. Faranno parte del Consiglio Direttivo Francesco Falli, Gian Luca Ottomanelli, Cinzia Pisarelli, Gianni Murgia, Sonia Cerchi, Nico Furletti, Isabella Sarpi, […]

Al termine dei tre giorni di procedure elettorali presso la sede di Via Taviani, il Collegio Infermieri IPASVI spezzino ha rinnovato le proprie cariche, e la composizione del proprio Consiglio Direttivo, per il triennio 2018-2020. Faranno parte del Consiglio Direttivo Francesco Falli, Gian Luca Ottomanelli, Cinzia Pisarelli, Gianni Murgia, Sonia Cerchi, Nico Furletti, Isabella Sarpi, Maria Benedetta Eguez, Marta Luise, Denise De Simone, Martina Paita, Luca Spadoni, Valentina Sale, Valentina Kourculanin e Valentina Sansò. I nuovi Consiglieri, sentita la volontà dei più votati di procedere ad alcuni cambiamenti nei ruoli ricoperti da tempo, hanno accettato la proposta di indicare Gian Luca Ottomanelli come presidente; Francesco Falli come vice; alla tesoreria Cinzia Pisarelli, mentre è confermata segretario la giovane Denise De Simone.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila