13 Gennaio 2022 15:25

Fabio Pinto

COORDINATORE NAZIONALE FASSID 2022

Nella riunione di Segreteria del 12 gennaio per il cambio mandato in FASSID, che prevede la rotazione del coordinamento fra i sindacati fondatori, è stato nominato Coordinatore Nazionale 2022 Fabio Pinto, recentemente eletto Segretario Nazionale Area radiologica SNR di FASSID. Confermata Coordinatrice dell’area Sanitaria Roberta Di Turi, Segretario nazionale dei farmacisti del SSN. Pinto, radiologo […]

Nella riunione di Segreteria del 12 gennaio per il cambio mandato in FASSID, che prevede la rotazione del coordinamento fra i sindacati fondatori, è stato nominato Coordinatore Nazionale 2022 Fabio Pinto, recentemente eletto Segretario Nazionale Area radiologica SNR di FASSID. Confermata Coordinatrice dell’area Sanitaria Roberta Di Turi, Segretario nazionale dei farmacisti del SSN.

Pinto, radiologo ospedaliero campano, succede ad Alessandra Di Tullio, Segretario  Nazionale dei patologi clinici AIPAC e vanta una lunga esperienza sia nell’area della professione che in campo sindacale. All’uscita dalla riunione ha brevemente commentato la sua conferma al coordinamento dell’organizzazione che riunisce patologi clinici, farmacisti ospedalieri, radiologi, psicologi, medici del territorio.

«Sono onorato e soddisfatto per questa nomina. Certo, sarà una stagione impegnativa. Siamo un sindacato pluridisciplinare e per questo i nostri iscritti sono tutti coinvolti nel governo della pandemia. Il  mio scopo principale è la ricerca della coesione e unità interna e intersindacale per gli ulteriori obiettivi da raggiungere nella prossima tornata contrattuale: colmare le carenze di personale, affrontare le questioni di genere, prevedere modelli organizzativi tesi alla razionalizzazione e alla ottimizzazione dei servizi ospedalieri e territoriali, evitando  l’utilizzo improprio delle specialità. E ovviamente la rivalutazione ed adeguamenti salariali per una categoria che sta fronteggiando da troppo tempo una pandemia con armi spuntate. Purtroppo non possiamo tacere che quanto costruito nel precedente contratto di lavoro  spesso non viene applicato nelle aziende, con la scusa del momento emergenziale. Chiediamo un preciso impegno all’Aran e ai Ministri competenti per colmare ritardi e inadempienze. La salute non può attendere. E neanche i medici e i dirigenti sanitari».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 gennaio, sono 320.249.932 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.521.977 i decessi. Ad oggi, oltre 9,56 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre