Salute 30 dicembre 2016

Nella calza della Befana solo libri: è tutta salute

Il nuovo trend delle vacanze. Per l’Epifania ecco alcune proposte per un regalo che fa bene allo spirito ma anche al corpo…

Leggere fa bene alla salute, è scientificamente dimostrato che i libri aiutano a rilassarsi, a riflettere e a distrarsi dallo stress che accumuliamo quotidianamente. La lettura è una grande alleata del benessere sia fisico che mentale, ancora meglio se sono i libri stessi a parlare di salute. Per conciliare la scienza con il tempo libero, ecco alcuni consigli che potrebbero tornare utili per riempire la calza della Befana.

Interessante ‘Io in te cerco la vita’, edito da L’Orma Editore e dedicato a Anna Kuliscioff, una fra le prima donne italiane a prendere la laurea in medicina nel 20° secolo. Una figura di spicco sia nel mondo scientifico che in quello politico. La Kuliscioff amava definirsi ‘ la dottora delle donne’, dedicò infatti gran parte della sua carriera alla studio delle malattie femminili contratte durante la fase della gravidanza. «Anna Kuliscioff è una figura che è stata importantissima in Italia ma poco ricordata ai giorni nostri – racconta Elena Vozzi, curatrice del libro ‘Io in te cerco la vita’ -. Fra le prime donne laureate in medicina in Italia, la Kuliscioff si era specializzata sull’origine batterica delle febbri puerperali che, all’epoca, erano fra le cause principali di mortalità femminile. Veniva chiamata la ‘dottora delle donne’ ed era lei stessa a insistere sulla desinenza femminile per tutte quante quelle professioni che tradizionalmente erano riservate solo agli uomini. La Kuliscioff andava a esercitare la professione di medico soprattutto fra le donne e nei quartieri più poveri di Milano, è stata una medica militante sul campo di battaglia».

La salute si coniuga con la letteratura anche nel libro di Hacca Edizioni ‘Attorno a questo mio corpo’. Il volume racconta i grandi della letteratura italiana attraverso le loro nevrosi, le paure e i tic legati alla fisicità. Anziché le rime illustri, in primo piano affiorano le debolezze fisiche e mentali dei grandi della storia letteraria italiana. Da Dante a Ungaretti, da Alfieri a Saba «un’antologia volta a indagare il rapporto tra corpo e scrittura – spiega Francesca Chiappa, editore di Hacca Edizioni -. Il libro fa luce su aspetti sconosciuti di questi grandi scrittori: malattie, disturbi della psiche che inevitabilmente hanno influito sui loro capolavori letterari. La parola infatti è necessariamente legata al corpo e dunque il benessere o il malessere fisico influisce inevitabilmente sulla capacità di espressione sia orale che scritta».

Un medico con talento da scrittore è Vincenzo Mastronardi, noto psichiatra e criminologo che, insieme al criminalista Armando Palmegiani e al giornalista investigativo Fabio Sanvitale, firma la copertina di ‘Sangue sul Tevere’ di Sovera Edizioni. Un racconto a metà tra il giallo e un manuale di psicologia, nel quale si snodano, fra le strade cupe di una Capitale fredda e cinica, assassini seriali che danno libero sfogo alla loro perversione più estrema. Gli autori raccontano, sia dal punto di vista scientifico che sociale, fin dove può arrivare l’abisso della mente umana tracciando precisi profili di pericolosi serial killer realmente esistiti.

Con un profilo diverso ma sempre in camice bianco, anche Pietro Bartolo, il medico simbolo di Lampedusa, che, insieme alla giornalista Lidia Tilotta, si affaccia per la prima volta al mondo editoriale con ‘Lacrime di sale’, edito da Mondadori. Un libro che ha il sapore di una testimonianza, la testimonianza di chi, ogni giorno, si scontra con la tragedia degli sbarchi clandestini. «Nel mio libro racconto di uomini che sbarcano in territori stranieri e che vogliono solo essere trattati da esseri umani. A Lampedusa questo facciamo, prima di portare assistenza medica, pensiamo a trasmettere solidarietà e comprensione».

Ancora combinare salute e lettura con i libri che aiutano a mangiare sano. In questa ottica, interessante il libro della specialista endocrinologa e nutrizionista Serena Missori, che con ‘Allenati, mangia e sorridi’ suggerisce oltre 150 ricette per mangiare bene e vivere al meglio. Cibo e movimento sono un abbinamento inscindibile per restare in forma e in salute. A questa combinazione, la specialista in endocrinologia e malattie del ricambio, consiglia anche di associare la meditazione per un programma unico e adatto a tutti.

Articoli correlati
Gravidanze gemellari: verità e miti da sfatare. La parola alla Dottoressa Stazi dell’Istituto Superiore di Sanità
I gemelli in biologia, le caratteristiche genetiche, la predisposizione familiare, la parola all'esperta, la dottoressa Maria Antonietta Stazi, Responsabile del Registro Nazionale Gemelli dell’Istituto Superiore di Sanità...
«Il rapporto medico-paziente ora è un ‘ménage à trois’…» parola di Walter Gatti
Bufale o no, il web va dosato coscientemente e con giudizio. Ecco il monito del giornalista e scrittore Walter Gatti che sottolinea quanto rispetto al passato «sia cambiato il rapporto tra camice bianco e assistito»
Mangiare green allunga la vita. Chef Salvini: «I medici vogliono la formazione alimentare»
Alla Luiss il corso ‘Well-being e sostenibilità’ per mangiare sano e nel rispetto dell’ambiente. Lo chef vegano Simone Salvini: «Cucina e medicina si legano indissolubilmente, per stare bene bisogna mangiare in modo sano e senza sprechi». Il Direttore della Luiss, Giovanni Lo Storto: «Il cibo impatta sulla collettività»
Il web rovina rapporto medico-paziente? Vaccaro (Censis): «Attenti a dottor Google». Il caso diabete…
Dal rapporto ‘Diabetes Web Report 2016’ emerge che i pazienti con patologie croniche si rivolgono sempre di più al web per gestire le malattie di cui soffrono. Ketty Vaccaro, presidente dell’Health Web Observatory e responsabile Salute e Welfare Censis: «Avere informazioni e poterle condividere sui social è di grande conforto per i malati»
Salute e immigrazione, allo Stato Regioni il programma Inmp 2016
Il Ministero della Salute ha inviato alla Conferenza Stato Regioni il progetto interregionale per il finanziamento dell’attività 2016 dell’Istituto Nazionale per la Promozione della Salute delle Popolazioni Migranti e il contrasto delle malattie della povertà (Inmp). L’Istituto, mira a sviluppare progetti finalizzati a combattere le disuguaglianze, soprattutto per quel che riguarda il diritto alle cure, […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...