Mondo assicurativo 17 novembre 2014

Il mondo delle assicurazioni

“La responsabilità personale per dipendenti e collaboratori”

di Assicurazione

“Un giovane biologo ricercatore, con contratto  Co.Co.Co in un’azienda  sanitaria pubblica, riteneva che la polizza stipulata dalla sua azienda proteggesse anche la sua responsabilità. Gli viene poi spiegato che questa polizza, mentre copre l’ente per i danni cagionati da lui, prevede comunque che la compagnia assicurativa possa rivalersi su di lui per le somme erogate al danneggiato. Qual è la verità?”

La situazione descritta è iniqua, in quanto realizza un differente trattamento tra gli operatori sanitari dipendenti e i semplici collaboratori (anche se spesso le funzioni svolte da entrambi nell’azienda sono uguali). Normalmente, infatti, solo i dipendenti sono considerati “assicurati”, al pari dell’azienda contraente, nella polizza di Responsabilità professionale stipulata dalla stessa. I dipendenti quindi, in qualità di assicurati per la loro responsabilità personale, non sono soggetti ad alcuna azione di rivalsa da parte dell’assicuratore (né della stessa azienda per le somme pari alla eventuale franchigia). Al contrario, nel caso dei collaboratori, viene protetto esclusivamente l’interesse dell’azienda: il danno cagionato dal collaboratore viene risarcito, ma questi  rimane esposto all’azione di rivalsa da parte della compagnia di assicurazione e/o dell’azienda stessa. La differenza di trattamento  è dovuta alle diverse garanzie riconosciute dalla legge alle due fattispecie contrattuali. Il Co.Co.Co. è considerato un libero professionista a contratto il quale, per principio, opera a suo rischio. Questo suo stato giuridico comporta che esso non può accedere ai “vantaggi” contrattuali e normativi riservati ai dipendenti. Se l’azienda decidesse di estendere la copertura alla responsabilità personale dei collaboratori rischierebbe di cagionare un “danno erariale” e sarebbe imputabile per aver speso denaro pubblico a garanzia di un rischio non suo, ma esclusivo dei collaboratori. L’obbligo assicurativo presenta un ulteriore svantaggio per il Co.Co.Co, che deve assolverlo autonomamente, mentre il dipendente (a parte la polizza per colpa grave) ne è esentato.

Ennio Profeta – consulente SanitAssicura 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...