Salute, benessere e prevenzione i consigli quotidiani per vivere meglio.

infanzia 12 Settembre 2018

Primo giorno di scuola: l’ansia dei genitori. Tre consigli della psicologa per viverlo al meglio

Si avvicina il momento tanto atteso per milioni di bambini: il primo giorno di scuola.  Il primo giorno di scuola rappresenta un momento molto importante nella vita di un bambino, per il suo processo di crescita personale, culturale e sociale. Allo stesso tempo, si tratta anche di un cambiamento drastico nelle sue abitudini di vita […]

Immagine articolo

Si avvicina il momento tanto atteso per milioni di bambini: il primo giorno di scuola. 

Il primo giorno di scuola rappresenta un momento molto importante nella vita di un bambino, per il suo processo di crescita personale, culturale e sociale. Allo stesso tempo, si tratta anche di un cambiamento drastico nelle sue abitudini di vita e questo preoccupa, non poco, i genitori. E allora, come prepararsi a viverlo al meglio, in modo positivo, senza stress e ansia?

I genitori devono essere d’aiuto: la dottoressa Simonetta Gentile dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, psicologa, ha individuato tre suggerimenti per preparare al meglio le famiglie al ritorno tra i banchi dei più piccoli.

NIENTE ANSIA

L’ingresso alla scuola dell’infanzia, per i più piccoli, equivale a uscire dal nido, per spiccare il primo volo verso l’autonomia e l’integrazione sociale. È importante che i genitori ne siano convinti e non trasmettano ansie ingiustificate. Cosa fare allora? Prima di tutto occorre rassicurarsi: ci saranno persone affidabili e lui saprà cavarsela benissimo, ha le risorse per farlo!
Sarà di aiuto per tutti conoscere ambiente e persone a cui affiderete il bambino. Sarebbe quindi opportuno presentarsi agli insegnanti, informarsi sulle regole della scuola, non essere troppo critici e polemici e stabilire un buon rapporto di conoscenza reciproca.
Basterà fargli sapere che conoscete l’ambiente, che approvate le regole della scuola e che siete sicuri che andrà tutto bene perché sarà in buone mani. Sentire la vostra fiducia, servirà a tranquillizzarlo. 

LA SCUOLA PRIMARIA: APPRENDERE? UN PIACERE 

Frequentando la scuola primaria è importante far comprendere al bambino che lo aiuterà ad arricchire le sue conoscenze. Il messaggio è: “Qui si diventa grandi davvero!”. I genitori devono vigilare su eventuali difficoltà specifiche, ma rispettare i suoi tempi e non allarmarsi eccessivamente se presenta dei piccoli ritardi sui tempi di lettura e di scrittura.

LA SCUOLA SECONDARIA 

La fase della scuola secondaria è particolarmente delicata per tutti i bambini, soprattutto perché segna il passaggio dall’infanzia verso l’adolescenza. Si tratta di un periodo carico di stimoli e di rischi: per questo, è importante informare correttamente i vostri figli sui pericoli delle dipendenze, sull’evoluzione sessuale, sul modo di gestire correttamente la relazione con l’altro sesso, sui pericoli del web. Siate vigili e attenti senza essere pressanti, promuovete la vicinanza emotiva e la tenerezza senza violare la sua privacy, abbiate rispetto per l’autonomia e per l’immagine sociale.

Fonte: A scuola di salute, magazine a cura dell’Istituto Bambino Gesù per la Salute del bambino e dell’adolescente

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 ottobre, sono 43.018.215 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.153.964 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 26 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare