Salute, benessere e prevenzione i consigli quotidiani per vivere meglio.

infanzia 12 Settembre 2018

Primo giorno di scuola: l’ansia dei genitori. Tre consigli della psicologa per viverlo al meglio

Si avvicina il momento tanto atteso per milioni di bambini: il primo giorno di scuola.  Il primo giorno di scuola rappresenta un momento molto importante nella vita di un bambino, per il suo processo di crescita personale, culturale e sociale. Allo stesso tempo, si tratta anche di un cambiamento drastico nelle sue abitudini di vita […]

Immagine articolo

Si avvicina il momento tanto atteso per milioni di bambini: il primo giorno di scuola. 

Il primo giorno di scuola rappresenta un momento molto importante nella vita di un bambino, per il suo processo di crescita personale, culturale e sociale. Allo stesso tempo, si tratta anche di un cambiamento drastico nelle sue abitudini di vita e questo preoccupa, non poco, i genitori. E allora, come prepararsi a viverlo al meglio, in modo positivo, senza stress e ansia?

I genitori devono essere d’aiuto: la dottoressa Simonetta Gentile dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, psicologa, ha individuato tre suggerimenti per preparare al meglio le famiglie al ritorno tra i banchi dei più piccoli.

NIENTE ANSIA

L’ingresso alla scuola dell’infanzia, per i più piccoli, equivale a uscire dal nido, per spiccare il primo volo verso l’autonomia e l’integrazione sociale. È importante che i genitori ne siano convinti e non trasmettano ansie ingiustificate. Cosa fare allora? Prima di tutto occorre rassicurarsi: ci saranno persone affidabili e lui saprà cavarsela benissimo, ha le risorse per farlo!
Sarà di aiuto per tutti conoscere ambiente e persone a cui affiderete il bambino. Sarebbe quindi opportuno presentarsi agli insegnanti, informarsi sulle regole della scuola, non essere troppo critici e polemici e stabilire un buon rapporto di conoscenza reciproca.
Basterà fargli sapere che conoscete l’ambiente, che approvate le regole della scuola e che siete sicuri che andrà tutto bene perché sarà in buone mani. Sentire la vostra fiducia, servirà a tranquillizzarlo. 

LA SCUOLA PRIMARIA: APPRENDERE? UN PIACERE 

Frequentando la scuola primaria è importante far comprendere al bambino che lo aiuterà ad arricchire le sue conoscenze. Il messaggio è: “Qui si diventa grandi davvero!”. I genitori devono vigilare su eventuali difficoltà specifiche, ma rispettare i suoi tempi e non allarmarsi eccessivamente se presenta dei piccoli ritardi sui tempi di lettura e di scrittura.

LA SCUOLA SECONDARIA 

La fase della scuola secondaria è particolarmente delicata per tutti i bambini, soprattutto perché segna il passaggio dall’infanzia verso l’adolescenza. Si tratta di un periodo carico di stimoli e di rischi: per questo, è importante informare correttamente i vostri figli sui pericoli delle dipendenze, sull’evoluzione sessuale, sul modo di gestire correttamente la relazione con l’altro sesso, sui pericoli del web. Siate vigili e attenti senza essere pressanti, promuovete la vicinanza emotiva e la tenerezza senza violare la sua privacy, abbiate rispetto per l’autonomia e per l’immagine sociale.

Fonte: A scuola di salute, magazine a cura dell’Istituto Bambino Gesù per la Salute del bambino e dell’adolescente

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Rebus idrossiclorochina: arma anti-Covid o farmaco pericoloso? L’inchiesta di Sanità Informazione

Dopo lo studio ritirato da Lancet, l’OMS ha riavviato i test clinici. In Italia aumentano i medici che sperano nel farmaco e chi l’ha usata ‘sul campo’ la promuove. Cauda (Gemelli): «Può ave...