Sanità internazionale 20 Settembre 2022 11:02

In Europa la variante dominante del batterio della gonorrea è resistente all’antibiotico più usato

Uno studio pubblicato sulla rivista The Lancet Microbe ha rilevato che il batterio responsabile della gonorrea più diffuso in Europa è resistente alla prima linea di trattamento, cioè all’antibiotico azitromicina

In Europa la variante dominante del batterio della gonorrea è resistente all’antibiotico più usato

In Europa la variante predominante del batterio che causa la gonorrea, il gonococco, è resistente a uno dei farmaci più comunemente usati per il trattamento dell’infezione. A lanciare l’allarme è uno studio condotto dagli scienziati della Conselleria de Sanitat Universal i Salut Públic, della Fondazione per la promozione della salute e della ricerca biomedica della regione di Valencia (Fisabio), del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, e dell’Università di Oxford. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista The Lancet Microbe.

L’azitromicina non funziona contro il batterio più diffuso

Ogni anno si stima che ci siano 82 milioni di casi di gonorrea in tutto il mondo. La gonorrea è una malattia sessualmente trasmissibile che può causare varie complicazioni. Secondo i ricercatori, la sorveglianza delle varianti più diffuse è è fondamentale per stabilire quali siano i trattamenti più efficaci a contrastare l’infezione e tutti i problemi sanitari ad essi associati. Per questo il team di ricerca, guidato dalla scienziata Leonor Sánchez-Busó, ha esaminato il lignaggio europeo più diffuso di Neisseria gonorrhoeae. «L’analisi genomica – afferma Sánchez-Busó – mostra l’espansione di una variante in Europa che riesce a resistere all’azitromicina, uno dei farmaci più comunemente utilizzati per il trattamento dell’infezione da gonococco».

Il batterio della gonorrea dominante risponde ad altri antibiotici

I ricercatori hanno sequenziato e analizzato il genoma del batterio della gonorrea raccolto da 2.375 campioni raccolti nel 2018 in 26 paesi. L’indagine ha permesso di stabilire i collegamenti tra i diversi lignaggi, la resistenza ai farmaci e le informazioni epidemiologiche. «La variante predominante in Europa – conferma Sánchez-Busó – sembra in grado di resistere all’azitromicina». Questo lignaggio predominante sembra avere un’associazione significativa con infezioni faringee nei gruppi a rischio. «Fortunatamente, nei campioni analizzati non abbiamo riscontrato mutazioni che potrebbero compromettere il trattamento con potenziali nuovi antibiotici, come zoliflodacina o geopotidacina», precisa la scienziata.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Tumore del colon, un enzima del batterio Escherichia coli diventa “osservato speciale”
La sequenza cromosomica pks+, presente nel batterio Escherichia Coli (E.Coli), sembrerebbe contribuire allo sviluppo del tumore al colon. uesto è il risultato dello studio pubblicato sulla rivista Nature Communications, realizzato grazie alla collaborazione tra l’Istituto di Ricerca sul Cancro (Londra), Human Technopole e Università degli studi di Milano-Bicocca
I disinfettanti possono favorire la resistenza agli antibiotici di un superbatterio mortale
La maggior parte dei microbi muore se esposta ai comuni prodotti per la pulizia, ma i residui di questi disinfettanti potrebbero spingere i batteri mortali a diventare resistenti agli antibiotici. Questo è il risultato allarmante di uno studio condotto dalla Macquarie University di Sydney e pubblicato sulla rivista Nature Microbiology
Antibiotici, Pregliasco: “Uso inappropriato di fluorochinoloni rischioso per la salute”
In Italia si abusa di antibiotici fluorochinoloni. Fabrizio Ernesto Pregliasco, direttore sanitario dell’IRCCS Ospedale Galeazzi, Sant'Ambrogio, e professore all’Università degli Studi di Milano, spiega a Sanità Informazione i possibili pericoli
Streptococco, test rapidi e antibiotici: ecco la guida dei pediatri SIP
All'aumento dei casi di streptococco e all'attuale carenza di antibiotici in Italia la Società italiana di pediatria (SIP) ha risposto con una guida semplice e pratica per affrontare il batterio. Messa a punto dal Tavolo Tecnico Malattie Infettive e Vaccinazioni della SIP, guidato da Susanna Esposito
Usa, allarme Shigella multiresistente. Gobbi (Negrar): «Anche in Italia c’è il rischio che arrivi»
Negli Stati Uniti sono aumentati i casi di infezione da un ceppo batterico gastrico resistente ai farmaci. Si tratta della shigellosi, un'infezione causata dal batterio Shigella, che provoca febbre, diarrea e mal di stomaco. A lanciare l'allarme sono stati i Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie (CDC). Per Federico Gobbi, direttore del dipartimento di Malattie Infettive e Tropicali dell’IRCCS Sacro Cuore di Negrar (Verona), potrebbero esserci rischi anche per l'Italia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...