Salute 23 Febbraio 2022 17:51

«Stop ai tamponi per sanitari vaccinati, screening su popolazione a rischio». Le raccomandazioni della SItI per il post

Snellire e calibrare il contact tracing, allontanare da scuola solo alunni malati «ma distanziamento e mascherine restino»

«Stop ai tamponi per sanitari vaccinati, screening su popolazione a rischio». Le raccomandazioni della SItI per il post

Giro di boa nella lotta al Sars-CoV-2, con l’attuale scenario epidemiologico in rapida evoluzione che, complice il successo della campagna vaccinale, l’avvicinarsi della bella stagione e le caratteristiche della variante Omicron, impone una rimodulazione delle linee strategiche e delle modalità operative per il contenimento e la diffusione del virus. Mirate sempre più ad una normalizzazione e convivenza col virus nel bilanciamento di tutti gli interessi in gioco. Non a caso, lo stato di emergenza cesserà, salvo imprevisti, il 31 marzo, segnando una data storica dopo più di due anni di pandemia. Al netto di quelle che saranno in concreto le decisioni sui temi più caldi per l’opinione pubblica, in primis la permanenza del Green Pass nella nostra vita quotidiana, il pool di esperti della Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI) ha nei giorni scorsi redatto un position paper con le nuove raccomandazioni necessarie per affrontare al meglio questa nuova fase.

Tra i punti cardine, la SItI indica l’opportunità di semplificare il Contact Tracing rimodulandolo in relazione alla diffusione della malattia, e di implementarne l’automatizzazione su tutto il Servizio Sanitario Nazionale, come già realizzato in alcune Regioni e Province autonome; il potenziamento della rete diagnostica di prossimità, in quanto la ricerca attiva dei casi, la diagnosi precoce ed i programmi continui di sequenziamento genomico restano di fondamentale importanza per la prevenzione della diffusione del contagio; la revisione dei criteri di modulazione della durata dell’isolamento e di fine isolamento in relazione allo stato immunitario del soggetto; infine, ripensare la gestione delle scuole, attuando ogni azione per evitare la didattica a distanza e rendendo i contesti scolastici più sicuri attraverso le coperture vaccinali. Per i dettagli, Sanità Informazione ha sentito Antonio Ferro, presidente della SItI.

Il tracciamento: un modello elefantiaco da snellire e semplificare per aumentarne l’efficacia

«È chiaro che ormai questo strumento dovrebbe essere concentrato verso situazioni particolari – afferma Ferro – come quelle delle comunità a rischio, in primis le RSA. Soprattutto si dovrebbe utilizzare questo periodo di relativa calma per implementare l’informatizzazione per automatizzare e velocizzare il tracciamento dei casi rispetto ai tempi attuali, così da poter porre in essere misure più rapide e incisive. Ad oggi – sottolinea – la maggior parte delle Aziende sanitarie ha perso la capacità di risposta immediata al contact-tracing».

Tamponi? Strumento fondamentale ma in casi selezionati

«C’è poi la questione del testing: non ha più senso – afferma ancora Ferro – testare periodicamente il personale sanitario vaccinato, a meno che non operi in comunità a rischio come le RSA. Idem per quanto riguarda i soggetti asintomatici guariti da meno di 120 giorni, quelli vaccinati con booster o con ciclo primario da meno di 120 giorni. Anche il tampone per Green pass base andrebbe abolito. Resta ferma – osserva il presidente SItI -la necessità di garantire l’effettuazione di un test il più presto possibile a tutti coloro che sviluppano sintomatologia suggestiva di Covid-19, soprattutto in relazione allo stato immunitario del soggetto e alla presenza di patologie concomitanti».

Le misure di prevenzione del contagio ancora necessarie, ma serve coerenza

«Su questo c’è proprio un discorso di coerenza di fondo: che senso ha – si chiede Ferro – imporre le mascherine FFP2 nelle scuole se poi in altri luoghi, chiusi e affollati, come le discoteche, lo stesso obbligo non sussiste? Le mascherine restano uno strumento imprescindibile anche in questa particolare fase epidemiologica, soprattutto in determinati contesti. Insomma – ammonisce il presidente SItI – le misure di protezione individuale tra cui anche il distanziamento, l’igiene delle mani e l’aerazione dei locali sono ancora necessarie, solo in alcuni casi, all’aperto e durante l’attività sportiva, possiamo essere più “morbidi”».

Il nodo delle scuole: il coraggio di un passo in avanti sulla scia di altri Paesi europei

«La didattica a distanza resta quello che dobbiamo evitare il più possibile – osserva Ferro – in più dovremmo allineare il modello scolastico a quello utilizzato per la popolazione in generale. Quindi, allontanare da scuola solo gli alunni sintomatici, come già accade in alcuni Stati europei, e contestualmente aumentare le coperture vaccinali nelle scuole, magari adoperando gli stessi edifici scolastici come sedi vaccinali, sul modello della Puglia. Essenziale – conclude il presidente SItI -prevedere la misurazione della temperatura all’ingresso, insieme all’autosorveglianza in presenza di casi positivi in classe».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Studio “boccia” la colonscopia, forse inutile come strumento di screening
Un importante studio pubblicato sul New England Journal of Medicine indica che l'impatto della colonscopia sulla riduzione della mortalità sarebbe minimo
Sabato screening gratuiti in piazza, l’iniziativa dell’Inrc per la salute del cuore
L’Istituto Nazionale per le Ricerche Cardiovascolari porta in piazza l’iniziativa Sabato della Salute. Dal 5 marzo un camper con attrezzature per ECG e personale medico effettuerà screening cardiologici gratuiti alla popolazione di 7 comuni del Centro Italia
Il grande fallimento di Immuni. Sull’app presenti solo il 2% dei positivi
L'app Immuni è stata un gran fallimento in Italia. Attualmente l'applicazione segnala solo il 2% dei positivi e si stima che abbia contribuito al tracciamento di solo l'1% dei casi. Ma le app di tracciamento hanno fallito anche negli altri paesi d'Europa.
Giornata salute donna, Lorefice (M5S): «Dedicare tempo a prevenzione anche in pandemia»
1rinnovo l'impegno a investire sempre maggiori risorse nel sistema sanitario nazionale affinché ad ogni donna, su tutto il territorio nazionale, sia sempre garantito il diritto alla salute» spiega la Presidente della Commissione Affari Sociali Marialucia Lorefice
Gli screening salvano la vita, ma a che punto siamo?
La pandemia ha rallentato l’attività di prevenzione. Quali rischi e cosa fare per tornare alla normalità? L’intervista al Dottor Pasquale Valente
di Vanessa Seffler
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 3 febbraio 2023, sono 671.338.563 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.838.235 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Ecm

Il questionario di verifica dei corsi FAD deve essere somministrato esclusivamente in modalità on-line?

La Formazione a Distanza (FAD) può anche essere erogata attraverso riviste (e quindi documentazione cartacea) pertanto il questionario di verifica per i corsi FAD effettuati attraverso material...