Salute 12 Ottobre 2022 12:40

Studio “boccia” la colonscopia, forse inutile come strumento di screening

Un importante studio pubblicato sul New England Journal of Medicine indica che l’impatto della colonscopia sulla riduzione della mortalità sarebbe minimo

Studio “boccia” la colonscopia, forse inutile come strumento di screening

La colonscopia è probabilmente la procedura di screening più fastidiosa e meno accettata dalla popolazione, e ora scopriamo che potrebbe non essere tanto utile come si pensava. Un importante studio guidato da Michael Bretthauer, un gastroenterologo dell’ospedale universitario di Oslo, mette in discussione l’efficacia dello screening per il cancro al colonretto eseguito con la colonscopia. I risultati, pubblicati sulla rivista New England Journal of Medicine, indicano che l’impatto della colonscopia sulla riduzione della mortalità sarebbe minimo. Una conclusione, questa, subito contestata dall’American Cancer Society.

La colonscopia non è la bacchetta magica che pensavamo

Lo studio è stato condotto su circa 85mila persone arruolate in Polonia, Norvegia, Svezia, Olanda, analizzando l’efficacia dello screening con la colonscopia. L’analisi dei dati effettuata a 10 anni ha rilevato che nel gruppo di persone invitate a eseguire il test si registrava un calo del 18% del rischio di ammalarsi di cancro del colon, di circa il 10% della mortalità per questa neoplasia e nessuna riduzione della mortalità generale. «Non è la bacchetta magica che pensavamo fosse», dice Bretthauer. «Questo è uno studio fondamentale», commenta Samir Gupta, gastroenterologo dell’Università della California, San Diego, che non è stato coinvolto nella ricerca. «Penso che tutti ci aspettassimo che la colonscopia andasse meglio. Forse la colonscopia non è così buona come abbiamo sempre pensato», aggiunge.

Nello studio vi è una bassa percentuale di adesione allo screening con colonscopia

Tuttavia, lo studio presenta dei limiti che non possono essere ignorati. Gran parte dello scarso successo deriva dalla bassa percentuale di adesione allo screening: appena il 42% ha risposto positivamente all’invito. Se si estendessero a tutti gli invitati i risultati ottenuti in chi ha effettivamente partecipato allo screening si registrerebbe una riduzione del rischio di cancro al colon di oltre il 30% e un dimezzamento della mortalità. «È difficile conoscere il valore di un test di screening quando la maggior parte delle persone nello studio non vi si è sottoposto», ha commentato in una nota William Dahut, Chief Scientific Officer dell’American Cancer Society.

Dubbi sui tempi considerati nello studio

Non è però l’unica lacuna nello studio segnalato dall’associazione americana che, tra le altre cose, ha fatto notare che 10 anni non bastano per osservare vantaggi in una neoplasia che ha tempi di sviluppo molto lunghi; l’aver escluso gli under 55 dallo screening, inoltre, ha tagliato fuori una popolazione – quella compresa tra 45 e 55 anni – in cui il cancro al colon ha un impatto crescente.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
I prodotti per stirare i capelli raddoppiano il rischio di cancro all’utero
Uno studio americano ha scoperto che le donne che utilizzano i prodotti per stirare i capelli hanno l'80% del rischio in più di sviluppare il cancro all'utero
I bambini nati da embrioni congelati sono più a rischio cancro
Uno studio pubblicato sulla rivista Plos Medicine mostra che i bambini nati da embrioni congelati sono più a rischio cancro dei bambini concepiti naturalmente
HPV e tumori, Ricciardi: «Essenziali vaccinazioni, screening e trattamento precoce delle lesioni»
Presentato oggi a Roma lo studio con le risposte italiane alla “call to action dell’Oms sui tumori HPV correlati”
Se il paziente ha dei dubbi, Eric risponde
Costamagna (chirurgo endoscopico digestivo): «Eric è uno strumento di Intelligenza Artificiale conversazionale. Siamo il primo ospedale in Italia ad aver introdotto questa tipologia di tecnologia in ambito endoscopico». Entro il 2025 il mercato globale degli assistenti virtuali potrebbe superare i 3 miliardi di dollari
Colonscopia, anche per vegani una dieta senza sacrifici
«In accordo con i nutrizionisti, abbiamo redatto una serie di consigli specifici per vegani e vegetariani, con diete a bassissimo contenuto di fibre, che ci hanno consentito, di avere ottime preparazioni intestinali i cui valori sono pari a quelle dei pazienti che hanno assunto le preparazioni riportate nelle linee guida internazionali» spiega Luca Pecchioli, responsabile del Servizio di Endoscopia Digestiva dell’INI di Grottaferrata
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 7 dicembre 2022, sono 646.415.951 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.644.903 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa