Salute 12 Ottobre 2022 12:40

Studio “boccia” la colonscopia, forse inutile come strumento di screening

Un importante studio pubblicato sul New England Journal of Medicine indica che l’impatto della colonscopia sulla riduzione della mortalità sarebbe minimo

Studio “boccia” la colonscopia, forse inutile come strumento di screening

La colonscopia è probabilmente la procedura di screening più fastidiosa e meno accettata dalla popolazione, e ora scopriamo che potrebbe non essere tanto utile come si pensava. Un importante studio guidato da Michael Bretthauer, un gastroenterologo dell’ospedale universitario di Oslo, mette in discussione l’efficacia dello screening per il cancro al colonretto eseguito con la colonscopia. I risultati, pubblicati sulla rivista New England Journal of Medicine, indicano che l’impatto della colonscopia sulla riduzione della mortalità sarebbe minimo. Una conclusione, questa, subito contestata dall’American Cancer Society.

La colonscopia non è la bacchetta magica che pensavamo

Lo studio è stato condotto su circa 85mila persone arruolate in Polonia, Norvegia, Svezia, Olanda, analizzando l’efficacia dello screening con la colonscopia. L’analisi dei dati effettuata a 10 anni ha rilevato che nel gruppo di persone invitate a eseguire il test si registrava un calo del 18% del rischio di ammalarsi di cancro del colon, di circa il 10% della mortalità per questa neoplasia e nessuna riduzione della mortalità generale. «Non è la bacchetta magica che pensavamo fosse», dice Bretthauer. «Questo è uno studio fondamentale», commenta Samir Gupta, gastroenterologo dell’Università della California, San Diego, che non è stato coinvolto nella ricerca. «Penso che tutti ci aspettassimo che la colonscopia andasse meglio. Forse la colonscopia non è così buona come abbiamo sempre pensato», aggiunge.

Nello studio vi è una bassa percentuale di adesione allo screening con colonscopia

Tuttavia, lo studio presenta dei limiti che non possono essere ignorati. Gran parte dello scarso successo deriva dalla bassa percentuale di adesione allo screening: appena il 42% ha risposto positivamente all’invito. Se si estendessero a tutti gli invitati i risultati ottenuti in chi ha effettivamente partecipato allo screening si registrerebbe una riduzione del rischio di cancro al colon di oltre il 30% e un dimezzamento della mortalità. «È difficile conoscere il valore di un test di screening quando la maggior parte delle persone nello studio non vi si è sottoposto», ha commentato in una nota William Dahut, Chief Scientific Officer dell’American Cancer Society.

Dubbi sui tempi considerati nello studio

Non è però l’unica lacuna nello studio segnalato dall’associazione americana che, tra le altre cose, ha fatto notare che 10 anni non bastano per osservare vantaggi in una neoplasia che ha tempi di sviluppo molto lunghi; l’aver escluso gli under 55 dallo screening, inoltre, ha tagliato fuori una popolazione – quella compresa tra 45 e 55 anni – in cui il cancro al colon ha un impatto crescente.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Aumenta l’incidenza e la mortalità del tumore al colon-retto tra i giovani adulti, colpa di alcol e obesità
L'incidenza e la mortalità per tumore al colon-retto sono in aumento tra i giovani adulti di 25-49 anni. E' quanto emerge dai risultati, di uno studio, pubblicato sulla rivista Annals of Oncology, nel quale si prevedono i tassi di mortalità per tumore nell'Unione Europea (UE) e nel Regno Unito per il 2024. Ciononostante, la mortalità prevista per questo tipo di tumore risulta complessivamente in calo in tutta Europa
di V.A.
Con cerotto “smart” possibile monitoraggio delle dimensioni del tumore su smartphone
Un dispositivo adesivo indossabile, che si attacca alla pelle come un cerotto, può misurare costantemente le dimensioni di alcuni tumori e trasmettere le informazioni in modalità wireless a uno smartphone. Il dispositivo, sviluppato da Hsing-Wen Sung della National Tsing Hua University di Taiwan e colleghi, è stato descritto sulla rivista ACS Nano
Tumore al seno, l’Intelligenza artificiale può risparmiare alle donne terapie inutili
Grazie all'Intelligenza artificiale è possibile sapere in anticipo se una donna con tumore al seno beneficerà o meno di un trattamento. Un gruppo di ricercatori della Northwestern University, Usa, ha messo a punto un nuovo strumento che potrebbe evitare alle pazienti trattamenti chemioterapici non necessari. Lo studio è stato pubblicato su Nature Medicine
“Movember”: la Società Italiana di Urologia in Senato per promuovere informazione e prevenzione sui tumori maschili
La Siu ha presentato la sua campagna di informazione e sensibilizzazione sui tumori della prostata e dei testicoli. Al centro del dibattito la necessità di un cambiamento culturale nella percezione che gli uomini hanno della propria salute ma anche le difficoltà dei clinici ad agire senza una normativa specifica che ne tuteli le scelte e le azioni. Il contrappasso è il rischio di una medicina difensiva costosa e inutile.
Il BRA DAY allo IEO: ricostruzione del seno più semplice e sicura
L’Istituto Europeo di Oncologia partecipa attivamente alla campagna Bra Day (Breast Reconstruction Awareness, Consapevolezza sulla Ricostruzione mammaria), in occasione dell’Ottobre Rosa, mese dell’informazione e sensibilizzazione sul tumore del seno
di V.A.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...