Salute 18 Aprile 2023 10:55

Appello Società Italiana di Igiene alle Regioni: «Approvare presto piano vaccinale 2023-2025»

La Società Italiana di Igiene Medicina Preventiva e Sanità Pubblica rivolge un appello alla Conferenza Stato Regioni, per l’approvazione del nuovo Piano Nazionale di Prevenzione Vaccinale 2023-2025. Obiettivo garantire, nel più breve tempo possibile, l’uniforme erogazione dell’offerta vaccinale in tutto il Paese a beneficio di tutti i cittadini, nonché mettere gli operatori della Sanità Pubblica nelle condizioni di operare al meglio

Appello Società Italiana di Igiene alle Regioni: «Approvare presto piano vaccinale 2023-2025»

La Società Italiana di Igiene Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI), Società Scientifica di riferimento in Italia per le politiche vaccinali, auspica che, dopo una lunga gestazione, già nel corso della prossima seduta della Conferenza Stato Regioni – in programma mercoledì 19 aprile 2023 – contrariamente a quanto in atto previsto si possa procedere con l’approvazione definitiva della bozza di Piano Nazionale di Prevenzione Vaccinale (PNPV) 2023-2025. 

Ad oltre un anno e mezzo dal termine dei lavori (31 dicembre 2021) del Tavolo Tecnico incaricato dal Ministero della Salute di perfezionare la proposta di PNPV, nonché a quasi un anno (28 Maggio 2022) dal termine della revisione dei contenuti del PNPV da parte del Gruppo Consultivo Nazionale sulle Vaccinazioni (NITAG), non si può fare a meno di esprimere viva preoccupazione per la mancanza di una data certa di adozione della versione definitiva del nuovo PNPV.

Già diverse Regioni e Province autonome, infatti, stanno anticipando alcune delle innovazioni contenute nella bozza di PNPV, nell’ambito dei rispettivi PRPV. Tali iniziative, seppur confermino da una parte la validità scientifica della nuova proposta di PNPV, dall’altra, stanno determinando un’offerta vaccinale diseguale sul territorio nazionale.

Parimenti, la Società Italiana d’Igiene ritiene che ulteriori ritardi nella pubblicazione del PNPV si possano tradurre nell’effetto paradosso di pubblicare un Calendario vaccinale già “superato”, e sebbene sia stata introdotta meritoriamente la possibilità di procedere all’aggiornamento del PNPV da parte del Tavolo Tecnico di Riferimento nel corso del triennio di riferimento 2023-2025.

Infine, rischiano di rimanere inattuate le importanti novità presenti nelle sezioni del PNPV relative alla Comunicazione e alla Formazione in Vaccinologia.

Pertanto, la Società Italiana d’Igiene rivolge un appello alla Conferenza Stato Regioni, affinché si porti in approvazione nella prossima seduta la proposta di nuovo PNPV 2023-2025, in modo da garantire nel più breve tempo possibile l’uniforme erogazione dell’offerta vaccinale in tutto il Paese, a beneficio di tutti i cittadini, nonché di mettere gli operatori della Sanità Pubblica nelle condizioni di operare al .

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Dagli igienisti della SItI una Guida alle buone pratiche vaccinali
La Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI) ha presentato il documento "Guida alle buone pratiche vaccinali", con l'obiettivo di promuovere e garantire servizi vaccinali di eccellenza in tutto il territorio nazionale
di V.A.
«Stop ai tamponi per sanitari vaccinati, screening su popolazione a rischio». Le raccomandazioni della SItI per il post
Snellire e calibrare il contact tracing, allontanare da scuola solo alunni malati «ma distanziamento e mascherine restino»
Antibiotico-resistenza, 700mila decessi l’anno. Il vademecum del SITI: estendere copertura vaccino antinfluenzale
Un trend in crescita che potrebbe raggiungere, in assenza di provvedimenti efficaci e coordinati, i dieci milioni nel 2050, secondo quanto riportato dal Interagency Coordination Group (Iacg) on Antimicrobial Resistance, istituito da ONU e OMS. Solo in Italia i morti nel 2018 sono stati circa 10mila
Vaccini, una risorsa per l’economia. ALTEMS: «Ogni euro investito ne restituisce 2,50»
Stimato l’impatto fiscale delle politiche vaccinali riguardanti l’influenza, lo pneumococco e l’Herpes Zoster e la sua complicanza. In tutti e tre i casi, sia l’impatto fiscale che le perdite di produttività al Sud sono inferiori rispetto alle regioni del Nord, ma più elevate rispetto alle regioni del Centro
La trasformazione digitale nella (e per) la salute pubblica. Gli igienisti nella palestra dell’innovazione
Per costruire una società più sana giocano un ruolo strategico, oltre a big data e intelligenza artificiale, anche altri strumenti digitali come Internet delle cose, blockchain, realtà aumentata e virtuale, e un uso corretto dei social media per campagne di prevenzione realizzate da esperti e in grado di raggiungere la popolazione in modo efficace. Il […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Medici di famiglia, Scotti (Fimmg): “Entro il 2026 15 milioni di italiani saranno senza” 

Intanto scoppia il 'caos estate': “I sostituti sono introvabili e c'è chi va in pensione anticipata per concedersi le ferie”
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...
Advocacy e Associazioni

Porpora trombotica trombocitopenica. ANPTT Onlus celebra la III Giornata nazionale

Evento “WeHealth” promosso in partnership con Sanofi e in collaborazione con Sics Editore per alzare l’attenzione sulla porpora trombotica trombocitopenica (TTP) e i bisogni ancora i...