Salute 27 Aprile 2022 17:01

Terza età, Magi (Omceo Roma): «Siamo indietro, cambiare impostazione organizzativa»

Il convegno “La sanità per la terza età” nella sede dell’Ordine dei medici e degli odontoiatri di Roma. De Lillo (Vicepresidente): «Investire risorse Pnrr sulla formazione dei professionisti sanitari del domani»

Abbandonare vecchi modelli, lavorare in maniera più concreta sul territorio, in sinergia con gli ospedali. Modificare l’attuale impostazione organizzativa, soprattutto quella pubblica». Insomma, «cambiare radicalmente quello che è, oggi, il principio di sanità. Questa è la prospettiva del futuro». Lo ha detto il presidente dell’Omceo Roma Antonio Magi a margine del convegno “La sanità per la terza età” che si è svolto nel tardo pomeriggio di ieri nella sede dell’ordine capitolino.

Un’iniziativa del Tavolo tecnico per i Rapporti con le Autorità (coordinatore Giovanni Carnovale, presidente Antonio Magi, componenti Stefano De Lillo e Maria Grazia Tarsitano). Hanno partecipato all’incontro, tra gli altri, monsignor Vincenzo Paglia presidente della Pontificia Accademia per la vita, Andrea Mandelli Presidente Fofi (Federazione Ordini Farmacisti italiani) e Jessica Faroni, Presidente Aiop Lazio.

Sanità per la terza età: l’Italia è uno dei paesi più vecchi d’Europa

Secondo i dati Eurostat, l’Italia è uno dei paesi più “vecchi” d’Europa e la percentuale di anziani è in continuo aumento. Nel 2030 potrebbero essere il 26,5% della popolazione. A tal proposito, il SSN deve obbligatoriamente riprogettare la sua rete di offerta di servizi, soprattutto pubblici, per gli over 65. Potenziare l’assistenza sul territorio – abbandonare la prospettiva ospedalocentrica – e investire sulla prevenzione in maniera più efficiente per promuovere l’invecchiamento sano e attivo.

Magi (Omceo Roma): «Paziente anziano al centro del processo di cura e assistenza»

Il Presidente Magi ha le idee molto chiare e ai microfoni di Sanità Informazione indica la strada da seguire. «Siamo molto indietro – spiega – la sanità deve cambiare radicalmente l’attuale impostazione organizzativa e l’offerta che propone, specialmente quella pubblica». Secondo il Presidente «con un terzo della popolazione over 65 e con un’aspettativa di vita importante in futuro avremo delle problematiche di gestione di questi pazienti». Si riferisce soprattutto ai malati cronici «che dovranno essere presi in carico sia a domicilio, nelle loro abitazioni, che in istituti appositi o nelle RSA quando non saranno più autonomi». Strutture ospedaliere e ambulatoriali «devono mettere il paziente anziano “al centro” del processo di cura e assistenza».

In futuro ci saranno sei over 65 e mezzo per ogni bambino

Magi invita, poi, a riflettere su un dato particolarmente significativo: «Nel prossimo futuro ci saranno sei over 65 e mezzo per ogni bambino». In parole semplici, ogni bambino avrà sulle spalle 6 persone e mezzo «sia a livello fiscale che a livello di assistenza. Dobbiamo cambiare l’impostazione attuale: in primis, evitare le ospedalizzazioni e lavorare in maniera più concreta sul territorio con una rete di servizi a sostegno e tutela della terza età».

De Lillo (Vicepresidente Omceo Roma): «Investire sul capitale umano»

Anche il Vicepresidente dell’Omceo Roma, Stefano De Lillo, affronta la complessa questione. «Fortunatamente la vita media si è allungata e l’aspettativa di vita è in costante aumento» ricorda al nostro giornale. Questo si traduce in un invecchiamento della popolazione e, di conseguenza, in una serie di sfide da sostenere in relazione alle cronicità ed ai bisogni specifici degli over 65.

«Formare i professionisti sanitari del domani per la terza età»

De Lillo individua nel «capitale umano» il punto centrale. «Medici, specialisti, MMG e operatori sanitari dovranno intervenire sulla popolazione adulta. Oggi ci sono pochi medici che si laureano in rapporto ai bisogni e alla richiesta di salute della popolazione. Pochi geriatri, pochi cardiologi, pochi medici che si formano in medicina generale rispetto alle esigenze di salute di tanta gente» evidenzia. Il Pnrr è un’occasione: investiamo questi soldi nella formazione dei professionisti sanitari del domani per la terza età. Più medici laureati più specialisti, più geriatri, più MMG da preparare» conclude.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
ECM, Leoni (Fnomceo): «Prima responsabilità verso il paziente. Per deontologia e per legge»
L’intervista a tutto tondo a Sanità Informazione: «Formazione ECM uno stimolo ogni giorno. Investire sul personale medico e infermieristico, riprogrammare le risorse per la sanità territoriale. Bisogna considerare la sanità come un investimento e non come un costo in termini di salute dei cittadini»
In Italia è Padel-mania, ma gli esperti avvertono: «Contro i traumi in aumento, più prevenzione e preparazione fisica»
Al via i corsi Consulcesi con la collaborazione del dott. Andrea Grasso per formare medici e operatori sanitari a riconoscere e contrastare i danni fisici legati allo sport
Formazione ECM, Monaco (Co.Ge.A.P.S.): «Obbligo morale e deontologico scritto nel DNA del medico»
L’inadempienza potrebbe comportare ricadute assicurative. «Al di là dell’obbligo di legge, ogni medico deve formarsi per dare al cittadino il massimo della professionalità e delle competenze». Così Il segretario della Federazione degli ordini dei medici sull'ECM
Ecm, Anelli: «Formarsi significa garantire la qualità delle prestazioni»
Il Presidente Fnomceo incentiva la formazione medica e invita ad assolvere l’obbligo formativo in vista della stretta sulle polizze assicurative. «Oggi il professionista sanitario non formato si trova di fronte a delle difficoltà di carattere medico legale. Né le assicurazioni, né i giudici potranno comprendere perché non si è formato»
«Formazione integrata e nuove tecnologie, così si vince la sfida del PNRR». Parla il DG di Tor Vergata Quintavalle
«Abbiamo ottenuto il rinnovo di tutta l’alta diagnostica» spiega Quintavalle che ha partecipato al convegno “Gestione del rischio e PNRR”. Sulla sanità territoriale: «Serve una nuova concezione dell’ospedale di comunità o non avremo nulla di nuovo». A Tor Vergata previsto anche adeguamento sismico e una nuova sezione radiologica
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 28 giugno, sono 544.504.578 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.330.575 i decessi. Ad oggi, oltre 11,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali