Salute 27 Maggio 2021 15:23

Prevenzione, Garattini: «50% malattie croniche e 70% tumori evitabili con corretti stili di vita»

«Prevenzione sia nuova rivoluzione culturale in medicina. La possibilità di avere un buon invecchiamento è nelle nostre mani». Così il professore Silvio Garattini presentando il suo nuovo libro

La nuova sfida della salute è l’invecchiamento di successo, un tema strettamente legato alla sana alimentazione e alle buone abitudini di vita. Questo il focus dell’evento virtuale che si è svolto ieri sulla pagina Facebook e sul canale YouTube dell’I.R.C.C.S. Neuromed di Pozzilli (IS).

Con l’occasione, è stato presentato il libro “Invecchiare bene. La guida pratica per vivere a lungo, felici e in salute”, scritto dal professor Silvio Garattini, fondatore e Presidente dell’Istituto Mario Negri, in collaborazione con il professor Ugo Lucca, responsabile del Laboratorio di Neuropsichiatria Geriatrica dello stesso istituto. All’evento hanno partecipato il professor de Gaetano e la professoressa Licia Iacoviello, Direttore del Dipartimento di Epidemiologia e Prevenzione del Neuromed.

Garattini: «La possibilità di avere un buon invecchiamento è nelle nostre mani»

«L’invecchiamento dipende da tre fattori – ha spiegato il professore – il primo, la genetica e la predisposizione alle malattie. Il secondo sono gli stili di vita: mangiare sano, non fumare, non fare uso di droghe, limitare l’alcool, evitare la sedentarietà e il sovrappeso, dormire almeno sette ore a notte, fare attività fisica e intellettuale. Molti studi – ha rilevato Garattini – indicano come i corretti stili di vita possano attenuare il peso della genetica. Poi c’è il terzo fattore sul quale abbiamo poche possibilità di influire: gli incidenti che ci possono capitare. Ma è certo – ha assicurato – che statisticamente la possibilità di avere un buon invecchiamento è nelle nostre mani».

Garattini: «Prevenzione sia nuova rivoluzione culturale in medicina»

Secondo il fondatore del Mario Negri, la prevenzione è un’arma a salvaguardia del nostro SSN. «Noi siamo tra i Paesi ai primi posti per la lunghezza della vita – ha specificato – ma se valutiamo la durata di vita sana, siamo al 15esimo posto perché abbiamo in media sei anni per i maschi e otto per le femmine in cattive condizioni di salute. Bisogna educare alla prevenzione fin da piccoli, grazie ai genitori. A scuola, si deve insegnare la scienza, a crescere seguendo sane abitudini di vita» ha aggiunto.

Lo scienziato invoca una grande rivoluzione culturale in medicina: «Più del 50% delle malattie croniche (diabete, insufficienza cardiaca, renale, respiratoria) e il 70% dei tumori sono evitabili praticando dei corretti stili di vita. E abbiamo ancora 160mila morti all’anno in Italia per tumore. Dobbiamo agire in questo senso».

Sì, dunque, alla promozione della salute nelle scuole con campagne di informazione accompagnate da interventi diretti a cambiare gli atteggiamenti e i comportamenti. «Serve il contributo di sociologi, antropologi, pubblicitari che riescano a trasmettere l’importanza della prevenzione per riuscire, alla fine, ad avere una buona qualità di vita».

Garattini: «La medicina è un grande mercato, ha grandi interessi economici»

Su questo, Garattini solleva un conflitto d’interessi: «Non possiamo nasconderci che la medicina è un grande mercato, ha grandi interessi economici. Se noi evitiamo il 50% delle malattie evitiamo anche il 50% dell’uso dei farmaci. Se tutti smettessero di fumare – ha ammesso – dovremmo chiudere la maggior parte delle chirurgie toraciche perché avremmo molto meno tumori del polmone».

Giovanni de Gaetano, Presidente dell’Istituto di Pozzilli, ha parlato di «una rivoluzione copernicana della medicina, al centro della quale c’è la persona. Una presa in carico del paziente a 360 gradi, un approccio personalizzato che deve tener conto delle condizioni generali della persona» ha detto.

Prevenzione: la dieta mediterranea riduce del 25% la mortalità

Prevenzione e dieta mediterranea

Il capitolo del libro dedicato all’alimentazione è stato realizzato con la collaborazione del Dipartimento di Epidemiologia e Prevenzione del Neuromed di Pozzilli. Uno studio dei ricercatori ha rivelato che il modello tradizionale di dieta mediterranea, ricco di frutta, verdura, pesce, legumi, olio di oliva e cereali, poca carne e latticini e un moderato consumo di vino ai pasti, si associa a una riduzione media del 25% della mortalità per tutte le cause, con vantaggi, in particolare, per quella cardiovascolare e cerebrovascolare.

«La dieta mediterranea non è soltanto un elenco di cibi – ha evidenziato Licia Iacoviello, direttore del dipartimento di Epidemiologia e prevenzione del Neuromed – ma una filosofia di vita, una cultura che si tramanda, in cui la socialità e la convivialità erano importanti. Aderire alla dieta mediterranea fin dalla prima infanzia è importante per garantirci una vita lunga. Adottare questo stile di vita significa – ha sottolineato Iacoviello – vivere meglio sia dal punto di vista fisico che mentale».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Decreto fiscale e sicurezza nei luoghi di lavoro, FNO TSRM e PSTRP: «Investire su prevenzione, non su sanzioni»
Il decreto fisco-lavoro è stato pubblicato in Gazzetta ufficiale. La FNO TSRM e PSTRP e la Commissione di albo nazionale del Tecnici della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro «esprimono sconcerto per le modifiche introdotte, auspicandone una pronta modifica»
Con Health Masterchef School la prevenzione inizia a tavola
Dodici istituti alberghieri si sono misurati nella ideazione di quattro ricette sane e gustose realizzate dallo chef stellato Danilo Di Vuoto nell’ambito di una iniziativa promossa da Ail, Cittadinanza Attiva e ANDeA per insegnare sin da piccoli a prevenire alcune malattie della pelle con una cucina equilibrata
di Federica Bosco
Entro il 2050 il 75% della popolazione mondiale si trasferirà nei centri urbani. Ma in città ci si ammala di più
Lenzi (Health City Institute): «Riscrivere medicina, clinica e patologia mediche pensando alla città come luogo principale di residenza. Prevenzione cardiovascolare fondamentale per ridurre del 25% la mortalità prematura per malattie non trasmissibili, come raccomandato dall’Italian Urban Health Declaration ai Governi dei Paesi del G20»
di Isabella Faggiano
Estate, malattie gastro-intestinali in aumento. Arriva l’Ecm Series “Gusto è salute” per combatterle
La specialista Serena Missori e la chef Marisa Maffei nella serie formativa per medici e operatori sanitari firmata Consulcesi
Ortottica, 7 giugno è Giornata Mondiale. Intruglio (Comm. Albo): «Campagne di screening siano uniformi in tutta Italia»
Dal 2013 si celebra una ricorrenza che punta l’attenzione su questa professione che in Italia conta 3004 iscritti alla FNO TSRM PSTRP, la maggior parte in regime di libera professione o dipendenti di studi privati. Sono 19 i corsi di laurea attivi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 25 ottobre, sono 243.662.107 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.948.516 i decessi. Ad oggi, oltre 6,8 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?