Salute 18 Giugno 2021 17:30

Mos (Cardiologia dello Sport): «Ecco perché un calciatore con defibrillatore non può giocare in Italia»

«Le linee guida italiane, le più severe in Europa, non prevedono la possibilità di giocare con un defibrillatore per due motivi. L’intensa attività agonistica può essere la causa dell’aritmia e gli scontri di gioco possono colpire l’apparecchio provocando gravi conseguenze»

Mos (Cardiologia dello Sport): «Ecco perché un calciatore con defibrillatore non può giocare in Italia»

Europei 2021. Al minuto 43 della partita Danimarca-Finlandia, il 29enne centrocampista danese Christian Eriksen ha avuto un grave malore e si è pensato al peggio. Il giocatore si è accasciato a terra ed è rimasto privo di sensi per alcuni minuti. I compagni in campo e i tifosi sugli spalti sconvolti e stretti attorno a lui. Con un efficace e tempestivo intervento, i medici sono riusciti a rianimarlo e portarlo al Rigshospitalet di Copenaghen.

Eriksen operato: impiantato il defibrillatore cardiaco sottocutaneo. Potrà tornare a giocare a calcio?

I messaggi di incoraggiamento sono arrivati da campioni, tifosi e squadre di tutto il mondo. E mentre si indagano i motivi del malore in campo – si parla di miocardite o difetto ereditario – al calciatore è stato impiantato un defibrillatore cardiaco sottocutaneo (ICD) che gli permetterà di non rischiare più la vita in caso di un’aritmia potenzialmente letale. Nei prossimi giorni farà la convalescenza in Danimarca con moglie e figli, ma la domanda che tutti si fanno è: «Potrà tornare a giocare a calcio?».

Mos (Sicsport): «Se la causa del malore è reversibile il defibrillatore si può togliere. Ma al 99% è permanente»

Lo abbiamo chiesto al dottor Lucio Mos, presidente della Società Italiana di Cardiologia dello Sport. In primis, il cardiologo ci ha spiegato in cosa consiste l’operazione e come funziona questo dispositivo: «L’operazione è semplice, non è rischiosa, si fa in anestesia locale e dura poco tempo – precisa l’esperto -. Si tratta di inserire una tasca sottocutanea, una piccola apparecchiatura con due cateteri che vanno a finire nel cuore. Ha lo scopo di rilevare continuamente l’attività cardiaca del soggetto e in caso di insorgenza di aritmia, tachicardia ventricolare sostenuta o fibrillazione ventricolare, che è quella che ha avuto il calciatore, dare una piccola scarica per bloccarla. È un apparecchio salvavita utilizzato per i malati di cuore gravi per prevenire la morte improvvisa».

Il defibrillatore regolarizzerà l’aritmia al cuore. Ma il dispositivo sarà temporaneo o permanente? «Dipende dalla malattia sottostante, generalmente viene tenuto sempre. Non conosciamo ancora la causa del malore: se è reversibile e il soggetto guarisce completamente si può togliere. Ma nel 99% dei casi è permanente. Probabilmente il calciatore dovrà tenerlo per tutta la vita». E dire addio alla carriera da calciatore professionista, almeno in Italia.

In Italia non si può giocare con un defibrillatore. Ecco perché

Le regole nel nostro paese, infatti, parlano chiaro: con un defibrillatore è impossibile praticare sport senza rischi traumatici. All’estero, invece, le cose sono diverse: Blind, ex compagno di squadra di Eriksen all’Ajax e difensore dell’Olanda, sta partecipando agli Europei con lo stesso apparecchio salvavita.

«Le linee guida italiane, le più severe in Europa, non prevedono la possibilità di giocare con un defibrillatore – aggiunge il cardiologo Mos – per due motivi. La prima è che l’intensa attività agonistica può essere la causa dell’aritmia, e la seconda è che in caso di traumi e scontri di gioco si può colpire l’apparecchio provocando gravi conseguenze. Ho letto che neanche in Inghilterra può giocare, ma in altri paesi sì» sottolinea il medico.

Idoneità sportiva: servono più esami per prevenire episodi simili?

La questione ha sollevato anche un altro interrogativo: quali sono gli esami per ottenere l’idoneità sportiva? Si potrebbe valutare di cambiare il protocollo, rafforzandolo con ulteriori esami, al fine di evitare episodi simili?

«Una visita medica, un ECG di base e uno durante e dopo lo sforzo, una spirometria e l’esame delle urine. Questi sono gli esami di base – evidenzia il cardiologo -. Per questi professionisti è previsto anche un ecocardiogramma. Se questi controlli risultano negativi non si deve fare altro. Se invece danno qualche sospetto si può fare un holter, la coronarografia, la risonanza magnetica e la Tac coronarica. Non ha senso fare esami di secondo livello se non c’è alcun sospetto in quelli di base: l’idoneità c’è».

«Noi in Italia facciamo più di qualsiasi altro Stato, siamo estremamente prudenti. Da quando c’è l’obbligatorietà della visita sportiva, i dati dimostrano che la morte improvvisa è drasticamente diminuita. E che i controlli e la ripetizione degli esami ogni anno sono importanti per diagnosticare patologie».

Come è possibile, allora, che questo succeda a uno sportivo che ha superato tutti gli esami e i controlli? «Le visite vengono fatte una volta l’anno. Nel frattempo, il soggetto può aver avuto una miocardite, un trauma al cuore». Gli esami attuali, ad ogni modo, sono sufficienti: «Sì, farne altri, senza alcun sospetto, sarebbe come proporre una Tac o una risonanza magnetica a tutti per prevenire i tumori» conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Cuore, i risultati della survey di Deloitte. Drei: «Tre aspetti abilitano l’innovazione dei pazienti a rischio»
Dall’indagine a cui hanno partecipato 350 clinici emerge la necessità di una maggiore integrazione tra MMG, specialisti e farmacie attraverso il ripensamento dei percorsi diagnostico-terapeutici-assistenziali e l’implementazione della Digital Health
Giornata mondiale del cuore 2021, nel 2030 i morti saranno 24 milioni l’anno
Il World Heart Day si celebra il 29 settembre di ogni anno. Gli esperti si confrontano su priorità piani e politiche di contrasto alle patologie cardiovascolari
Malattie cardiovascolari prima causa di morte in Italia. Il 63% dei medici cerca nuove forme di connessione con pazienti
Lo studio IQVIA-Sanofi, in collaborazione con la Fondazione Italiana per il Cuore, fotografa l'impatto del Covid nelle malattie cardiovascolari. In conseguenza alla riduzione delle visite, anche l’aderenza alle terapie è diminuita in modo significativo
Cardiologia e sport legati (sempre più) a filo doppio. Ecco perché
Corrado (Università di Padova): «I medici dello sport siano formati anche per valutare una risonanza magnetica»
di Federica Bosco
Prevenzione cardiovascolare, tornano a esibirsi in teatro i cardiologi-musicisti
Il 20 giugno, dopo un anno di stop, torna l’evento “3 Cuori per la Musica - Ricominciare e poi…” con i cardiologi-musicisti che si esibiranno sul palco del Teatro Ghione. L'obiettivo è ricominciare a sensibilizzare sulla prevenzione delle malattie cardiovascolari e raccogliere i fondi necessari all’acquisto di defibrillatori da destinare a strutture pubbliche e private per combattere la morte cardiaca improvvisa
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 dicembre, sono 266.517.100 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.263.777 i decessi. Ad oggi, oltre 8,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Perché nonostante i vaccini i casi di Covid-19 aumentano?

di Guido Rasi, ex Direttore Esecutivo dell'EMA e Direttore Scientifico Consulcesi
di Guido Rasi, ex Direttore Esecutivo dell'EMA e Direttore Scientifico Consulcesi