Salute 11 Novembre 2019

Malattie neurodegenerative: calciatori più colpiti? Tedeschi (SIN): «Microtraumi e tossine presenti sull’erba possibili cause di Alzheimer e Sla»

Il Presidente della Società italiana di Neurologia: «Si è calcolato che in una singola partita di calcio un atleta professionista tocca la palla di testa dalle 6 alle 12 volte, quindi nella sua vita calcistica la toccherebbe migliaia di volte». Sulla Sla: «L’ipotesi più verosimile è che il tutto sia dovuto a tossine che un tempo erano presenti sui campi di calcio e che si trovano nelle piante dell’isola di Guam»

di Federica Bosco

Buone e cattive notizie per i calciatori professionisti. Un recente studio realizzato in Scozia su un campione di 7676 atleti e pubblicato sul New England Journal of Medicine ha messo in luce una minor mortalità per infarto del miocardio, ictus cerebrale e tumori polmonari, ma una maggiore presenza tra gli ex calciatori di malattie neurodegenerative come l’Alzheimer. Secondo il presidente della Società italiana di Neurologia, professor Gioacchino Tedeschi, le cause vanno ricercate nell’intensa attività agonistica. «Si è calcolato che in una singola partita di calcio un atleta professionista tocca la palla di testa dalle 6 alle 12 volte, quindi nella sua vita calcistica la toccherebbe migliaia di volte. Quindi sembrerebbe che, all’origine di questa maggiore mortalità per Alzheimer, ci possano essere i colpi di testa.  Però, se si fa una sotto analisi e si paragonano i calciatori con i portieri che ovviamente non colpiscono la palla di testa, è emerso che non esiste alcuna differenza».

«Questo è un primo dato che deve fare riflettere – rimarca Tedeschi -. Una seconda osservazione, che deve essere fatta, è che la ricerca prende in considerazione calciatori professionisti che presentano per alcuni versi le stesse caratteristiche di altri sportivi di élite, ma che fanno sport di maggior contatto, come il football americano. Lì non si tratta di traumi minori per il colpo di testa, ma di traumi maggiori per le contusioni che gli atleti si procurano durante gli scontri».

LEGGI ANCHE: SLA: PERCHE’ COLPISCE GLI SPORTIVI

Sforzo fisico intenso e microtraumi, invece, non avrebbero alcuna correlazione con la temutissima Sla, sclerosi laterale amiotrofica, che purtroppo negli ultimi decenni ha causato la morte di diversi calciatori professionisti.

«L’ipotesi più verosimile è che il tutto sia dovuto a tossine che un tempo erano presenti sui campi di calcio e che si trovano nelle piante dell’isola di Guam. Esistono queste tossine, gli uccelli le mangiano, gli abitanti mangiano i volatili e quindi ingeriscono queste tossine che inducono un parkinsonismo indotto. Quindi l’ipotesi che c’è per i calciatori è che il tutto derivi dai diserbanti e dalle tossine presenti nei campi in erba calpestati piuttosto che nei traumatismi».

Cartellino giallo dunque per il calcio professionistico. Per trasmettere un messaggio corretto agli atleti, cosa dobbiamo dire?

«Un messaggio che bisogna dare agli atleti, per non spaventare nessuno, riguarda i calciatori non professionisti che possono tranquillamente giocare a calcetto e tutti possiamo tranquillamente mandare i nostri figli a giocare nelle scuole calcio».

Articoli correlati
Legge su cefalea cronica, i pazienti: «Non un traguardo ma un punto di partenza. Abbiamo diritto all’invalidità civile»
Si attende un nuovo farmaco specifico per la cura dell’emicrania. Tedeschi (SIN): «Si tratta di una terapia piuttosto costosa che richiederà una rete di strutture e specialisti dedicati»
di Isabella Faggiano
Lo sviluppo di emicrania si può predire di tre anni. Lo studio (tutto italiano) che ha ottenuto il Wolff Award
Intervista al professor Gioacchino Tedeschi, presidente della SIN e a capo del team dell’Università “Luigi Vanvitelli” della Campania vincitrice del premio
Sla: il nuovo metodo per la diagnosi precoce si effettua su prelievi di saliva
L’importante passo in avanti arriva dalla collaborazione tra l’IRCCS Fondazione Don Gnocchi e l’IRCCS Istituto Auxologico Italiano. I ricercatori hanno individuato nella saliva un biomarcatore utile alla diagnosi precoce della malattia
Grande successo per la virtual run “Corri il Solstizio per AISLA Firenze”
Circa 200 persone hanno partecipato da tutta Italia e non solo
Alzheimer: un promettente aiuto dalle cellule staminali
Il Morbo di Alzheimer fa paura a tutti, ma oggi la ricerca scientifica accende una nuova speranza: le cellule staminali mesenchimali.  Uno studio tutto italiano pubblicato il mese scorso sulla importante rivista internazionale Stem Cells Traslational Medicine  indica le cellule staminali mesenchimali come protagoniste di una ricerca molto interessante. Il gruppo della Dott.ssa Silvia Coco, Centro di Neuroscienze dell’ Università […]
di Pierangela Totta, Responsabile scientifico Futura Stem Cells
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...