Salute 11 Novembre 2019

Malattie neurodegenerative: calciatori più colpiti? Tedeschi (SIN): «Microtraumi e tossine presenti sull’erba possibili cause di Alzheimer e Sla»

Il Presidente della Società italiana di Neurologia: «Si è calcolato che in una singola partita di calcio un atleta professionista tocca la palla di testa dalle 6 alle 12 volte, quindi nella sua vita calcistica la toccherebbe migliaia di volte». Sulla Sla: «L’ipotesi più verosimile è che il tutto sia dovuto a tossine che un tempo erano presenti sui campi di calcio e che si trovano nelle piante dell’isola di Guam»

di Federica Bosco

Buone e cattive notizie per i calciatori professionisti. Un recente studio realizzato in Scozia su un campione di 7676 atleti e pubblicato sul New England Journal of Medicine ha messo in luce una minor mortalità per infarto del miocardio, ictus cerebrale e tumori polmonari, ma una maggiore presenza tra gli ex calciatori di malattie neurodegenerative come l’Alzheimer. Secondo il presidente della Società italiana di Neurologia, professor Gioacchino Tedeschi, le cause vanno ricercate nell’intensa attività agonistica. «Si è calcolato che in una singola partita di calcio un atleta professionista tocca la palla di testa dalle 6 alle 12 volte, quindi nella sua vita calcistica la toccherebbe migliaia di volte. Quindi sembrerebbe che, all’origine di questa maggiore mortalità per Alzheimer, ci possano essere i colpi di testa.  Però, se si fa una sotto analisi e si paragonano i calciatori con i portieri che ovviamente non colpiscono la palla di testa, è emerso che non esiste alcuna differenza».

«Questo è un primo dato che deve fare riflettere – rimarca Tedeschi -. Una seconda osservazione, che deve essere fatta, è che la ricerca prende in considerazione calciatori professionisti che presentano per alcuni versi le stesse caratteristiche di altri sportivi di élite, ma che fanno sport di maggior contatto, come il football americano. Lì non si tratta di traumi minori per il colpo di testa, ma di traumi maggiori per le contusioni che gli atleti si procurano durante gli scontri».

LEGGI ANCHE: SLA: PERCHE’ COLPISCE GLI SPORTIVI

Sforzo fisico intenso e microtraumi, invece, non avrebbero alcuna correlazione con la temutissima Sla, sclerosi laterale amiotrofica, che purtroppo negli ultimi decenni ha causato la morte di diversi calciatori professionisti.

«L’ipotesi più verosimile è che il tutto sia dovuto a tossine che un tempo erano presenti sui campi di calcio e che si trovano nelle piante dell’isola di Guam. Esistono queste tossine, gli uccelli le mangiano, gli abitanti mangiano i volatili e quindi ingeriscono queste tossine che inducono un parkinsonismo indotto. Quindi l’ipotesi che c’è per i calciatori è che il tutto derivi dai diserbanti e dalle tossine presenti nei campi in erba calpestati piuttosto che nei traumatismi».

Cartellino giallo dunque per il calcio professionistico. Per trasmettere un messaggio corretto agli atleti, cosa dobbiamo dire?

«Un messaggio che bisogna dare agli atleti, per non spaventare nessuno, riguarda i calciatori non professionisti che possono tranquillamente giocare a calcetto e tutti possiamo tranquillamente mandare i nostri figli a giocare nelle scuole calcio».

Articoli correlati
Morte Anastasi, AISLA Firenze fa chiarezza sulla SLA e ricorda l’importanza delle cure palliative
Dopo la morte di Pietro Anastasi, AISLA Firenze, sezione fiorentina di AISLA Onlus, intende diffondere informazioni corrette sulla malattia. In occasione di eventi tragici come questo purtroppo si susseguono notizie sensazionalistiche, prive nella maggior parte dei casi di una adeguata conoscenza della malattia. Si ricorda che l’età media di insorgenza della SLA sporadica è di […]
Merck premia la tecnologia e l’innovazione per migliorare il benessere psicofisico dei pazienti con sclerosi multipla
A Milano la quarta edizione del premio Merck in neurologi dedicato a questa grave patologia. Mancardi (SIN): «I pazienti possono continuare ad avere una vita sociale senza dover rimanere confinati in casa. Questo dipende dal grado di disabilità del paziente, ma la tecnologia è utile nelle fasi lievi»
di Federica Bosco
Costruito il primo neurone artificiale, servirà a combattere l’Alzheimer
In silicio, il neurone hi-tech risponde ai segnali del sistema nervoso e segna un passo in avanti verso la possibilità di riparare circuiti nervosi e ripristinare funzioni perdute
Alzheimer, scoperta la molecola che ‘ringiovanisce’ il cervello e blocca la malattia
Secondo gli scienziati della Fondazione EBRI 'Rita Levi-Montalcini' l'anticorpo A13 avrebbe la proprietà di favorire la nascita di nuovi neuroni contrastando così i difetti che accompagnano le fasi precoci della malattia
Malattie neurodegenerative, Chiò (Molinette): «Fiducia dalle terapie geniche per cura SLA»
«Il gene su cui si agisce è il più antico scoperto della malattia e sul quale si sta sperimentando una micro-molecola che blocca la produzione del gene patogeno» sottolinea il professore del dipartimento Neuroscienze delle Molinette di Torino
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...