Salute 11 Novembre 2019 16:10

Malattie neurodegenerative: calciatori più colpiti? Tedeschi (SIN): «Microtraumi e tossine presenti sull’erba possibili cause di Alzheimer e Sla»

Il Presidente della Società italiana di Neurologia: «Si è calcolato che in una singola partita di calcio un atleta professionista tocca la palla di testa dalle 6 alle 12 volte, quindi nella sua vita calcistica la toccherebbe migliaia di volte». Sulla Sla: «L’ipotesi più verosimile è che il tutto sia dovuto a tossine che un tempo erano presenti sui campi di calcio e che si trovano nelle piante dell’isola di Guam»

di Federica Bosco

Buone e cattive notizie per i calciatori professionisti. Un recente studio realizzato in Scozia su un campione di 7676 atleti e pubblicato sul New England Journal of Medicine ha messo in luce una minor mortalità per infarto del miocardio, ictus cerebrale e tumori polmonari, ma una maggiore presenza tra gli ex calciatori di malattie neurodegenerative come l’Alzheimer. Secondo il presidente della Società italiana di Neurologia, professor Gioacchino Tedeschi, le cause vanno ricercate nell’intensa attività agonistica. «Si è calcolato che in una singola partita di calcio un atleta professionista tocca la palla di testa dalle 6 alle 12 volte, quindi nella sua vita calcistica la toccherebbe migliaia di volte. Quindi sembrerebbe che, all’origine di questa maggiore mortalità per Alzheimer, ci possano essere i colpi di testa.  Però, se si fa una sotto analisi e si paragonano i calciatori con i portieri che ovviamente non colpiscono la palla di testa, è emerso che non esiste alcuna differenza».

«Questo è un primo dato che deve fare riflettere – rimarca Tedeschi -. Una seconda osservazione, che deve essere fatta, è che la ricerca prende in considerazione calciatori professionisti che presentano per alcuni versi le stesse caratteristiche di altri sportivi di élite, ma che fanno sport di maggior contatto, come il football americano. Lì non si tratta di traumi minori per il colpo di testa, ma di traumi maggiori per le contusioni che gli atleti si procurano durante gli scontri».

LEGGI ANCHE: SLA: PERCHE’ COLPISCE GLI SPORTIVI

Sforzo fisico intenso e microtraumi, invece, non avrebbero alcuna correlazione con la temutissima Sla, sclerosi laterale amiotrofica, che purtroppo negli ultimi decenni ha causato la morte di diversi calciatori professionisti.

«L’ipotesi più verosimile è che il tutto sia dovuto a tossine che un tempo erano presenti sui campi di calcio e che si trovano nelle piante dell’isola di Guam. Esistono queste tossine, gli uccelli le mangiano, gli abitanti mangiano i volatili e quindi ingeriscono queste tossine che inducono un parkinsonismo indotto. Quindi l’ipotesi che c’è per i calciatori è che il tutto derivi dai diserbanti e dalle tossine presenti nei campi in erba calpestati piuttosto che nei traumatismi».

Cartellino giallo dunque per il calcio professionistico. Per trasmettere un messaggio corretto agli atleti, cosa dobbiamo dire?

«Un messaggio che bisogna dare agli atleti, per non spaventare nessuno, riguarda i calciatori non professionisti che possono tranquillamente giocare a calcetto e tutti possiamo tranquillamente mandare i nostri figli a giocare nelle scuole calcio».

Articoli correlati
Alzheimer, Gori (Consulcesi): «Aggiornamento è chiave per diagnosi precoce»
In occasione della Giornata Mondiale, Consulcesi lancia un nuovo corso ECM per sensibilizzare e aggiornare i camici bianchi sulle ultime novità
Alzheimer, AIMA ai partiti: «Nessuna attenzione alle persone con demenza, vogliamo risposte»
Alla vigilia della Giornata Mondiale Alzheimer la Presidente Spadin denuncia: un milione di persone  affette da demenza e tre milioni di caregiver restano senza risposte
Alzheimer: scoperta la molecola che può bloccare la malattia, punto di partenza per la cura
Uno studio realizzato dall’Istituto Besta e Mario Negri ha dimostrato che un piccolo peptide somministrato per via nasale sarebbe in grado di evitare l’accumulo delle sostanze tossiche che scatenano la patologia. Studiati gli effetti su modello animale, tra qualche anno la sperimentazione sull’uomo
Giornata Mondiale Alzheimer, AIMA mette a disposizione 10 psicologi per colloqui in streaming
Da oggi fino a martedì 20 settembre è possibile prenotare gli appuntamenti con gli psicologi chiamando la Linea Verde Alzheimer al numero 800 679 679
Regina Elisabetta morta a 96 anni: «Esempio di longevità sana»
Ben 96 anni di vita attiva e 70 anni di regno: la Regina Elisabetta II lascia in eredità un esempio di longevità, lucidità e resilienza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 25 novembre 2022, sono 640.506.327 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.627.987 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino d...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa