Salute 11 Novembre 2019 16:10

Malattie neurodegenerative: calciatori più colpiti? Tedeschi (SIN): «Microtraumi e tossine presenti sull’erba possibili cause di Alzheimer e Sla»

Il Presidente della Società italiana di Neurologia: «Si è calcolato che in una singola partita di calcio un atleta professionista tocca la palla di testa dalle 6 alle 12 volte, quindi nella sua vita calcistica la toccherebbe migliaia di volte». Sulla Sla: «L’ipotesi più verosimile è che il tutto sia dovuto a tossine che un tempo erano presenti sui campi di calcio e che si trovano nelle piante dell’isola di Guam»

di Federica Bosco

Buone e cattive notizie per i calciatori professionisti. Un recente studio realizzato in Scozia su un campione di 7676 atleti e pubblicato sul New England Journal of Medicine ha messo in luce una minor mortalità per infarto del miocardio, ictus cerebrale e tumori polmonari, ma una maggiore presenza tra gli ex calciatori di malattie neurodegenerative come l’Alzheimer. Secondo il presidente della Società italiana di Neurologia, professor Gioacchino Tedeschi, le cause vanno ricercate nell’intensa attività agonistica. «Si è calcolato che in una singola partita di calcio un atleta professionista tocca la palla di testa dalle 6 alle 12 volte, quindi nella sua vita calcistica la toccherebbe migliaia di volte. Quindi sembrerebbe che, all’origine di questa maggiore mortalità per Alzheimer, ci possano essere i colpi di testa.  Però, se si fa una sotto analisi e si paragonano i calciatori con i portieri che ovviamente non colpiscono la palla di testa, è emerso che non esiste alcuna differenza».

«Questo è un primo dato che deve fare riflettere – rimarca Tedeschi -. Una seconda osservazione, che deve essere fatta, è che la ricerca prende in considerazione calciatori professionisti che presentano per alcuni versi le stesse caratteristiche di altri sportivi di élite, ma che fanno sport di maggior contatto, come il football americano. Lì non si tratta di traumi minori per il colpo di testa, ma di traumi maggiori per le contusioni che gli atleti si procurano durante gli scontri».

LEGGI ANCHE: SLA: PERCHE’ COLPISCE GLI SPORTIVI

Sforzo fisico intenso e microtraumi, invece, non avrebbero alcuna correlazione con la temutissima Sla, sclerosi laterale amiotrofica, che purtroppo negli ultimi decenni ha causato la morte di diversi calciatori professionisti.

«L’ipotesi più verosimile è che il tutto sia dovuto a tossine che un tempo erano presenti sui campi di calcio e che si trovano nelle piante dell’isola di Guam. Esistono queste tossine, gli uccelli le mangiano, gli abitanti mangiano i volatili e quindi ingeriscono queste tossine che inducono un parkinsonismo indotto. Quindi l’ipotesi che c’è per i calciatori è che il tutto derivi dai diserbanti e dalle tossine presenti nei campi in erba calpestati piuttosto che nei traumatismi».

Cartellino giallo dunque per il calcio professionistico. Per trasmettere un messaggio corretto agli atleti, cosa dobbiamo dire?

«Un messaggio che bisogna dare agli atleti, per non spaventare nessuno, riguarda i calciatori non professionisti che possono tranquillamente giocare a calcetto e tutti possiamo tranquillamente mandare i nostri figli a giocare nelle scuole calcio».

Articoli correlati
SLA: tra le cause un accumulo eccessivo di ferro nel cervello
Uno studio di Università di Milano, Policlinico e Istituto Auxologico italiano riconosce, con una risonanza magnetica nucleare, nell’accumulo di ferro nella corteccia motoria la causa di alterazione del primo motoneurone
di Federica Bosco
Giornata Internazionale Epilessia: la Sin fa il punto alla luce dell’emergenza pandemica
L'epilessia è una malattia che interessa circa 50 milioni di persone in tutto il mondo e non meno di 500.000 in Italia. L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) la inserisce tra le malattie sociali
Sla, sì unanime della Camera per tre mozioni a sostegno di pazienti e familiari
Ogni anno 2 mila nuove diagnosi di Sclerosi laterale amiotrofica. Governo impegnato a creare Registro nazionale e ad assicurare l'accesso permanente delle associazioni dei pazienti ai tavoli istituzionali. Soddisfatta la deputata della Lega Arianna Lazzarini, la prima a presentare una mozione sul tema: «Maggioranza ed esecutivo si sono impegnati, su questi temi non bisogna dividersi. Ora lotta a burocrazia»
Manovra, Bologna (PP): «Presentato emendamento per Finanziare Piano Nazionale Demenze»
«È tempo di adottare investimenti strumentali e di ricerca finalizzati alla diagnosi precoce, al monitoraggio e al trattamento di persone con malattia di Alzheimer» sottolinea il medico e deputato Fabiola Bologna
Demenze, con lockdown situazione peggiorata. Guidolin (M5S): «Sanità frammentata, rendere operativo piano nazionale»
Al webinar "Le demenze e l'incidenza dell'emergenza Covid-19: scenari attuali e prospettive future" hanno partecipato anche laceo di Alzheimer's Disease International Paola Barbarino, la presidente della Sindem Amalia Cecilia Bruni, lo scrittore Flavio Pagano e il segretario generale della Federazione Alzheimer Italia Mario Possenti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 maggio, sono 156.080.676 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.256.425 i decessi. Ad oggi, oltre 1,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco